CHI SIAMO...
Le Rubriche di Contro Vento.. Galleria fotografica... Le mie pubblicazioni..


Parola
e cerca per..
Per titolo Per autore



mercoledì 17 gennaio 2007

VERSIONE STAMPABILE

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
1
FERROVIE DELLO STATO S.p.A.
REGOLAMENTO
PER LA
CIRCOLAZIONE DEI TRENI
________
EDIZIONE 1962
________
RISTAMPA 1995 aggiornata con l'Appendice 1 e con gli O.S.
109/1966 - 56/1967 - 95/1967 - 8/1968 - 3/1969 - 51/1969 - 71/1969
- 16/1970 - 34/1970 - 15/1971 - 5/1972 - 28/1972 - 38/1973 -
57/1976 - 6/1978 - 31/1979 - 14/1982 - 4/1983 - 6/1984 - 37/1984 -
22/1985 - 33/1986 - 67/1989 - 24/1992 - 26/1994 - 10/1997.
Impaginazione grafica del testo mediante il programma WINWORD 97 eseguita
dal C.S.Sovr. MARTINO Antonio della stazione di Udine.
Rielaborazione del 18.10.1997
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
2
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
3
INDICE
INDICE..................................................................................................................................................................... 3
ARTICOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI......................................................................................................... 5
ARTICOLO 2 - LINEE E TRENI........................................................................................................................... 5
ARTICOLO 3 - REGIMI DI ESERCIZIO - PRESCRIZIONI ............................................................................... 9
ARTICOLO 4 - ITINERARI E DISPOSITIVI DI SICUREZZA.......................................................................... 13
ARTICOLO 5 - SERVIZIO SCAMBI E SEGNALI.............................................................................................. 16
ARTICOLO 6 - ARRIVO, PARTENZA E PERCORSO DEI TRENI.................................................................. 20
ARTICOLO 7 - MANOVRE E STAZIONAMENTO DEI ROTABILI................................................................ 29
ARTICOLO 8 - PRECEDENZE ............................................................................................................................ 32
ARTICOLO 9 - INCROCI .................................................................................................................................... 33
ARTICOLO 10 - TRENI ORDINARI PERIODICI .............................................................................................. 39
ARTICOLO 11 - TRENI STRAORDINARI AD ORARIO PRESTABILITO..................................................... 40
ARTICOLO 12 - TRENI STRAORDINARI AD ORARIO LIBERO................................................................... 44
ARTICOLO 13 - TRENI SUPPLEMENTARI....................................................................................................... 45
ARTICOLO 14 - SOPPRESSIONE, FUSIONE E SOSTITUZIONE DEI TRENI............................................... 47
ARTICOLO 15 - ANTICIPO NELLA CORSA DEI TRENI ................................................................................ 49
ARTICOLO 16 - LOCOMOTIVE ISOLATE DI RINFORZO. TRENI SENZA CAPOTRENO.
TRENI AFFIDATI AL SOLO GUIDATORE........................................................................................................ 51
ARTICOLO 17 - TRENI MATERIALI CARRELLI E TRADOTTE.................................................................. 54
ARTICOLO 18 - INTERRUZIONI DI CIRCOLAZIONE E INTERVALLI D'ORARIO .................................. 56
ARTICOLO 19 - CIRCOLAZIONE A BINARIO UNICO SU LINEA A DOPPIO BINARIO........................... 62
ARTICOLO 20 - RAPPORTI FRA STAZIONI E POSTI DI LINEA .................................................................. 66
ARTICOLO 21 - GUASTI DEL BLOCCO ELETTRICO E DELLE TELECOMUNICAZIONI.
PILOTAGGIO ....................................................................................................................................................... 71
ARTICOLO 22 - SERVIZIO IN TEMPO DI NEVE............................................................................................. 72
ARTICOLO 23 - RITARDI E ANORMALITÀ NELLA CORSA DEI TRENI.................................................... 73
ARTICOLO 24 - LOCOMOTIVE DI RISERVA. SOCCORSO AI TRENI ........................................................ 78
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
4
ARTICOLO 25 - DISABILITAZIONE DELLE STAZIONI. SOSPENSIONE DEL SERVIZIO
SULLE LINEE....................................................................................................................................................... 80
ARTICOLO 26 - FERMATE GESTITE DA PERSONALE DEL MOVIMENTO.............................................. 86
ARTICOLO 27 - MARCIA PRIVILEGIATA ....................................................................................................... 88
ALLEGATO I - DETERMINAZIONE DELLE PRECEDENZE DI ORARIO ................................................... 89
I. PRECEDENZE RELATIVE AI TRENI ORDINARI O STRAORDINARI COMPRESI NELL'ORARIO GENERALE DI
SERVIZIO .............................................................................................................................................................. 89
II. - PRECEDENZE RELATIVE A TRENI STRAORDINARI NON COMPRESI NELL'ORARIO GENERALE DI
SERVIZIO. ............................................................................................................................................................. 90
III. - TRENI CHE MODIFICANO L'ORARIO DI ALTRI TRENI - TRENI INCOMPATIBILI................................................. 90
ALLEGATO II - DETERMINAZIONE DEGLI INCROCI D'ORARIO E DI FATTO...................................... 91
A) DETERMINAZIONE DEGLI INCROCI D'ORARIO.................................................................................. 91
I. - Incroci relativi a treni ordinari o straordinari compresi nell'orario generale di servizio......................... 91
II. - Incroci relativi a treni straordinari non compresi nell'orario generale di servizio. ................................. 95
III. - Treni che modificano l'orario di altri treni . Treni incompatibili. ....................................................... 95
B) DETERMINAZIONE DEGLI INCROCI DI FATTO................................................................................... 95
ALLEGATO III - PRINCIPALI DOCUMENTI INTERESSANTI LA CIRCOLAZIONE DEI
TRENI .................................................................................................................................................................... 97
PARTE A - REGISTRI, PROSPETTI ED AVVISI INTERESSANTI LE STAZIONI ...................................................... 97
Modulo M.42 - RAPPORTO SUL MOVIMENTO DEI TRENI (art. 3/3):........................................................... 98
Modulo M.55 - REGISTRO DI CONSEGNA FRA DIRIGENTI (art. 3/3):......................................................... 99
Modulo M.53 - PROSPETTO DEI BINARI D'ARRIVO E DI PARTENZA DEI TRENI (art. 5/2). .................... 101
Modulo M.50 - AVVISO DI ATTIVAZIONE O CESSAZIONE DI RALLENTAMENTO (art. 6/23):.................. 102
Modulo M.50/a - AVVISTO DI SPOSTAMENTO DI RALLENTAMENTO (art. 6/23):..................................... 103
PARTE B - MODULI DI PRESCRIZIONE ........................................................................................................ 104
DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE............................................................................................... 104
Modulo M.40 - MODULO DI PRESCRIZIONE AI TRENI (art. 3/15): ........................................................... 105
Modulo M. 7 - ORDINE DI PARTENZA CON SEGNALE DISPOSTO A VIA IMPEDITA (art. 5/18
R.C.T.) O DA BINARIO SPROVVISTO DI SEGNALE DI PARTENZA (art. 49/6bis R.S.):.............................. 105
Modulo M.3 - ORDINE DI RALLENTAMENTO (art. 6/23):........................................................................... 105
Modulo M.4 - ORDINE DI INCROCIO (art. 9/2):.......................................................................................... 105
Modulo M.1 - ORDINE DI SPOSTAMENTO DI INCROCIO (art. 9/15 e 18): ................................................ 106
Modulo M.6 - AVVISO AI TRENI CIRCOLANTI SUL BINARIO ILLEGALE DELLA RIDUZIONE
DEL SERVIZIO A BINARIO UNICO SULLE LINEE A DOPPIO BINARIO (art. 19/10):................................ 106
Modulo M.5 - AVVISO DI MANCATO FUNZIONAMENTO DEL BLOCCO ELETTRICO
MANUALE E DEL BLOCCO ELETTRICO CONTA-ASSI (art. 21/1bis):........................................................ 106
Modulo M.5/BA - AVVISO DI GUASTI AL BLOCCO ELETTRICO AUTOMATICO (art. 21/1bis): ................ 106
FORMULE DEI DISPACCI DI MOVIMENTO ................................................................................................. 107
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
5
ARTICOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI
1. Le norme del presente Regolamento sono integrate dal Regolamento sui
segnali nonché dalle Disposizioni ed Istruzioni particolari di servizio e, per
quanto occorra, da norme specifiche emanate dalle Unità centrali e periferiche
interessate.
1bis. Al fine della sperimentazione, ritenuta imprescindibilmente
necessaria, di nuove norme regolamentari, derivanti anche dall'introduzione di
nuove tecnologie, e limitatamente al tempo indispensabile per il suo
completamento, le Unità centrali competenti possono, informandone il Ministro
interessato e sotto la sua vigilanza, adottare norme di esercizio provvisorie,
anche in deroga alla regolamentazione vigente.
2. Il personale addetto alla circolazione dei treni, oltre a soddisfare agli
obblighi di competenza derivantigli dalle norme di cui al comma 1, è tenuto ad
intervenire ogni qualvolta rilevi, nell'espletamento delle sue mansioni, un fatto
od evento che possa arrecare pregiudizio alla sicurezza della circolazione.
3. Nei casi non previsti ogni agente, nei limiti delle sue attribuzioni, deve
provvedere con senno e ponderatezza, in analogia per quanto possibile alle
norme che regolano i casi previsti.
ARTICOLO 2 - LINEE E TRENI
1. La circolazione ferroviaria si svolge su linee a uno o più binari.
Le linee a semplice binario sono attrezzate per la circolazione dei treni nei
due sensi sull'unica sede disponibile.
Le linee a doppio binario sono attrezzate per la circolazione dei treni sul
binario di sinistra per ciascun senso di marcia. Detto binario è denominato legale.
Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di destra, si dice che
essi viaggiano sul binario illegale.
2. Norme particolari di circolazione possono essere impartite, dalle Unità
centrali interessate o dalle Unità periferiche interessate, per linee a doppio
binario che siano specialmente attrezzate per l'uso promiscuo di ciascun
binario nei due sensi, nonché per complessi a tre binari.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
6
3. Le linee sono divise in tronchi delimitate da stazioni capotronco.
Lungo le linee esistono località di servizio con diverse caratteristiche e
funzioni.
4. Diconsi stazioni le località di servizio normalmente delimitate da segnali
di protezione, utilizzate per regolare la circolazione dei treni e munite di impianti
atti ad effettuarvi le precedenze fra treni nello stesso senso e, sul semplice
binario, gli incroci fra treni in senso opposto.
Le stazioni non adibite al servizio pubblico sono anche denominate posti di
movimento.
Una stessa stazione può comprendere più posti di movimento.
Le stazioni munite di doppio segnalamento di protezione e partenza sono
indicate, con apposito segno distintivo, nell'orario di servizio.
5. Fra le stazioni si distinguono le:
- stazioni di diramazione, nelle quali convergono due o più linee;
- stazioni di passaggio fra il doppio e il semplice binario;
- stazioni capotronco, che delimitano un tronco di linea ed assumono
particolari funzioni per la circolazione.
Una stessa località può essere servita da più stazioni indicate in orario come
capotronco; in tal caso una di esse viene denominata capotronco principale.
In base alle loro caratteristiche essenziali le stazioni possono essere distinte
nell'orario di servizio con appositi segni convenzionali.
6. Nell'ambito delle stazioni si distinguono i binari di circolazione (di arrivo
partenza o transito dei treni) ed i binari secondari (non adibiti normalmente al
movimento dei treni).
Vengono denominati binari di corsa i binari di circolazione che costituiscono
la diretta prosecuzione delle linee nell'ambito della stazione. Tali binari,
generalmente di più corretto tracciato, sono quelli utilizzati di regola per il
transito dei treni senza fermata.
6 bis. Sono denominati posti di comunicazione le località di servizio poste
su linee a doppio binario, protette da segnali di blocco, sprovviste di segnali di
partenza e di impianti atti ad effettuarvi precedenze, ma munite di comunicazioni
per il passaggio da un binario all'altro. I posti di comunicazione non telecomandati,
possono essere impresenziati oppure presenziati da dirigente di
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
7
movimento o da agente di guardia; in quest'ultimo caso la manovra dei deviatoi
è inibita.
7. Fra due stazioni successive possono esistere posti di servizio, muniti di
segnali fissi e adibiti al distanziamento dei treni, che vengono denominati posti
di blocco intermedi.
8. Sono denominati bivi, posti di passaggio fra il semplice e il doppio binario,
attraversamenti, le località di servizio protette da segnali fissi, situate fuori
dalle stazioni e munite rispettivamente di impianti di diramazione di due o più
linee, di confluenza in binario unico di linea a doppio binario, di intersezione di
più linee. Dette località di servizio, quando non siano esercitate in telecomando,
sono presenziate di regola da deviatori.
9. Sono denominate fermate le località, adibite al servizio pubblico, che, di
regola, non intervengono nel distanziamento dei treni e non sono utilizzate per
effettuarvi incroci e precedenze.
Le fermate possono anche non essere presenziate.
10. Soppresso.
11. Sono stazioni disabilitate le stazioni temporaneamente non presenziate
da dirigente movimento. Durante il periodo di disabilitazione non possono effettuarsi
incroci o precedenze di treni.
12. Sono denominate posti intermedi le stazioni disabilitate, nonché le località
di servizio definite ai commi dal 6 bis al 10, salvo che non vengano presenziate
da dirigente movimento.
Sono denominati posti di linea i posti fissi per la custodia 1 dei passaggi a
livello (esclusi quelli in consegna a stazioni abilitate), gli altri posti fissi di vigilanza
stabiliti dalle Unità periferiche interessate, nonché i cantieri di lavoro 2
che siano annunciati al dirigente di stazione.
I posti intermedi che manovrano passaggi a livello sono assimilati ai posti
di linea per quanto riguarda il servizio dei passaggi a livello stessi.
1 agli effetti del presente regolamento si considerano custoditi i passaggi a livello il cui
esercizio sia effettuato sul posto, o con manovra a distanza di barriere o semibarriere a cura
delle Ferrovie dello Stato S.p.A.
2 Con denominazione di cantiere si intende un nucleo di lavoro operante per un
determinato periodo di tempo su binari percorsi dai treni e segnalato a distanza dall'apposita
tabella «C» oppure «S» stabilita dal Regolamento sui Segnali.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
8
Le località di servizio definite ai commi dal 6 bis al 10, quando vengano
presenziate da dirigente movimento sono assimilate, ai fini della circolazione,
ai posti di movimento, salvo quanto specificatamente disposto dal Regolamento
sui segnali.
12bis. I raccordi sono impianti che assicurano il collegamento con
stabilimenti industriali o simili, e si possono diramare da un binario di stazione
o da un binario di linea.
Per i deviatoi dei raccordi che si diramano da un binario di linea valgono le
norme di cui all'art. 4 comma 12.
13. Agli effetti della circolazione sulla linea costituisce treno qualsiasi
mezzo di trazione 3, con o senza veicoli, che debba viaggiare da una ad altra
località di servizio o che parta da una località per disimpegnare un servizio
lungo la linea e faccia ritorno nella località stessa.
La denominazione e la qualità di treno vengono assunte alla partenza della
località di origine e conservate durante il viaggio, l'arrivo, la sosta e la partenza
nei punti intermedi del percorso, fino all'arrivo nella località terminale di esso.
Però qualsiasi movimento effettuato durante le soste nelle località di servizio
deve considerarsi manovra.
Ogni treno è accompagnato da determinati documenti, indicati nelle Istruzioni
per il servizio del personale di scorta ai treni.
14. I treni si classificano in: ordinari, straordinari e supplementari.
a) Sono ordinari i treni indicati come tali nell'orario di servizio.
b) I treni ordinari dei quali non è prevista la circolazione tutti i giorni
per l'intera durata dell'orario sono denominati periodici.
c) Sono straordinari quei treni la cui effettuazione ha luogo soltanto
quando se ne manifesti il bisogno. Il loro orario può essere compreso
nell'orario di servizio oppure diramato a parte.
Sono pure straordinari quei treni che si effettuano senza preventiva
indicazione delle ore di partenza e di arrivo nelle singole località di
servizio (treni ad orario libero).
Diconsi giornalieri i treni straordinari che per disposizione delle Unità
periferiche interessate debbano circolare giornalmente per un periodo
determinato o fino ad avviso contrario.
d) I treni supplementari sono la ripetizione di altri treni (ordinari o
straordinari) di cui assumono l'orario con relativi incroci e precedenze.
3 Esclusi i carrelli circolanti con le norme di cui all'apposita Istruzione.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
9
Tali treni possono essere messi in circolazione a seguito e, sul doppio
binario, anche in precedenza ai treni dei quali sono la ripetizione.
15. Per lo scambio di materiali fra stazioni, scali, raccordi od altri impianti di
una stessa località, o di località diverse sono di norma impiegati treni con particolari
caratteristiche denominate tradotte, le cui norme di circolazione sono riportate
nell'art. 17.
16. Per esigenze di servizio connesse alla esecuzione di lavoro e per carico
e scarico di materiali in linea e nelle stazioni, sono impiegati particolari treni
denominati treni materiali (M.L.), le cui norme di circolazione sono riportate
nell'art. 17.
ARTICOLO 3 - REGIMI DI ESERCIZIO - PRESCRIZIONI
1. La circolazione dei treni è regolata in ogni stazione da un dirigente il
movimento che deve essere in possesso della prescritta abilitazione e portare
in servizio apposito distintivo.
Le caratteristiche specifiche di impianto e di esercizio della stazione devono
risultare dal "Registro delle disposizioni di servizio".
2. Nelle stazioni ove la dirigenza del movimento è contemporaneamente ripartita
fra vari agenti, devono essere stabiliti in modo preciso i limiti delle singole
attribuzioni, nonché i rapporti fra i vari dirigenti, per il coordinamento delle
loro iniziative e per la determinazione delle responsabilità individuali.
3. I dirigenti durante il loro turno di servizio devono compilare i prescritti
documenti di stazione, in modo che da essi risulti costantemente la situazione
esatta della circolazione.
Prima di lasciare il servizio, il dirigente cessante deve compilare consegne
scritte in forma chiara, succinta ed inequivocabile, in modo che il subentrante
possa rendersi conto senza incertezze della situazione del servizio per assicurarne
prontamente la continuità. Le consegne devono essere firmate dai dirigenti
interessati anche quando non avvengono in contraddittorio.
Il dirigente cessante risponde delle conseguenze di consegne inesatte od
incomplete. Deve però rispondere delle conseguenze anche il subentrante
quando risulti che avrebbe potuto nell'espletamento delle sue mansioni, avvedersi
delle irregolarità di consegna e provvedere al riguardo.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
10
4. Quando condizioni eccezionali di servizio lo consigliano, un agente con
qualifica o funzioni superiori al dirigente - purché abilitato al servizio movimento
- può avocare a sè la dirigenza del movimento, esonerandone con ordine
scritto il dirigente stesso.
5. Nel presente Regolamento, con il termine dispaccio, quando non sia diversamente
stabilito, si intende sempre una comunicazione firmata, registrata e
trasmessa secondo le norme dell'Istruzione per il servizio del telefono e del
telegrafo.
Sono denominati dispacci di movimento i dispacci che devono essere
scambiati per la circolazione dei treni.
6. La circolazione dei treni può essere regolata:
a) col regime del blocco telefonico;
b) con il regime del blocco elettrico (manuale, automatico o conta-assi)
7. Sulle linee esercitate col regime del blocco telefonico ciascuna stazione
può licenziare un treno solo dopo aver chiesto ed ottenuto per il treno stesso,
mediante appositi dispacci, la via libera dalla successiva stazione abilitata.
La richiesta deve essere effettuata quando è prossima l'ora di partenza o di
transito del treno interessato.
Se il treno deve essere inviato al seguito di altro nello stesso senso sul
medesimo binario, si adotta il dispaccio:
FORMULA N. 1 - SEGUITO TRENO ... CHIEDO INVIARE TRENO
...
Se la via libera deve essere richiesta rispetto ad un treno intercalato in
senso opposto sul medesimo binario, si adotta il dispaccio:
FORMULA N. 2 - DOPO GIUNTO MIA STAZIONE TRENO ...
CHIEDO INVIARE TRENO ...
La stazione che riceve il dispaccio di richiesta può accordare la via libera,
a seguito di un treno inviatole nello stesso senso, solo quando quest'ultimo sia
giunto ad essa completo. All'uopo adotterà il dispaccio:
FORMULA N. 3 - VIA LIBERA TRENO ...
La stazione che accorda la via libera rispetto ad un treno intercalato in
senso opposto sul medesimo binario deve subordinarla anche alla condizione
che quest'ultimo treno sia giunto nella stazione richiedente. All'uopo adotterà il
dispaccio:
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
11
FORMULA N. 4 - GIUNTO VOSTRA STAZIONE TRENO ... VIA LIBERA
TRENO ...
La stazione che riceve il dispaccio di via libera così condizionata deve attendere
che il treno in senso opposto le sia giunto completo, prima di licenziare
il proprio treno.
8. Sulle linee a doppio binario esercitate col regime del blocco telefonico
possono essere eccezionalmente previsti, previa autorizzazione delle Unità
Centrali interessate e ai soli fini del distanziamento dei treni, posti intermedi di
blocco telefonico, protetti da segnale e non presenziati da dirigente movimento.
In tali situazioni, da disciplinarsi con norme particolari emanate dalle Unità
periferiche interessate, i dispacci di cui alle formule 1 e 3 del comma 7
vengono scambiati tra stazioni e posti successivi.
9. Le linee esercitate col regime del blocco elettrico sono suddivise in tratti
(sezioni di blocco), delimitati da segnali fissi vincolati in modo che ciascuna
sezione non possa essere impegnata che da un treno per volta.
Le norme particolari per l'esercizio col regime del blocco elettrico
(manuale, automatico o conta-assi) formano oggetto di apposite Istruzioni.
10. Su determinate linee a scarso traffico la circolazione dei treni è regolata,
anziché dai singoli dirigenti di stazione, da un dirigente unico che vi provvede
in base alle apposite Disposizioni per il servizio con dirigente unico.
11. Le Unità Centrali interessate possono inoltre disporre, per linee a
scarso traffico, l'adozione di altre specifiche norme atte a disciplinare la
circolazione dei treni in deroga alle norme comuni.
12. Su determinate linee a traffico intenso, nella regolazione della circolazione
treni interviene un dirigente centrale per coordinare l'operato dei dirigenti
locali delle stazioni, in base ad apposite Disposizioni per il servizio con dirigente
centrale.
13. In particolari situazioni d'impianto, determinate stazioni o determinati
tratti di linea possono essere subordinati, agli effetti della circolazione treni, ad
altre stazioni o posti di comando centralizzato. In tali casi, di norma, è omesso
il presenziamento sul posto.
Le specifiche norme d'esercizio sono contenute nelle Disposizioni per
l'esercizio in telecomando e nelle Istruzioni emanate dalle Unità Centrali e/o
periferiche interessate.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
12
14. Sono prescrizioni di movimento tutti gli ordini e disposizioni di servizio
che riguardano la circolazione dei treni.
15. Le prescrizioni di movimento che non risultano nell'orario di servizio
devono essere comunicate al personale interessato o con l'aspetto specifico
dei segnali o per iscritto a mezzo degli appositi moduli (allegato III) o con
dispaccio.
Quando dall'indicazione di un segnale fisso o per l'intervento di un dispositivo
di consenso elettrico 4 si possa accertare tempestivamente ai fini della sicurezza
che l'ordine dato sia stato regolarmente eseguito, l'ordine stesso può
essere impartito verbalmente o, se dato per telefono, se ne può omettere la
registrazione.
Ordini verbali riguardanti la circolazione dei treni possono essere inoltre
ammessi per casi specifici contemplati dal presente Regolamento o dalle
Istruzioni di Servizio.
16. Salve le diverse disposizioni del presente Regolamento, spetta alla
stazione che compila il foglio corsa del treno di impartire al personale del treno
stesso le prescrizioni che lo riguardano fino alla stazione di arrivo o fino a
quella dove si cambia il foglio corsa. Le stazioni interessate devono pertanto
comunicare con apposito dispaccio alla stazione che compila il foglio corsa le
prescrizioni occorrenti e riceverne conferma. Per le prescrizioni a carattere
permanente, le anzidette comunicazioni saranno trasmesse una volta tanto,
salvo le eccezioni specificatamente previste.
Determinate stazioni capotronco possono trasmettere in fac-simile i moduli
contenenti le prescrizioni alla stazione che compila il foglio di corsa, con le
modalità stabilite dalle Unità centrali interessate.
17. Salve le diverse disposizioni del presente Regolamento, la stazione
che compila il foglio corsa, quando non abbia potuto provvedere direttamente o
quando la necessità della prescrizione sia sopravvenuta dopo la partenza del
treno, deve darne incarico con apposito dispaccio ad altra opportuna stazione,
ricevendone conferma.
18. Le unità periferiche interessate possono stabilire che le prescrizioni
fatte dalla stazione che compila il foglio di corsa si riferiscano soltanto al tratto
compreso fra la stessa ed una determinata stazione capotronco intermedia, la
4 agli effetti del presente Regolamento un consenso elettrico deve essere sempre
occupabile (da rinnovarsi per ogni movimento di treno).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
13
quale in tal caso deve provvedere alle prescrizioni per il tratto successivo ai
sensi dei comma 16 e 17.
19. È obbligo del macchinista di avvisare l'aiuto macchinista delle prescrizioni
e disposizioni ricevute. Analogo obbligo compete al capotreno per quanto
possa interessare al personale di scorta.
20. Quando il treno ha in testa più locomotive, la stazione dà le prescrizioni
al macchinista della prima locomotiva di testa, il quale deve comunicarle ai
macchinisti delle altre locomotive.
Quando il treno ha una locomotiva (attiva o trainante se stessa) in coda o
intercalata, la stazione deve provvedere per le prescrizioni anche al macchinista
di questa locomotiva. Se il treno ha in coda due locomotive, le prescrizioni
sono date al macchinista della locomotiva contigua al treno, il quale deve comunicarle
all'altro.
ARTICOLO 4 - ITINERARI E DISPOSITIVI DI SICUREZZA
1. Per binario di ricevimento o di stazionamento si intende il binario,
delimitato generalmente da due scambi estremi o da uno scambio ed un
paraurti, sul quale il treno espleta il servizio di stazione.
2. L'itinerario di arrivo di un treno si intende delimitato come segue:
a) arrivo sul binario di ricevimento provvisto di distinto segnale di
partenza - l'itinerario si estende dal segnale di 1.a categoria di
protezione fino al segnale di partenza 5;
b) arrivo su binario di ricevimento privo di segnale di partenza o con
segnale di partenza comune con altri binari - l'itinerario si estende dal
segnale di 1a categoria di protezione fino al primo ente (traversa limite,
punta di deviatoio, paraurti di binario tronco, segnale di partenza)
situato oltre il punto di normale fermata del treno di massima
composizione ammesso a circolare sulla linea o, in mancanza, fino
all'anzidetto punto di normale fermata.
Quando il segnale di protezione è di 2ª categoria l'itinerario di arrivo ha
inizio dal punto protetto dal segnale stesso.
5 Nel caso che al segnale di partenza sia applicato il segnale di prosecuzione di itinerario,
e questo risulti acceso, l'itinerario termina, in deroga a quanto previsto sopra, al successivo
segnale di partenza comune ad altro binario o fascio di binari.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
14
3. I deviatoi dell'itinerario di arrivo devono essere tempestivamente disposti
in modo da assicurare l'inoltro del treno sul binario di ricevimento prestabilito.
Per l'arrivo del treno su binario passante si devono inoltre disporre opportunamente,
secondo le specifiche norme stabilite dalle Unità Centrali
interessate e contenute anche nell'Istruzione per il servizio dei deviatori, i
deviatoi compresi in una zona di sicurezza detta zona di uscita, oltre il termine
dell'itinerario definito al comma 2.
4. L'itinerario di partenza di un treno si estende dal binario di ricevimento o
di stazionamento fino alla piena linea.
I deviatoi dell'itinerario di partenza devono essere tempestivamente disposti
in modo da assicurare l'inoltro del treno stesso sulla linea verso la quale
è diretto.
Alla norma suddetta si fa eccezione per le stazioni, indicate in orario, munite
di deviatoi tallonabili a ritorno elastico, nelle quali il deviatoio di uscita viene
dai treni impegnato in falsa posizione.
5. L'itinerario di transito di un treno senza fermata, comprende i corrispondenti
itinerari di arrivo e di partenza.
6. I deviatoi e le scarpe fermacarri sui binari laterali a quello percorso dal
treno devono di regola essere disposti in modo da realizzare l'indipendenza
dell'itinerario del treno stesso, i primi rispetto agli altri movimenti che possono
svolgersi sul piazzale o a fughe accidentali di veicoli in sosta, e le altre rispetto
a fughe di quest'ultimi, secondo le specifiche norme emanate dalle Unità
Centrali interessate e contenute anche nell'Istruzione per il servizio dei
deviatori.
7. Gli itinerari su deviazioni di scambi comportano per i treni le limitazioni
di velocità indicate nella Prefazione Generale all'orario di servizio.
8. Sono fermascambi di sicurezza i dispositivi di assicurazione dell'ago al
contrago dei tipi esplicitamente designati dalle Unità Centrali interessate.
Tutti i deviatoi delle stazioni inseriti sui binari percorsi dai treni viaggiatori,
nonché tutti i deviatoi dei bivi, devono essere muniti di fermascambi di sicurezza.
In mancanza di fermascambi di sicurezza, i deviatoi incontrati di punta dai
treni devono essere presenziati e ai treni stessi deve prescriversi riduzione di
velocità a 60 km/h. In caso di inefficienza dei fermascambi di sicurezza devono
essere osservate le specifiche disposizioni previste dalle Istruzioni di servizio.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
15
9. Il collegamento di sicurezza è un vincolo, meccanico o elettrico, tra gli
organi per la manovra di un segnale e i deviatoi od eventuali altri meccanismi
(chiusure di passaggi a livello, scarpe fermacarri, ecc.) interessati dal movimento
comandato dal segnale stesso, tale da soddisfare le seguenti condizioni:
a) per disporre il segnale a via libera è necessario che i deviatoi e gli
altri meccanismi interessati siano disposti e assicurati nella posizione
voluta;
b) per rimuovere i deviatoi e gli altri meccanismi da questa posizione,
occorre che il segnale sia ridisposto a via impedita.
10. I deviatoi sul binario di corsa, incontrati di punta dai treni e protetti da
segnali di 1ª categoria preceduto da segnale di avviso, devono essere muniti
di collegamenti di sicurezza con quest'ultimo segnale.
Quando tali collegamenti vengano eccezionalmente a mancare deve prescriversi
ai treni interessati di non superare sugli scambi la velocità di 60 km/h,
salve le ulteriori specifiche limitazioni.
11. Quando un binario tronco non adibito al ricevimento dei treni si dirama
dal binario di corsa, il relativo deviatoio, se incontrato di punta dai treni in arrivo
o da quelli in transito senza fermata, deve essere munito di collegamento di
sicurezza con i segnali per l'itinerario corrispondente al binario di corsa.
Venendo a mancare l'anzidetto collegamento, ai treni di cui sopra deve
prescriversi la marcia a vista e limitazione di velocità a 30 km/h in corrispondenza
del deviatoio stesso.
12. I deviatoi inseriti in linea e quelli che ne realizzano l'indipendenza da
binari laterali devono essere muniti di fermascambio di sicurezza. I deviatoi in
linea incontrati di punta dai treni devono essere muniti di collegamento di sicurezza
con i segnali e, salva l'esistenza di dispositivi di controllo permanente a
distanza stabiliti dalle Unità Centrali inteessate, devono essere affidati alla
sorveglianza di agente idoneo.
Venendo a mancare l'anzidetto collegamento si applicano le norme di cui
al comma 11. In mancanza del presenziamento e del controllo a distanza, ai
treni interessati deve essere prescritto di fermare prima di impegnare i deviatoi
e di oltrepassarli con cautela dopo accertata la loro regolare disposizione.
13. I deviatoi non in esercizio possono essere muniti di particolari dispositivi
di immobilizzazione degli aghi, stabiliti dalle Unità Centrali interessate.
I deviatoi così immobilizzati sono da considerarsi come normali giunzioni
di rotaie.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
16
Le modalità di utilizzazione di tali dispositivi sono contenute nelle apposite
Istruzioni.
14. L'arrivo, partenza o transito di un treno contemporaneamente all'arrivo,
partenza o transito di un altro treno sono ammessi:
a) quando i treni percorrono itinerari di per se stessi indipendenti per
disposizione di impianti;
b) quando l'esistenza di collegamenti di sicurezza garantisce, con la
disposizione a via libera dei segnali, la completa indipendenza degli
itinerari.
15. In determinate stazioni, stabilite d'accordo fra le Unità periferiche
interessate, è ammesso l'arrivo di un treno contemporaneamente all'arrivo,
partenza o transito di un altro treno, pur essendo convergenti gli itinerari
relativi, quando siano soddisfatte tutte le condizioni di sicurezza seguenti:
- il punto di convergenza (traversa limite dello scambio o
dell'attraversamento) sia protetto da segnale di partenza a via impedita,
preceduto da avviso, distinto per binario e ubicato a distanza di almeno
100 metri dal punto stesso, salvi casi eccezionali di distanze inferiori col
minimo di 50 metri, specificatamente autorizzati dalle Unità Centrali
interessate;
- gli impianti della stazione siano muniti di collegamenti di sicurezza i
quali, con la disposizione a via libera dei segnali, garantiscono
l'indipendenza degli itinerari, fatta eccezione soltanto per il punto di
convergenza protetto come al precedente capoverso;
- nel tratto di arrivo compreso fra il segnale di 1.a categoria di
protezione e quello di partenza a via impedita, la pendenza media del
binario non sia superiore al 6 per mille in discesa.
16. Particolari disposizioni locali possono essere impartite dalle Unità
centrali interessate per regolare l'ingresso dei treni incrocianti nelle stazioni
che si trovassero in condizioni eccezionali (forti pendenze, gallerie attigue,
ecc.).
ARTICOLO 5 - SERVIZIO SCAMBI E SEGNALI
1. I deviatori devono assicurarsi del buono stato e del regolare
funzionamento degli scambi e dei meccanismi compresi nelle zone di
giurisdizione, rispettando i criteri e le modalità previsti dalla Istruzione per il
servizio dei deviatori.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
17
2. Ad ogni cambiamento o modificazione dell'orario generale il titolare di
ciascuna stazione stabilisce per i singoli treni, su apposito prospetto, il binario
di ricevimento, partenza o transito, che potrà essere modificato all'occorrenza
dal dirigente il movimento.
Per alcune grandi stazioni si ammette che nel prospetto anzidetto venga
indicato il fascio di binari anziché il singolo binario di ricevimento; in tal caso il
dirigente movimento dovrà precisare tempestivamente al personale di stazione
il binario assegnato a ciascun treno.
3. Per ogni movimento di treno in stazione il dirigente deve tempestivamente
provvedere per la predisposizione dell'itinerario, integrato, agli effetti del
presente articolo, dalla zona di uscita di cui all'art. 4, comma 3.
4. Chi effettua in tutto o in parte la predisposizione dell'itinerario deve constatare
la regolare posizione e assicurazione dei deviatoi interessati, in relazione
ai dispositivi in opera sugli scambi stessi, nonché degli altri enti a lui
affidati e, nell'ambito del settore di giurisdizione, deve acquisire la certezza
che nessun rotabile su binario ostacoli il sicuro passaggio del treno.
L'accertamento suddetto può essere effettuato a mezzo di appositi dispositivi
di controllo a distanza (circuiti di binario).
5. Inoltre chi effettua in tutto o in parte la predisposizione dell'itinerario deve,
in relazione all'organizzazione del servizio esistente nell'impianto e fino ai
limiti della visuale libera nell'espletamento delle proprie mansioni, accertare
che nessun impedimento od ostacolo di qualsiasi genere si trovi sull'itinerario.
6. Chi effettua o sorveglia direttamente qualsiasi operazione suscettibile di
creare ostacoli sui binari percorsi dai treni, è tenuto ad adottare preventivamente
tutte le cautele stabilite dalle disposizioni regolamentari o richieste dalle
circostanze di fatto.
7. La conferma di predisposizione di un itinerario o parte di esso viene
fornita con la diretta consegna delle chiavi di scambi, con comunicazione registrata,
con apposito consenso elettrico o con le altre modalità stabilite dalle Istruzioni
di servizio e comporta implicitamente anche la conferma della regolare
assicurazione degli scambi interessati, nonché della libertà dell'itinerario ai
sensi del comma 4 e 5.
8. L'organizzazione del servizio deve determinare quali posti, oltre a quelli
direttamente interessati alla predisposizione degli itinerari, siano da preavviREGOLAMENTO
CIRCOLAZIONE TRENI
18
sare per ogni movimento di treno, anche agli effetti della sospensione di movimenti
di manovra che potrebbero interferire con i movimenti dei treni stessi.
9. Salvi i casi specifici previsti dal presente Regolamento o dalle Istruzioni
di servizio, i segnali fissi delle stazioni sono normalmente disposti a via impedita.
10. Il dirigente che manovra un segnale a via libera, od ordina comunque il
movimento di un treno, deve preventivamente accertare che sia stato regolarmente
predisposto l'itinerario voluto provvedendo ai diretti controlli, oppure ricevendone
conferma dagli altri agenti interessati ai sensi del comma 7.
11. Se la manovra dei segnali è affidata ad altri posti di servizio, non occorre
la conferma di cui al comma 10 quando, con opportuni collegamenti di sicurezza,
l'itinerario risulti vincolato a mezzo di distinto consenso elettrico sui segnali
trasmesso dal dirigente, oppure quando l'itinerario di partenza risulti vincolato
da appositi segnali, la cui indicazione sia tempestivamente controllabile
dal dirigente stesso.
12. Per l'apertura di segnali affidati ad altro posto di servizio, il dirigente,
eseguiti gli accertamenti di sua spettanza in relazione all'organizzazione vigente
nell'impianto, deve dare ordine di volta in volta con dispaccio all'agente
interessato.
Non occorre la registrazione dell'ordine di apertura:
- quando il segnale sia vincolato a distinto consenso elettrico da
parte del dirigente;
- quando si tratti di appositi segnali di partenza, vincolanti l'itinerario,
la cui indicazione sia tempestivamente controllabile dal dirigente;
- nel caso di cui al comma 16.
13. Chi ha disposto a via libera un segnale deve manovrarlo o controllarne
il ritorno a via impedita appena esso sia stato oltrepassato dal treno.
14. Le specifiche modalità da eseguirsi per la visita agli impianti, per gli accertamenti
della regolarità e libertà degli itinerari e per la manovra dei segnali,
in relazione alle caratteristiche dei dispositivi in opera e delle organizzazioni di
servizio, formano oggetto dell'apposita Istruzione per il servizio dei deviatori.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
19
15. Nelle stazioni stabilite dalle Unità periferiche interessate i compiti e
controlli relativi alla predisposizione e libertà degli itinerari sul piazzale possono
essere affidati in tutto o in parte, anziché al dirigente, ad un agente denominato
apposito incaricato che espleta le sue mansioni in base al programma di
itinerari stabilito per la stazione.
Le attribuzioni dell'apposito incaricato ed i suoi rapporti con il dirigente sono
determinati dall'Istruzione per il servizio dei deviatori.
16. Quando la manovra dei segnali è affidata ad un apposito incaricato,
l'ordine di apertura può essere impartito a quest'ultimo dal dirigente con comunicazione
non registrata, sempre che al dirigente stesso non resti attribuita,
a titolo esclusivo, la diretta esecuzione di accertamenti su una determinata
parte dell'itinerario.
17. Di regola non devono essere modificati gli itinerari dei treni quando sono
già stati aperti i relativi segnali. Quando si verifichi eccezionalmente tale
necessità, occorre l'esplicito ordine del dirigente, secondo le procedure stabilite
nell'Istruzione per il servizio dei deviatori.
18. In caso di guasto ai segnali o di movimenti di treni con segnali a via
impedita, devono essere osservate le specifiche disposizioni previste dal Regolamento
sui segnali.
Il dirigente che voglia ricevere i treni senza fermarli al segnale di protezione
a via impedita per guasto deve per ogni singolo treno, dopo aver disposto
l'itinerario voluto, darne esplicito ordine ad opportuna stazione precedente, che
provvederà per la prescrizione 6.
Il dirigente che debba provvedere alla partenza di un treno con il segnale
di partenza a via impedita per guasto od altra causa, completati gli obblighi di
competenza deve dargli opportuna prescrizione utilizzando uno degli appositi
moduli. Se la circolazione del treno è regolata col regime del blocco telefonico,
sul modulo deve essere indicato anche il numero del relativo dispaccio di via
libera. La prescrizione non occorre quando, per la partenza del treno, il
dirigente possa avvalersi del segnale di avvio, che deve essere utilizzato solo
quando esista la via libera di blocco elettrico.
6 Entrate con marcia a vista a .... con segnale di protezione a via impedita.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
20
ARTICOLO 6 - ARRIVO, PARTENZA E PERCORSO DEI TRENI
1. La velocità di corsa di ciascun treno in ogni tratto della linea deve essere
di regola quella assegnatagli dall'orario, salvo i casi in cui il presente
Regolamento o le altre norme di cui all'at. 1 comma 1 prevedano diversamente.
In ogni caso non devono essere superati i limiti stabiliti dalla Prefazione
Generale all'orario di servizio.
2. Il macchinista deve arrestare il treno avente fermata nel punto più adatto
al suo servizio, senza oltrepassare il termine dell'itinerario d'arrivo (art. 4/2),
salvo specifica prescrizione nei casi espressamente indicati dalle Unità Centrali
interessate.
3. Il macchinista di un treno che si sia fermato al segnale di protezione di
una stazione disposto a via impedita, deve, dopo l'apertura di questo, procedere
lungo l'itinerario di arrivo o di transito in modo da poter arrestare prontamente
il treno stesso nel caso gli venga esposto un segnale di arresto, non superando
comunque sugli scambi la velocità di 30 km/h. Nelle stazioni munite di
doppio segnalamento di protezione e partenza il macchinista può riprendere la
corsa senza le restrizioni di cui sopra, quando venga disposta a via libera per il
transito la luce o l'ala alta di un segnale di protezione a candeliere e, sulle linee
esercitate con il blocco elettrico, anche quando venga disposta a via libera
per il transito la luce o l'ala di un semplice segnale di protezione.
Le disposizioni del presente comma vanno osservate anche nelle fermate
protette da segnali.
4. Nelle stazioni di incrocio notificato (art. 9 comma 14), il macchinista di un
treno avente fermata deve considerare il binario di ricevimento ingombro
all'uscita (comma 13).
5. Partendo da una stazione, il personale di macchina deve assicurarsi del
regolare istradamento del proprio treno in base alle indicazioni fornite dai segnali
fissi di partenza e, dove questi mancano o non sono distinti per ciascun
binario, prestare attenzione alla posizione dei segnali bassi ed all'itinerario da
percorrere.
6. L'arrivo, la partenza ed il transito dei treni nelle stazioni devono essere,
di regola, presenziati in punto opportuno dal dirigente che deve anche accertarne
la completezza.
Per accertare che i treni in arrivo siano completi, quando non abbia la
possibilità di provvedervi di persona, il dirigente può avvalersi del personale
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
21
dipendente e, di personale anche non dipendente, purché debitamente istruito
dal dirigente medesimo, secondo quanto previsto dalle apposite Istruzioni.
Il dirigente può essere esonerato dal presenziamento o dall'accertamento
della completezza dei treni o da entrambi gli obblighi, in relazione all'esistenza
di determinate attrezzature o per particolari situazioni di impianto, in base ai
criteri stabiliti nell'Istruzione per il servizio dei deviatori.
Non occorre che il dirigente accerti la completezza dei treni se questi sono
composti con materiale rotabile avente particolari caratteristiche, secondo
quanto stabilito dalle Unità Centrali interessate.
7. La partenza dei treni può essere ordinata dal dirigente o, in determinate
situazioni dal Capotreno, i quali, prima del licenziamento, in relazione ai
compiti affidatigli e per quanto altro possibile, deve accertare che il convoglio
sia in condizione di partire.
Nelle stazioni di origine ed in quelle dove il treno cambia la composizione,
il dirigente, il veicolista ed il capotreno devono accertare, nei limiti delle attribuzioni
loro conferite dalle Istruzioni vigenti, che il treno si trovi nelle condizioni
di sicurezza richieste per quanto riguarda il computo della frenatura, nonché le
caratteristiche dei veicoli e del loro carico.
8. Il licenziamento dei treni può essere affidato al capotreno nelle seguenti
situazioni:
a) nelle località di servizio non presenziate da dirigente di movimento;
b) in determinate stazioni presenziate da dirigente movimento e
ubicate su linee a doppio binario, purché si verifichino le seguenti
condizioni:
- il binario da cui avviene la partenza sia dotato di segnale di
partenza, che, se comune a più binari, deve essere integrato da
segnale sussidiario di partenza o da segnale basso luminoso o da
indicatore basso di partenza distinti e riferiti al binario da cui avviene
la partenza medesima;
- il segnale di partenza si disponga a via libera e, se esso è
comune a più binari, anche l'eventuale segnale sussidiario di
partenza si disponga a via libera oppure il segnale basso o
l'indicatore basso di partenza di cui al precedente alinea forniscano
l'aspetto specificatamente previsto dal Regolamento sui Segnali;
- la manovra del segnale di partenza sia fatta direttamente dal
dirigente, oppure sia vincolata a distinto consenso elettrico od a
specifico ordine registrato del dirigente medesimo;
- esistano collegamenti di sicurezza che vincolino tutto l'itinerario
che deve essere percorso dal treno. In caso di segnale di partenza
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
22
comune a più binari, le Unità periferiche interessate possono
derogare da tale condizione purché la manovra del segnale basso o
dell'indicatore basso avvenga come stabilito dal precedente alinea;
c) in determinate stazioni presenziate da dirigente e ubicate su linee a
semplice binario, purché, in aggiunta alle condizioni di cui al punto b),
esista il blocco elettrico.
I binari delle stazioni presenziate da dirigente, su cui è previsto il
licenziamento dei treni da parte del capotreno, devono essere indicati
nell'Orario di servizio, specificando quelli muniti di segnale di partenza
comune.
8 bis. Secondo quanto stabilito dalle Unità Centrali interessate, per snellire
le procedure in caso di segnali di partenza a via impedita molto decentrati,
anche nelle stazioni presenziate da dirigente, al licenziamento dei treni può
provvedere il capotreno dopo aver ricevuto le prescrizioni occorrenti.
Le specifiche norme d'esercizio devono essere riportate nell'Orario di
Servizio.
8 ter. In caso di segnale di partenza distinto per binario, quando esistano le
condizioni di cui al comma 8 e il segnale non è visibile, ma esista l'indicatore
alto di partenza, al licenziamento del treno può provvedere il capotreno solo se
l'indicatore è acceso.
Analogamente può provvedere il capotreno in caso di segnale di partenza
comune a più binari, solo se il segnale basso o l'indicatore basso di partenza
forniscano l'aspetto specifico previsto dal Regolamento sui Segnali.
Il dirigente deve intervenire per il licenziamento dei treni senza capotreno
qualora il personale di macchina, stando sulla locomotiva, non sia in
condizione di accertare:
- in caso di segnale distinto per binario, l'aspetto di tale segnale o
l'accensione del relativo indicatore alto;
- in caso di segnale comune a più binari, l'aspetto del segnale
sussidiario di partenza o l'aspetto specifico del segnale basso o
dell'indicatore basso di partenza.
Il dirigente che debba licenziare un treno deve confermare verbalmente al
macchinista la disposizione a via libera del segnale di partenza quanto tale
segnale non è visibile in locomotiva dal macchinista e questi non possa
avvalersi dell'indicatore alto di partenza o del segnale sussidiario di partenza
né dell'aspetto specifico del segnale basso o dell'indicatore basso di partenza.
Ulteriori incombenze del capotreno e del macchinista in casi di mancanza
di visibilità dei segnali relativi alla partenza di un treno sono stabilite nelle
apposite Istruzioni.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
23
8 quater. Il dirigente deve intervenire direttamente per licenziare il treno
previa consegna di apposita prescrizione 7, nei seguenti casi:
- treni con marcia privilegiata;
- treni con trasporti eccedenti la sagoma con divieto d'incrocio in
linea;
- treni circolanti su tratto esercitato a binario unico di linea a doppio
binario (art. 19);
- sulle linee a semplice binario ogni qualvolta il treno da licenziare
non sia distanziato col solo blocco elettrico fino al posto limitrofo;
- ogni qualvolta sia opportuno per necessità contingenti.
8 quinquies. Qualora il dirigente preveda che, in relazione al posto
occupato dal capotreno, il licenziamento da parte di quest'ultimo possa riuscire
difficoltoso ai fini della tempestiva partenza del treno, deve provvedere
direttamente al licenziamento previe intese verbali col capotreno ed il
macchinista.
9. Nelle stazioni i treni devono di regola essere ricevuti sul binario di corsa
o, quando vi abbiano fermata, su quello che risulti più adatto al servizio, tenuto
anche conto della composizione dei treni stessi.
10. Quando un treno debba percorrere un binario deviato e la velocità con
la quale devono essere impegnati i deviatoi non risulti già imposta dalle indicazioni
dei segnali fissi o dall'orario di servizio, se ne deve dare avviso al personale
di macchina ed al capotreno.
La stazione interessata dà l'incarico di praticare tale avviso ad una precedente
stazione di fermata, la quale deve confermare. Mancando la possibilità
dell'avviso o la conferma, il treno deve essere ricevuto previa fermata al segnale
di protezione.
11. Il macchinista di un treno che abbia ricevuto l'ordine di marcia a vista
deve procedere in modo da poter fermare prontamente il treno stesso nella visuale
libera, appena se ne manifesti il bisogno.
Nelle prescrizioni di marcia a vista devono essere sempre indicati il tratto o
la località in corrispondenza dei quali essa va rispetta nonché, possibilmente, il
motivo.
7 A ..... vostro treno licenziato dal dirigente.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
24
12. Di norma nell'ambito delle stazioni la marcia a vista può essere prescritta:
- sul binario di ricevimento (art. 4 comma 1);
- in arrivo (itinerario di cui all'art. 4 comma 2);
- in uscita (itinerario di cui all'art. 4 comma 4);
- nella stazione (itinerario di cui all'art. 4 comma 5).
Quando un treno debba, per qualsiasi motivo, procedere con marcia a vista
nell'ambito di una stazione, il dirigente, deve farlo avvisare da precedente stazione
con il dispaccio:
FORMULA N. 5 - PRESCRIVETE TRENO .... MARCIA A VISTA
SUL BINARIO DI RICEVIMENTO DI .....(oppure IN ARRIVO A .....
oppure IN USCITA DA ... oppure NELLA STAZIONE DI ... ecc.)
PER ... (motivo).
La stazione che riceve l'incarico deve provvedere per la corrispondente
prescrizione al treno e confermare con il dispaccio:
FORMULA N. 6 - TRENO .... AVVISATO MARCIA A VISTA ...
(precisare il tratto come da ordine ricevuto con formula n. 5).
In mancanza della conferma, il treno deve essere ricevuto previa fermata al
segnale di protezione.
12 bis. Nelle località di cui ai commi 6 bis, 7, 8 dell'art. 2, anche se presenziate
da dirigenti movimento, il ricevimento previa fermata al segnale di
protezione non impone ad un treno particolari precauzioni oltre al rispetto
dell'eventuale limite di velocità prescritto dal Regolamento segnali.
Se un treno deve percorrere con marcia a vista una di tali località, presenziata
da dirigente di movimento, e questi non ha ricevuto conferma della relativa
prescrizione, il treno stesso va fatto avanzare con segnale di protezione a
via impedita.
13. Costituisce ingombro un qualsiasi ostacolo sul binario di ricevimento,
oppure all'uscita di esso a meno di 50 o 100 metri oltre il termine dell'itinerario
di arrivo di cui rispettivamente all'art. 4 comma 2 a) o comma 2 b), salve specifiche
deroghe previste dalle Istruzioni di servizio.
Per indicare l'ingombro deve essere esposto segnale di arresto a mano a
100 metri. Se trattasi di paraurti di binario tronco, è sufficiente che questo sia
munito di segnale di arresto.
I treni che devono entrare in stazione su binario di ricevimento ingombro
anche solo all'uscita o tronco con paraurti, nei limiti anzidetti, devono essere
avvisati con la prescrizione di marcia a vista di cui al comma 12, opportunaREGOLAMENTO
CIRCOLAZIONE TRENI
25
mente completata 8, nonché preceduta da quella di fermata per i treni che non
l'abbiano già in orario o prescritta. Se l'ingombro sul binario di ricevimento si
trova prima del termine dell'itinerario di arrivo e la stazione è protetta da segnalamento
di 1.ª categoria, i treni devono essere ricevuti con l'avviso a di stanza
a via impedita.
14. L'avviso di cui al precedente comma non occorre:
a) nelle stazioni di testa indicate come tali nell'orario di servizio
rispetto al paraurti di binario tronco;
b) nel caso di cui al comma 4 per ingombro all'uscita;
c) quando il treno venga ricevuto con l'aspetto specifico del segnale di
protezione previsto dal Regolamento segnali per ingresso su binario
ingombro o corto.
In quest'ultimo caso il segnale di arresto a mano può essere presentato in
corrispondenza dell'ostacolo.
15. Quando l'ostacolo si trova prima del binario di ricevimento ed un treno
debba eccezionalmente essere ricevuto in stazione, il treno stesso deve essere
esplicitamente avvisato e ricevuto previa fermata al segnale di protezione. Se
l'avviso non risulta possibile il treno sarà fatto avanzare in stazione mantenendo
il segnale di protezione a via impedita. L'ostacolo deve essere sempre
protetto con segnale a mano a 100 metri.
16. I passaggi a livello custoditi devono essere normalmente impegnati dai
treni con i relativi mezzi di protezione in posizione di chiusura. La chiusura
dell'attraversamento dovrà essere effettuata almeno 5 minuti prima del passaggio
del treno. Tale anticipo potrà essere ridotto in relazione a particolari situazioni
locali o all'esistenza di appositi dispositivi in base alle norme contenute
nell'Istruzione per l'esercizio dei passaggi a livello.
17. Il macchinista che abbia ricevuto ordine di marcia a vista in corrispondenza
di un passaggio a livello deve fischiare ripetutamente nell'avvicinarsi ad
esso e procedere in modo da poter arrestare tempestivamente il treno al presentarsi
di un qualsiasi ostacolo sul passaggio a livello stesso non superando
la velocità di 4 km/h nell'impegnarlo con la testa del convoglio.
Nella prescrizione di marcia a vista in corrispondenza di un passaggio a livello
deve essere sempre indicata la progressiva del passaggio a livello stesso
o il numero dell'eventuale segnale permissivo di blocco automatico posto a
protezione del o dei P.L.
8 Marcia vista sul binario di ricevimento di .... per ingombro sul binario stesso
(oppure per ingombro all'uscita, oppure tronco).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
26
18. Un dirigente che debba arrestare nella propria stazione un treno non
avente fermata deve attenersi alle norme del Regolamento sui Segnali.
I dirigenti, di propria iniziativa od a richiesta dei capitreno, possono ordinare
ai treni merci la fermata in altre stazioni, oltre a quelle previste dall'orario,
per esigenze di servizio dei treni stessi.
Chi ordina ad un treno la fermata anormale in una stazione deve indicarne
il motivo e possibilmente informarne la stazione stessa.
19. Quando un treno è in ritardo il dirigente deve procurare di sopprimere
nella propria stazione e nei posti intermedi fino alla stazione successiva, la
fermata d'orario prescritta che non occorra per il servizio viaggiatori e non sia
altrimenti necessaria, dandone incarico ad una precedente stazione di fermata
con il dispaccio:
FORMULA N. 7 - SOPPRIMETE FERMATA TRENO ... A ...
La stazione che riceve l'incarico provvede ad avvisare il treno 9.
Una fermata d'orario, oppure prescritta e già partecipata alla stazione in cui
deve avvenire, non può essere soppressa che su esplicito ordine di quest'ultima.
20. Nei casi in cui non sia stato possibile far preavvisare un treno di non
effettuare una fermata d'orario o prescritta, il dirigente può all'occorrenza evitarne
il completo arresto non facendo esporre il segnale d'arresto a mano, disponendo
il segnale di partenza a via libera laddove esista e ordinando tempestivamente
al macchinista, mediante la paletta di comando, la ripresa della
corsa.
Per un treno viaggiatori anche se non ordinario, la procedura sopradescritta
è applicabile alle sole fermate escluse dal servizio pubblico per indicazione
d'orario, o prescritte non per servizio viaggiatori.
Nelle stazioni sede di incrocio notificato valgono le norme di cui all'art. 9
comma 12-b).
21. Nell'orario di determinati treni viaggiatori possono essere previste, in
alcune località, fermate facoltative da effettuarsi con le modalità stabilite dal
Regolamento segnali e dalla Prefazione Generale all'orario di servizio, solo
quando siano richieste da viaggiatori in arrivo od in partenza.
Le fermate facoltative vengono indicate sull'orario di servizio con apposito
segno convenzionale.
9 Soppressa fermata a ...
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
27
22. Sulle linee esercitate col blocco automatico o col blocco conta-assi il
dirigente che non possa per qualsiasi impedimento ricevere in stazione un determinato
treno, oppure più treni successivi ad un determinato treno, deve subito
darne il relativo ordine alle stazioni limitrofe interessate con comunicazione
verbale.
Il dirigente che riceve il suddetto ordine deve confermare con il dispaccio:
FORMULA N. 9 - PER ... (motivo) INTESO DIVIETO DI INVIO
TRENO .... (oppure: TRENI SEGUENTI TRENO...).
Se il treno (o uno dei treni) di cui sopra fosse già partito, il dirigente deve
informarne verbalmente la stazione che ha dato l'ordine e, se del caso, darà
l'inteso di cui sopra per i treni seguenti il treno partito.
La stazione che ha imposto il divieto, quando le cause di esso siano cessate,
autorizza le stazioni interessate col dispaccio:
FORMULA N. 10 - INVIATE LIBERAMENTE TRENO ... (oppure:
TRENI).
Con modalità analoghe può regolarsi ciascun dirigente, anche sulle linee
esercitate con altro regime, ogni qualvolta egli, in base alle circostanze di fatto,
lo ritenga necessario.
23. Quando occorra istituire in linea o in stazione un rallentamento non indicato
nell'orario di servizio, o notificare lo spostamento di un rallentamento già
istituito 10, il Capo Reparto Esercizio Infrastrutture ne dà tempestiva comunicazione,
con l'indicazione di tutti gli estremi necessari, al Capo Reparto
Territoriale Movimento a mezzo di apposito modulo.
Il Capo Reparto Territoriale Movimento, con altro apposito modulo avvisa
dell'attivazione o dello spostamento del rallentamento le stazioni capotronco,
quelle origine di treni ordinari o che effettuano con frequenza treni straordinari,
quelle ove si cambia il foglio di corsa, nonché le stazioni attigue al
rallentamento, e deve riceverne conferma.
La competenza a provvedere per le prescrizioni ai treni interessati è disciplinata
dall'art. 3 comma 16 e seguenti.
Sulle linee a doppio binario tutti i treni devono essere in possesso delle
prescrizioni di rallentamento interessanti sia il binario di sinistra o legale che il
binario di destra o illegale.
Le stazioni attigue al tratto soggetto a rallentamento provvederanno per la
prescrizione ai treni in ritardo od in anticipo, anche non aventi fermata, che per
10 I rallentamenti possono essere fissi o spostabili: nel secondo caso, quando lo
spostamento supera i tre chilometri ( o i quattro chilometri per rallentamenti lunghi oltre 1000
metri) occorre far luogo ad una nuova notifica del rallentamento, secondo le modalità stabilite
dalle Unità centrali interessate.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
28
orario avrebbero dovuto percorrere il tratto stesso rispettivamente prima
dell'inizio o dopo la cessazione del rallentamento.
Possono essere limitate ai soli treni effettivamente interessati (perché circolanti
su binario legale o perché circolanti sul binario illegale), le prescrizioni
di rallentamento praticate direttamente dalla stazione attigua al tratto soggetto
a rallentamento.
24. Con modalità analoghe a quelle stabilite dal comma 23 viene disposta
la cessazione dei rallentamenti.
25. In caso di urgenza, qualunque agente dei Lavori o Impianti Elettrici può
disporre per un rallentamento, attenendosi alle norme del Regolamento sui
Segnali. La prescrizione ai treni deve essere praticata o fatta praticare a cura
dei dirigenti delle stazioni attigue al tratto di rallentamento.
26. Quando sia previsto dal presente Regolamento o dalle altre Istruzioni
di servizio che debba essere data conferma ad una precedente stazione
dell'arrivo di un treno, si provvede mediante il dispaccio:
FORMULA N. 11 - TRENO ... GIUNTO.
27. In determinati casi può essere stabilito, anche con disposizioni locali
dalle Unità periferiche interessate, che sia comunicata alla successiva stazione
l'ora di partenza o di transito dei treni.
All'uopo si provvede con la:
FORMULA N. 12 - TRENO... ORARIO (oppure: PARTITO o
TRANSITATO ORE .... ore effettive di partenza o di transito).
Di norma non occorre, salva esplicita disposizione in contrario, che tale
comunicazione sia registrata.
28. In situazioni di pericolo, il segnale di allarme può essere diramato per
telefono oppure con speciali dispositivi di cui possono essere dotate le stazioni
e i posti di linea in base a disposizioni locali.
Il dirigente che percepisca o sia avvisato della trasmissione del segnale di
allarme deve sospendere le partenze dei treni e le concessioni di via libera fino
a che non abbia ricevuto notizie sull'accaduto.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
29
ARTICOLO 7 - MANOVRE E STAZIONAMENTO DEI ROTABILI
1. È denominato manovra qualsiasi spostamento di mezzi di trazione o di
veicoli, che si svolge, normalmente, nell'ambito di una località di servizio,
eccezione fatta per l'avviamento di un treno che abbia ricevuto l'ordine di
partenza e per l'ingresso di un treno in arrivo, fino al punto di normale fermata.
1bis. È denominato istradamento il percorso di un movimento di manovra
delimitato da segnali fissi di manovra o da punti prestabiliti.
2. Agli effetti dello svolgimento delle manovre, un binario o un fascio di binari
congiunto mediante comunicazione a quello che deve percorrere un treno
si considera indipendente da quest'ultimo quando i deviatoi della comunicazione
siano assicurati nella posizione dovuta, e cioè non per la confluenza,
mediante fermascambio di sicurezza, o eccezionalmente quando siano presenziati
da agente idoneo con obbligo di non rimuoverli da detta posizione.
3. Chi autorizza una manovra che interessa o potrebbe interessare i binari
di circolazione deve assicurarsi che sia regolarmente protetta dai segnali fissi o
in loro difetto da segnali a mano.
4. Quando una manovra possa impegnare un passaggio a livello custodito
o con azionamento automatico deve essere previamente avvisato l'agente di
guardia o provveduto alla tempestiva chiusura del passaggio a livello
medesimo.
5. Le manovre sull'itinerario di arrivo di un treno atteso e sui binari non indipendenti
da questo possono di regola continuare fino a quando vengano
mantenuti a via impedita i segnali dalla parte del treno stesso, purché:
- la stazione sia protetta da segnale di prima categoria preceduto da
segnale di avviso;
- la pendenza media della linea fra il segnale di avviso e quello di
protezione non sia superiore al 15‰ in discesa.
6. Nelle stazioni che non si trovano nelle condizioni di cui al comma 5,
nonché in quelle che, per particolari situazioni di impianti, sono stabilite dalle
Unità periferiche interessate, le manovre sull'itinerario di arrivo e sui binari non
indipendenti devono essere sospese almeno 5 minuti prima dell'ora reale di
arrivo del treno (tenendo conto dei possibili recuperi) e, in caso di assoluta
necessità, possono essere ripresi solo dopo acquisita la certezza che il treno
siasi fermato al segnale di protezione.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
30
7. Il dirigente, qualora lo ritenga a suo giudizio necessario in relazione a
condizioni atmosferiche eccezionalmente sfavorevoli, disporrà che le manovre
siano sospese nell'anzidetto termine di 5 minuti anche nelle stazioni di cui al
precedente comma 5.
8. Chi dispone per l'apertura di un segnale fisso o comunque per il movimento
di un treno, deve provvedere affinché sia sospesa ogni manovra sui binari
non indipendenti da quello che il treno deve percorrere.
Alla norma precedente può farsi eccezione in talune stazioni con particolari
esigenze di esercizio, munita di apparati centrali e di segnalamento di
manovra, in base ad autorizzazioni accordate dalle Unità Centrali interessate.
In taluni casi si possono avere situazioni in cui:
a) le manovre devono essere arrestate ad almeno 150 metri dal punto
di convergenza con l'itinerario del treno. Dopo la fermata, chi comanda
la manovra può eventualmente autorizzarla ad avanzare con la
massima cautela fino al segnale basso distinto per binario che protegge
il punto di convergenza;
b) il punto di convergenza tra i movimenti di manovra e gli itinerari dei
treni può essere protetto come segue:
- da due segnali bassi consecutivi a via impedita, il più lontano
dei quali dal punto di convergenza è ubicato ad una distanza da
quest'ultimo non inferiore a 100 metri (tale tipo di protezione ha
significato solo per i movimenti regolati dai segnali bassi di
manovra);
- da un segnale alto di manovra a via impedita ubicato ad una
distanza non inferiore a 100 metri dal punto di convergenza (tale
tipo di protezione ha significato solo per i movimenti regolati da
segnali alti di manovra).
9. Le manovre che si svolgono su deviatoi dalla parte dell'uscita del treno
atteso devono considerarsi come un ingombro mobile che impegna il punto di
convergenza dell'itinerario del treno atteso con l'istradamento della manovra. In
questo caso, per il ricevimento del treno stesso e per la protezione di detto ingombro
devono osservarsi le norme dell'art. 6 comma 13 e 14.
Sono vietate le manovre in uscita all'atto del ricevimento del treno quando
la pendenza media della linea dal segnale di protezione al termine del binario
di ricevimento sia superiore al 15‰ in discesa.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
31
10. Di regola le manovre non devono superare il punto protetto dal segnale
di protezione. Quando eccezionalmente si presenti la necessità di manovrare
oltre tale punto, deve provvedersi come appresso.
Sulle linee esercitate col blocco telefonico od elettrico manuale il dirigente
non deve accordare la via libera ai treni attesi dal lato ove si svolge la manovra.
Sulle linee esercitate col blocco automatico o col blocco conta-assi il dirigente
deve preventivamente provvedere a far trattenere nella stazione limitrofa
i treni attesi, ricevendone conferma, col dispaccio formula 9.
La manovra deve essere sempre preceduta da un agente con segnale a
mano a 200 metri di distanza.
Il dirigente che abbia trasmesso alla stazione limitrofa la formula 9 per motivo
di manovra, ove non possa per sopravvenuta interruzione delle telecomunicazioni
corrispondere con detta stazione, per il distanziamento del primo
treno rispetterà un intervallo di 20 minuti dall'ora di trasmissione dell'anzidetto
dispaccio, prescrivendo allo stesso in ogni caso marcia a vista su tutto il
percorso e in arrivo nella successiva stazione.
11. Le manovre devono eseguirsi con l'osservanza delle norme contenute
nell'apposita Istruzione per il servizio dei manovratori.
Di regola spetta la dirigente di dirigere e, compatibilmente con le esigenze
del suo servizio, sorvegliare le manovre.
Il dirigente può dare incarico al capotreno di dirigere e sorvegliare le
manovre quando egli stesso non possa farlo.
In talune stazioni, la dirigenza e la sorveglianza delle manovre può essere
affidata permanentemente, anziché al dirigente, ad altri agenti con specifiche
funzioni.
Nelle località di servizio non presenziate da dirigente, la dirigenza e la
sorveglianza delle manovre è assunta dal capotreno.
12. Non disponendosi di agenti di stazione necessari per accompagnare la
colonna in manovra nei diversi movimenti e fare le occorrenti segnalazioni, può
essere utilizzato il personale di scorta.
13. L'avvicinamento di una colonna in manovra ad una ferma, quando
siano interessati veicoli con viaggiatori e la manovra sia comandata da un solo
agente che provvede anche all'aggancio, deve essere regolata dal dirigente il
quale, ove sia impedito, deve darne incarico al capotreno.
Nel caso suddetto basta però sempre un solo agente ad avvicinare ed
agganciare al treno una locomotiva isolata o un gruppo di locomotive.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
32
14. (soppresso).
15. I veicoli in stazionamento devono essere, per quanto possibile, riuniti in
gruppi o colonne, agganciati fra loro e col freno serrato se ne sono muniti. Gli
estremi della colonna devono essere opportunamente fermati con staffe fermacarri,
salve eccezioni autorizzate dalle Unità periferiche interessate in relazione
a particolari situazioni locali.
I deviatoi delle comunicazioni fra i binari di circolazione ed altri binari
devono essere, di regola, disposti in modo da non permettere ai veicoli in
stazionamento di ingombrare, in caso di eventuale spostamento, il binario di
circolazione.
16. I mezzi di trazione in stazionamento sui binari di corsa devono essere
presenziate come le locomotive dei treni. Quando la loro sosta avvenga su altri
binari è sufficiente che esse siano sorvegliate in modo che possano essere
spostate senza intervento del personale addetto alla condotta.
ARTICOLO 8 - PRECEDENZE
1. In una stazione ha luogo una precedenza normale quando per disposizioni
di orario un treno deve esservi trattenuto per lasciare proseguire un altro
treno nello stesso senso. Le precedenze normali vengono indicate nell'orario di
servizio secondo le disposizioni dell'allegato I al presente Regolamento.
Quando, per ritardi o per altre contingenze della circolazione, venga a
modificarsi la successione di due treni prevista dall'orario di servizio, nella stazione
ove ciò si verifica si determina una precedenza anormale.
2. Il dirigente deve tenersi informato dell'andamento dei treni ed intervenire,
quando sia opportuno, per modificarne la successione. Pertanto, a seconda
dei casi e in relazione alla diversa importanza dei treni, egli provvede a:
a) trattenere nella propria stazione il treno che avrebbe dovuto partire
o transitare per primo, per non pregiudicare la marcia del treno
successivo;
b) licenziare in precedenza un treno che avrebbe dovuto cedere il
passo nella propria stazione ad altro treno, nel caso di anticipo del
primo o di ritardo del secondo.
3. Il dirigente della stazione in cui viene a modificarsi la prevista successione
dei treni deve avvisarne le stazioni interessate con il dispaccio:
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
33
FORMULA N. 13 - TRENO ... PRECEDE TRENO ... DA ...
Tale avviso deve essere esteso nel caso indicato al comma 2-a) fino alla
stazione di precedenza normale e nel caso indicato al comma 2-b) fino alla
stazione nella quale si presume possa ristabilirsi la successione prevista in
orario.
La trasmissione del dispaccio alle stazioni interessate avverrà con le modalità
stabilite dall'Istruzione per il servizio del telefono e del telegrafo.
Ciascuna stazione è tenuta ad estendere il dispaccio di avviso formula 13
ai bivi incontrati di punta, nonché, in quanto la variata successione interessi
treni aventi in esse fermata, alle stazioni disabilitate e fermate presenziate interposte,
e ad informarne i rimanenti posti intermedi con comunicazione non
registrata.
4. Quando ci si trovi nell'impossibilità di avvisare una stazione della variata
successione dei treni, deve prescriversi al treno inviato in precedenza marcia a
vista in arrivo e fermata nella stazione stessa, per la consegna di copia del dispaccio
di precedenza 11.
Nel caso che non sia stato possibile avvisare un bivio incontrato di punta
della variata successione fra due treni in direzione diversa, se i segnali del bivio
non sono vincolati a distinti consensi elettrici dalla stazione, al treno inviato
in precedenza deve essere prescritto di fermarsi prima di impegnare gli scambi
del bivio stesso per la consegna di copia del dispaccio di cui sopra.
5. Le Unità Centrali interessate, su determinate linee, in relazione
all'intensità e alle caratteristiche del traffico o all'impiego di dispositivi di
trasmissione del numero del treno, possono disporre l'adozione di altre
specifiche norme in sostituzione di quelle di cui ai commi 3 e 4.
6. Quando una stazione di linea a doppio binario non abbia disponibile un
binario per il ricovero del treno che deve cedere il passo, il dirigente può eccezionalmente
ricoverare detto treno sul binario illegale, oppure utilizzare
quest'ultimo binario per il treno che prende il passo.
ARTICOLO 9 - INCROCI
1. Sulle linee esercitate a semplice binario i treni circolanti in senso opposto
si incrociano in stazioni prefissate. L'incrocio fra due treni può essere normale
(indicato in orario o di fatto) oppure anormale (in seguito a spostamento)
e la stazione in cui viene fissato è denominata sede di incrocio.
11 Marcia a vista in arrivo e fermata a ... per consegna a quel dirigente del dispaccio
di precedenza.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
34
Il dirigente che licenzia un treno su linea esercitata a semplice binario deve
essersi preventivamente assicurato che siano giunti completi tutti i treni incrocianti
o comunque attesi in senso opposto, rispettando le modalità previste
dall'Istruzione per il servizio dei deviatori.
Qualora il treno sia licenziato dal capotreno, il dirigente interessato, prima
di disporre a via libera il segnale di partenza, deve aver provveduto per gli accertamenti
di cui sopra.
2. Gli incroci normali d'orario vengono determinati e fissati con le modalità
previste dall'allegato II al presente Regolamento.
Indipendentemente dagli incroci indicati in orario, una stazione deve ritenersi
sede normale di incrocio di fatto quando per limitazioni di percorso, ritardi
o anticipi di corsa venga a intercorrere nella stazione stessa, fra l'ora reale di
arrivo di un treno e quella di partenza di altro in senso opposto, un intervallo di
tempo uguale od inferiore a 15 minuti. Le situazioni di circolazione in cui si
determinano incroci di fatto sono indicate nell'allegato II al presente Regolamento.
3. Nel caso di ritardo o di anticipo di uno dei due treni incrocianti od anche
di entrambi ma in diversa misura, il dirigente della stazione sede di incrocio
provvede a spostarlo in altra dove risulti più conveniente.
La stazione sede del nuovo incrocio deve essere scelta tenendo conto
dell'importanza dei treni e in modo da evitare per quanto possibile successivi
spostamenti.
4. Il dirigente della stazione sede d'incrocio che intenda spostare l'incrocio
stesso in altra stazione, trasmette a questa la relativa proposta col dispaccio:
FORMULA N. 14 - TRATTENETE A ... TRENO ... PER INCROCIARE
TRENO .... ORARIO (oppure CON ... MINUTI RITARDO).
Il dirigente che riceve la proposta, se non ritiene conveniente accettarla,
deve rispondere quanto prima possibile col dispaccio:
FORMULA N. 15 - RIFIUTO AL N°...
Se invece detto dirigente ritiene conveniente accettare la proposta, risponde
con il dispaccio:
FORMULA N. 16 - AL N°... TRATTERRÒ A ... TRENO ... PER INCROCIARE
TRENO ...
L'accettazione di una proposta di incrocio comporta che il dirigente interessato
provveda tempestivamente ad assicurare l'arresto del treno da trattenersi
rispetto all'incrociante. Inoltre, laddove sia previsto il controllo degli incroci da
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
35
parte del personale dei treni, il dirigente che accetta un incrocio deve attenersi
alle norme di cui al comma 15.
5. È ammesso di comprendere nel dispaccio di proposta e di accettazione
più di un treno da far trattenere rispetto ad un solo treno da far avanzare oppure
viceversa, indicando esplicitamente la quantità dei treni oltre al numero di
ognuno.
6. Lo spostamento di un incrocio si deve ritenere stabilito solamente dopo
la trasmissione completa del dispaccio di accettazione, ivi compresa la firma
del dirigente.
La stazione che ha proposto lo spostamento d'incrocio, quando abbia ricevuto
il dispaccio di accettazione completo con la firma, ancorché non possa
collazionarlo, può licenziare il treno. Il dirigente che ha accettato l'incrocio, dopo
avere trasmesso il dispaccio relativo completo con la firma, ancorché questo
non sia stato collazionato dal corrispondente, deve trattenere il treno.
7. Di regola tutte le operazione di competenza dei dirigenti relative allo
spostamento d'incrocio devono essere compiute nella stessa stazione da uno
stesso agente.
8. Il dirigente della stazione che ha proposto lo spostamento d'incrocio,
dopo aver ricevuto il dispaccio di accettazione, deve avvisarne le stazioni interposte
fino alla nuova sede d'incrocio con il dispaccio:
FORMULA N. 17 - TRENO...INCROCIA TRENO... A ...
La trasmissione del dispaccio alle stazioni interessate avverrà con le modalità
stabilite dall'Istruzione per il servizio del telefono e del telegrafo. Ciascuna
stazione informerà con comunicazione non registrata i posti intermedi.
Quando ci si trovi nell'impossibilità di avvisare una stazione interessata, al
treno che avanza deve prescriversi marcia a vista in arrivo e fermata nella stazione
stessa per la consegna di copia del dispaccio di spostamento d'incrocio.
9. Sulle linee esercitate col blocco telefonico, le stazioni limitrofe a quella
d'incrocio che siano a conoscenza dell'incrocio stesso, devono comunicare a
quest'ultima l'ora di partenza o di transito dei treni interessati (art. 6 comma
27).
10. Sulle linee a semplice binario stabilite dalle Unità centrali interessate ed
indicate nell'orario di servizio, nelle quali tutte le stazioni atte agli incroci sono
munite di doppio segnalamento di protezione e partenza, il personale dei treni
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
36
non interviene sul controllo degli incroci, anche se indicati in orario. Nessun
avviso viene dato ai treni interessati per gli incroci o per i loro spostamenti e
non trovano applicazione le norme di cui ai comma successivi del presente
articolo.
11. Sulle linee a semplice binario non comprese fra quelle di cui al comma
10,il macchinista e capotreno dei treni interessati devono intervenire nel controllo
degli incroci.
Tutti gli incroci normali devono essere riportati sui fogli di corsa dei treni
interessati in base alle indicazioni risultanti dagli orari di servizio.
Gli incroci con treni non ordinari, con i treni periodici di cui all'art. 10
comma 2, gli incroci anormali, nonché gli incroci di fatto di cui al comma 2, oltre
ad essere indicati sul foglio di corsa, devono essere notificati ai treni stessi con
prescrizione.
12. Sulle linee in cui il personale dei treni interviene nel controllo degli incroci,
i treni devono fermare nelle stazioni d'incrocio.
Si fa eccezione, per il treno che arriva per ultimo, nei casi sotto indicati:
a) In qualsiasi stazione, quando il dirigente, dopo aver accertato che i
treni incrocianti siano giunti completi e regolarmente ricoverati, che sia
stato predisposto l'itinerario per il transito del treno atteso e che esista
la via libera della stazione successiva, possa tempestivamente
trasmettere a precedente stazione di fermata il dispaccio:
FORMULA N. 18 - PRESCRIVETE TRENO ...... LIBERO TRANSITO
A ...... RISPETTO TRENO... (o TRENI...) (e all'occorrenza
PERCORRENDO BINARIO DEVIATO A... KM/H).
La prescrizione conseguente a tale dispaccio 12 comprende la
soppressione di fermata, anche d'orario o prescritta, nella stazione
d'incrocio.
b) Nelle stazioni munite di doppio segnalamento di protezione e
partenza, quando il dirigente, dopo aver eseguito gli accertamenti di cui
al punto a), disponga i segnali per il transito. La disposizione a via
libera del segnale di protezione con avviso accoppiato e del segnale di
partenza indica al macchinista, che non abbia fermata d'orario o
prescritta, che l'incrocio avviene senza arresto. Se il treno ha fermata
d'orario o prescritta, volendosi evitare il completo arresto del treno, il
dirigente ordinerà tempestivamente al macchinista, con la paletta di
comando, la ripresa della corsa.
12 Libero transito a ...... rispetto treno ...... (o treni...) e all'occorrenza percorrendo
binario deviato a... km/h.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
37
In tali casi il macchinista e il capotreno restano esonerati dagli accertamenti
relativi all'arrivo degli incrocianti.
13. Non occorre sopprimere la fermata anormale che derivi esclusivamente
da una indicazione di incrocio quando quest'ultimo venga a mancare, la soppressione
di fermata essendo implicita nell'ordine di spostamento o nell'avviso
di annullamento dell'incrocio per soppressione di treni.
14. Nelle stazioni di incrocio sulle linee in cui il personale dei treni interviene
nel controllo degli incroci, il macchinista del treno avente fermata deve
considerare il binario di ricevimento ingombro all'uscita (art. 6, comma 13),
salva deroga di cui al comma 21.
Prima della partenza il macchinista ed il capotreno sono tenuti a controllare
l'avvenuto arrivo del treno o dei treni incrocianti, fatta eccezione per il caso di
incrocio anormale che venga a cadere in stazione di diramazione rispetto a
treni provenienti da altra linea.
In mancanza di sicuro accertamento diretto, il capotreno deve chiedere al
dirigente se tali treni sono tutti giunti, enunciandoli singolarmente. Il capotreno
o il dirigente deve poi darne comunicazione verbale al macchinista.
In ogni caso, il capotreno deve farsi comunicare dal dirigente l'ora di arrivo
dell'ultimo treno incrociante e trascriverla sul foglio corsa.
Quando uno o più treni incrocianti non siano ancora giunti, il macchinista
ed il capotreno possono proseguire in quanto abbiano ricevuto dal dirigente
ordine scritto di spostamento d'incrocio.
15. Sulle linee in cui il personale dei treni interviene nel controllo degli incroci,
il dirigente che intenda accettare una proposta di spostamento di incrocio,
se il treno da trattenere è già in stazione, deve subito ritirare il foglio di
corsa e quindi trasmettere l'accettazione alla stazione proponente col dispaccio
formula 16. Dopo l'accettazione deve darne avviso coll'apposito modulo al
macchinista ed al capotreno.
Quando invece il treno da trattenere non è ancora giunto in stazione, deve
procedersi come in appresso.
a) Se la stazione è munita di doppio segnalamento di protezione e
partenza, il dirigente può trasmettere il dispaccio di accettazione
formula 16 e provvede, in quanto possibile, a fare avvisare il treno da
precedente stazione di fermata, con il dispaccio:
FORMULA N. 19 - PRESCRIVETE TRENO... INCROCIARE A...
TRENO...
La stazione che ha ricevuto l'incarico, dopo aver praticato al treno l'occorrente
prescrizione, ne dà conferma con il dispaccio:
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
38
FORMULA N. 20 - TRENO... AVVISATO INCROCIARE A...
TRENO...
In mancanza di tale conferma il dirigente della nuova stazione d'incrocio
considera il treno non preavvisato anche agli effetti di ingombri all'uscita e lo
avvisa dell'incrocio stesso appena giunto in stazione.
b) Se la stazione non è munita di doppio segnalamento di protezione e
di partenza:
- quando il treno da trattenere ha in essa fermata di orario o
prescritta il dirigente deve attenersi alle norme del caso a);
- quando il treno da trattenere non ha in essa fermata d'orario o
prescritta il dirigente, prima di accettare l'incrocio, deve trasmettere
il dispaccio formula 19 ad una precedente stazione, possibilmente di
fermata; in tal caso, quando manchi il dispaccio di conferma, il treno
deve essere sempre ricevuto previa fermata al segnale di protezione
ed avvisato dell'incrocio appena giunto in stazione.
16. Norme analoghe a quelle del precedente comma si applicano agli incroci
di fatto nell'intervallo di 15 minuti.
17. Quando si sia dato incarico ad una stazione precedente di avvisare il
treno interessato per uno spostamento di incrocio, l'incrocio stesso va perfezionato
nella sede prevista, salvo ulteriore successivo spostamento.
18. Il dirigente della stazione che ha proposto il cambio di incrocio, dopo
aver ricevuto il relativo dispaccio di accettazione provvede ad avvisare il treno
che deve avanzare, con apposito modulo completato con l'indicazione del numero
del dispaccio di accettazione.
19. Quando l'incrocio di due treni venga spostato in una stazione di passaggio
dal semplice al doppio binario, il dirigente che fa avanzare il treno proveniente
dal semplice, anziché prescrivergli l'incrocio nella stazione stessa,
deve ordinargli di incrociare l'altro treno sul doppio binario 13. Tale prescrizione
esonera il personale del treno anche dall'obbligo di eseguire la fermata per
fatto d'incrocio nella stazione di passaggio.
20. Nelle stazioni limite fra un tratto di linea in cui non è prescritto il controllo
degli incroci da parte del personale dei treni ed altro tratto in cui sia prescritto,
restano fermi gli anzidetti obblighi del personale dei treni diretti verso il
secondo tratto.
13 Incrociate sul doppio binario treno...
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
39
In conseguenza devono sempre essere indicati sul foglio di corsa dei treni
interessati gli incroci normali d'orario cadenti in dette stazioni limite. Degli incroci
di fatto e di quelli derivanti da spostamenti, i treni suddetti devono essere
avvisati o fatti avvisare a cura della stazione limite.
21. In deroga alle norme di cui al comma 14, nelle stazioni limite i macchinisti
dei treni aventi fermata non sono tenuti, salva esplicita prescrizione, a
considerare il binario di ricevimento ingombro all'uscita.
22. Quando un incrocio debba essere spostato al di là di una stazione limite,
non si deve oltrepassare col primo spostamento la stazione stessa, alla
quale spetta di provvedere per l'ulteriore spostamento d'incrocio. Quando un
incrocio fissato in una stazione limite sia già avvenuto, per spostamento, sul
tratto in cui non è previsto il controllo degli incroci, il dirigente della stazione
limite deve avvisarne il treno interessato proveniente da tale tratto 14.
ARTICOLO 10 - TRENI ORDINARI PERIODICI
1. L'orario dei treni ordinari periodici (art. 2 comma 14) può prevederne la
circolazione:
a) tutti i giorni per determinati periodi compresi nella validità dell'orario;
b) per uno od alcuni giorni della settimana per l'intera validità
dell'orario o parte di essa.
2. Sulle linee a semplice binario in cui il personale dei treni interviene nel
controllo degli incroci si devono applicare le seguenti norme. Quando la data
iniziale di circolazione dei treni periodici di cui al punto a) non coincide con
quella dell'attivazione dell'orario generale di servizio, devono essere avvisati,
limitatamente ai primi tre giorni del periodo di circolazione, i treni che con essi
hanno incrocio. L'avviso a questi treni e la relativa conferma alla stazione di incrocio
devono essere dati dalle stazioni che compilano i fogli di corsa. Mancando
la conferma la stazione d'incrocio si atterrà alle norme dell'art. 9 comma
15.
Nei casi di cui al punto b) l'avviso ai treni interessati e la relativa conferma
alla stazione d'incrocio devono essere dati, con modalità sopra indicate, tutti i
giorni in cui circolano i treni periodici stessi.
14 Incrocio con treno ... già avvenuto in precedente stazione.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
40
3. I treni periodici che vengono effettuati in giorni diversi da quelli stabiliti
dall'orario di servizio devono essere considerati a tutti gli effetti come treni
straordinari.
ARTICOLO 11 - TRENI STRAORDINARI AD ORARIO
PRESTABILITO
1. I treni straordinari (art. 2 comma 14) possono essere messi in circolazione
dalle stazioni per ordine superiore, oppure d'iniziativa per sopraggiunte necessità.
In quest'ultimo caso, salva assoluta urgenza e salve le deroghe previste
su determinate linee, l'effettuazione degli straordinari deve essere autorizzata
dal Capo Reparto Territoriale Movimento interessato.
Il Capo Reparto Territoriale Movimento può accordare ad alcune stazioni
(di regola stazioni capotronco) l'autorizzazione permanente per l'effettuazione
di determinati treni.
2. Le stazioni capotronco sono tenute ad intervenire per vietare o trattenere
quei treni straordinari che siano incompatibili con altri o il cui carico possa
inoltrarsi coi rimanenti treni. Quando in una stessa località si hanno più stazioni
capotronco che immettono treni sulla linea, tali compiti devono essere di massima
espletati dalla capotronco principale.
3. La richiesta della locomotiva e della squadra di scorta, completata da
tutti i dati necessari, deve essere fatta tempestivamente al Deposito locomotive
e al Deposito personale viaggiante. Disposizioni locali, da emanarsi dalle Unità
periferiche interessate, possono determinare l'anticipo con cui la richiesta deve
essere fatta.
Se il Deposito locomotive non si trova sul posto, la domanda della locomotiva
deve essere rivolta al dirigente della stazione che ne è sede, che provvederà
per l'inoltro della richiesta. In questo caso, se il Deposito del personale
viaggiante ha sede nella stessa località del Deposito locomotive, anche la richiesta
del personale di scorta deve essere rivolta al dirigente anzidetto.
Chi riceve le richieste della locomotiva e della squadra di scorta deve
confermarle indicandone, se del caso, il treno d'invio.
4. La circolazione di un treno straordinario deve essere annunciata dalla
stazione di origine con il dispaccio:
FORMULA N. 21 - OGGI .... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ...
AL ...) EFFETTUASI TRENO .... STRAORDINARIO .... (stazione
d'origine) .... (stazione termine di corsa) PER... (qualità del trasporto).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
41
L'annuncio deve essere dato:
a) a tutte le stazioni situate sul percorso dello straordinario senza
oltrepassare la prima stazione capotronco;
b) alla stazione capotronco precedente quando il treno abbia origine
da una stazione intermedia;
c) alla stazione capotronco successiva quando il treno termini la corsa
in una stazione intermedia con percorso anche parziale sul semplice
binario o su binario illegale;
d) alla stazione successiva nel caso di uno straordinario che debba
recarsi in linea senza raggiungere quest'ultima.
Nei casi a),b) e c) quando in una stessa località si hanno più stazioni capotronco
che immettono i treni sulla linea, l'annuncio deve essere dato alla capotronco
principale, oltre che alla capotronco secondaria che sia termine di corsa
dello straordinario.
5. Per la trasmissione del dispaccio di annuncio alle stazioni ed impianti di
cui al comma precedente devono osservarsi le seguenti modalità:
- la stazione di origine del treno trasmette il dispaccio alla successiva
stazione abilitata, alla successiva capocircuito omnibus o alla stazione
termine di corsa dello straordinario se ad essa precedente, nonché alle
stazioni capotronco;
- ciascuna stazione capocircuito ritrasmette il dispaccio come sopra,
escludendo le stazioni capotronco;
- ognuna delle stazioni intermedie del percorso ritrasmette il dispaccio
alla stazione successiva abilitata che non sia capocircuito, capotronco o
termine di corsa dello straordinario.
6. Quando il treno straordinario debba proseguire oltre la prima capotronco,
spetta a quest'ultima di provvedere per l'ulteriore diramazione dell'annuncio
come se essa fosse stazione di origine.
7. Per disposizioni delle Unità periferiche interessate, o per ragioni di
necessità, l'annuncio del treno straordinario può essere trasmesso per iscritto,
fermi restando gli obblighi relativi alle conferme.
In tal caso la stazione di origine dello straordinario deve inviare, alle stazioni
indicate al comma 4, copia del dispaccio di annuncio accompagnato da
apposito modulo di avviso. L'ultima stazione delegata a ritirare detto modulo
deve controllarne la regolarità e darne comunicazione registrata alla stazione
d'origine, indicando le eventuali stazioni che non avessero ricevuto l'annuncio,
per l'adozione degli ulteriori provvedimenti del caso.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
42
8. L'orario di un treno straordinario può essere espressamente diramato
dagli Uffici Superiori a tutti gli impianti di cui al comma 4 con circolare od anche
con dispaccio. Gli Uffici stessi possono disporre che la circolare o il dispaccio
sostituiscano l'annuncio: in tal caso, ciascuna delle stazioni toccate dallo
straordinario deve darne conferma alla precedente stazione abilitata dalla
parte dell'arrivo dello straordinario stesso.
9. Le stazioni capo circuito e termine di corsa dello straordinario, ricevutone
l'annuncio, devono darne conferma alla rispettiva stazione precedente
abilitata, dalla parte dell'arrivo dello straordinario stesso, con il dispaccio:
FORMULA N. 22 - INTESO OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE
DAL ... AL ...) TRENO ... STRAORDINARIO ... (stazione di origine)
... (stazione termine di corsa).
La conferma alla precedente stazione abilitata non occorre qualora l'annuncio
del treno straordinario sia stato trasmesso dalla suddetta stazione.
10. Soppresso.
11. Soppresso.
12. Sulle linee a doppio binario esercitate col blocco elettrico regolarmente
funzionante, la stazione che per interruzione delle telecomunicazioni non abbia
potuto trasmettere alla successiva l'annuncio di effettuazione dello
straordinario oppure, nei casi prescritti, non ne abbia ricevuta conferma, farà
proseguire detto treno prescrivendo allo stesso marcia a vista in arrivo e
fermata nella stazione successiva per la consegna al quel dirigente di copia del
dispaccio di annuncio.
In tutti i casi deve prescriversi al treno di fermare nella stazione successiva
per la consegna a quel dirigente di copia del dispaccio di annuncio.
13. Sulle linee a semplice binario, la stazione che per interruzione delle
telecomunicazioni non abbia potuto trasmettere alla successiva l'annuncio di
effettuazione dello straordinario oppure, nei casi prescritti, non ne abbia ricevuto
conferma, non deve inoltrare detto treno, a meno che:
- essendo in funzione il blocco elettrico manuale, ci si attenga alle
norme di cui all'art. 21 comma 3 prescrivendo quindi al treno marcia a
vista in arrivo nella stazione successiva e fermata per la consegna a
quel dirigente del dispaccio di annuncio;
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
43
- sia stato possibile procurarsi la via libera con altro mezzo di
emergenza.
14. (soppresso)
15. Ogni stazione deve trasmettere il dispaccio di effettuazione dello
straordinario ai posti intermedi fino alla stazione successiva abilitata nel senso
della corsa del treno.
Nel caso che non sia stato possibile avvisare un bivio incontrato di punta,
se i segnali del bivio non sono vincolati a distinti consensi elettrici dalla stazione,
al treno straordinario deve essere prescritto di fermarsi prima di impegnare
gli scambi del bivio stesso per la consegna di copia del dispaccio di effettuazione.
16. Ogni stazione deve estendere il dispaccio di effettuazione dello straordinario
ai posti di linea di cui all'articolo 20 ed attenersi alle norme dell'articolo
stesso.
17. Soppresso
18. Salva l'eccezione di cui al comma seguente, spetta alla stazione che
compila il foglio di corsa dello straordinario di procurarsi all'occorrenza dalle
altre opportune stazioni le prescrizioni interessanti la corsa dello straordinario
stesso.
19. Sulle linee a semplice binario in cui il personale dei treni interviene nel
controllo degli incroci (art. 9), devono essere avvisati dell'effettuazione dello
straordinario i treni che hanno incroci con esso 15.
Gli avvisi ai treni interessati provenienti dalle stazioni capotronco citate al
comma 4 punto a) e punto c) devono essere dati a cura delle capotronco stesse.
Se trattasi di stazione capotronco secondaria, l'obbligo dell'avviso spetta
alla capotronco principale della stessa località.
Qualora il treno interessato sia già partito, la stazione capotronco dà l'incarico
dell'avviso ad altra stazione opportuna con il dispaccio:
FORMULA N. 23 - PRESCRIVETE TRENO ... INCROCIARE A ...
TRENO ... STRAORDINARIO ... (stazione di origine) ... (stazione
termine di corsa).
15 Incrociate a ...... treno ...... straordinario ..... (stazione di origine) ....... (stazione
termine corsa).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
44
Gli avvisi ai treni interessati non provenienti dalle suddette stazioni capotronco
devono essere dati a cura delle stazioni sede d'incrocio, che ne incaricheranno
tempestivamente altra opportuna con il dispaccio formula n. 23.
20. Le stazioni che abbiano provveduto all'avviso ai treni interessati devono
darne conferma alla stazione di incrocio con il dispaccio:
FORMULA N. 24 - TRENO...AVVISATO INCROCIARE A ... TRENO
... STRAORDINARIO.
La stazione d'incrocio, mancando tale conferma, deve attenersi alle norme
di cui all'art. 9 comma 15.
21. Le Unità periferiche interessate emaneranno alla occorrenza norme
particolari per il coordinamento dei compiti in località servite da più stazioni
capotronco, agli effetti del comma 2, 4 e 19 del presente articolo.
22. È di competenza delle Unità periferiche interessate rendere giornalieri
(art. 2 comma 14) determinati treni straordinari.
Per la circolazione dei treni giornalieri deve procedersi come segue:
- la stazione di origine dà un solo annuncio della loro effettuazione
fino nuovo ordine (o fino ad una data stabilita);
- la trasmissione della conferma, gli avvisi ai posti intermedi e ai posti
fissi della linea hanno luogo soltanto il primo giorno di effettuazione;
- sulle linee a semplice binario in cui il personale dei treni interviene
nel controllo degli incroci, gli avvisi di incrocio ai treni interessati devono
essere dati giornalmente dalle stazioni cui spetta provvedervi in base al
comma 19;
- sulle stesse linee l'incarico alle altre stazioni per avvisi ai treni
interessati viene conferito soltanto il primo giorno e fino a nuovo ordine
(o fino ad una data stabilita), mentre le stazioni che provvedono alle
prescrizioni d'incrocio devono confermare giornalmente a quelle sedi
degli incroci stessi.
ARTICOLO 12 - TRENI STRAORDINARI AD ORARIO LIBERO
1. Quando occorra effettuare d'urgenza un treno e non sia possibile né
torni conveniente provvedervi con uno straordinario ad orario prestabilito o con
un supplementare, le stazioni, previ accordi telefonici in quanto necessari e
senza autorizzazione preventiva del Capo Reparto Territoriale Movimento,
possono mettere in circolazione uno straordinario ad orario libero (O.L.- art. 2
comma 14).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
45
2. In relazione a particolari condizioni locali di esercizio le Unità periferiche
possono stabilire che su alcuni tratti di linea i treni O.L. vengano numerati
giornalmente da determinate stazioni capotronco, in ordine progressivo con
numeri pari o dispari a seconda del loro senso di marcia.
3. Per l'effettuazione e la circolazione dei treni O.L. devono osservarsi le
norme stabilite per i treni straordinari ad orario prestabilito salvo quanto in appresso:
- tutte le stazioni intermedie del percorso sono da considerarsi di
origine e di termine corsa e in esse i treni O.L. devono sempre
arrestarsi salvo esplicito ordine contrario;
- i dispacci di effettuazione devono essere limitati alla successiva
stazione abilitata verso cui il treno O.L. è diretto precisando la
successione dei treni, la funzione e la destinazione del treno O.L. 16.
Non occorre conferma del dispaccio di effettuazione del treno O.L..
4. Sulle linee a semplice binario la stazione che riceve l'annuncio deve, occorrendo,
fissare gli incroci con le norme stabilite per gli incroci di fatto, ma
nell'intervallo di 5 minuti.
Sulle linee in cui il personale dei treni interviene nel controllo degli incroci, i
treni O.L. e quelli interessati devono essere avvisati con le modalità previste
dall'art. 9 comma 15 per gli incroci anormali.
5. Dell'effettuazione dei treni O.L. devono essere avvisati i posti intermedi
e di linea secondo le modalità previste per i treni straordinari ad orario prestabilito,
precisando l'ora di partenza.
6. Quando siano interrotte le telecomunicazioni si seguono le norme previste
per i treni straordinari ad orario prestabilito non annunciati o non confermati.
ARTICOLO 13 - TRENI SUPPLEMENTARI
1. Le stazioni possono effettuare treni supplementari (art. 2 Comma 14) in
relazione alle occorrenze, senza preventiva autorizzazione del Capo Reparto
Territoriale Movimento.
16 OGGI .... FRA TRENO .... E TRENO .... EFFETTUASI TRENO O.L ...,
STRAORDINARIO PER .... (funzione) DIRETTO A .... CON PARTENZA DA ... ORE ...
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
46
2. I treni supplementari prendono il numero del treno di cui sono la ripetizione,
con l'aggiunta della parola ante se trattasi di supplementare in precedenza
o della parola bis, ter, ecc., se trattasi di supplementare a seguito.
3. I treni supplementari in precedenza (treni ante) possono effettuarsi soltanto
su linee a doppio binario, con un anticipo quanto più possibile limitato rispetto
al treno preceduto.
È ammesso un solo treno supplementare in precedenza ad un determinato
treno ordinario o straordinario.
4. Nei dispacci che riguardano la circolazione di un treno che sia seguito o
preceduto da supplementare, si deve sempre aggiungere, dopo il numero del
treno, la parola normale.
5. Soppresso
6. Per la circolazione dei treni supplementari devono osservarsi - salvo
quanto è stabilito al seguente comma 7 - le norme previste per i treni straordinari
ad orario prestabilito sostituendo nei dispacci e nelle prescrizioni la parola
straordinario con le parole supplementare a seguito oppure supplementare in
precedenza.
Per i treni supplementari in precedenza negli anzidetti dispacci deve precisarsi
l'anticipo massimo consentito per tutto il percorso o, sulle linee di cui
all'art. 15 comma 8, l'anticipo massimo consentito in partenza dalle stazioni dove
il treno effettua servizio viaggiatori. Tale anticipo deve essere anche notificato
al capotreno e al macchinista 17.
7. Sulle linee a semplice binario, quando non si sia potuto trasmettere l'annuncio
o, nei casi previsti, ottenere dalla stazione successiva la conferma
dell'effettuazione del treno supplementare a seguito, questo potrà essere inoltrato
purché sia stato prescritto al treno normale di arrestarsi sui deviatoi d'ingresso
della stazione stessa per le comunicazioni del caso al dirigente 18.
17 Viaggiate con anticipo massimo di minuti ... su tutto il percorso, oppure, per le
linee di cui all'art.15 comma 8, Partite con anticipo massimo di minuti... dalle stazioni
dove si effettua servizio viaggiatori.
18 Fermate a... sui deviatoi di entrata mancando annuncio (o conferma)
effettuazione treno... supplementare da... a....Consegnate a quel dirigente copia del
dispaccio di effettuazione.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
47
8. È consentito lo scambio dei materiali fra il treno normale e il suo supplementare,
sia a seguito che in precedenza, in relazione alle esigenze del
servizio dei treni.
Dello scambio dei materiali devono essere avvisati i treni e preventivamente
le stazioni interessate 19 a cura della stazione che ne prende l'iniziativa, con
le modalità stabilite dall'art. 11 comma 5.
9. Sulle linee a semplice binario con blocco elettrico regolarmente funzionante,
nonché su quelle a doppio binario quando non sia possibile trasmettere
a qualche stazione l'avviso di cui al precedente comma, al treno inoltrato per
primo deve essere prescritta marcia a vista in arrivo e fermata nelle stazioni
non avvisate, per la consegna di copia del dispaccio.
10. (soppresso)
ARTICOLO 14 - SOPPRESSIONE, FUSIONE E SOSTITUZIONE
DEI TRENI
1. In caso di mancanza di materiale, di cessata occorrenza, di forte ritardo
o di altra anormalità, le stazioni possono sopprimere i treni senza servizio
viaggiatori.
I treni con servizio viaggiatori possono essere soppressi soltanto per cause
di forza maggiore o in seguito a fusione o sostituzione con altri treni, oppure
per disposizione degli Uffici Superiori.
2. Gli annunci alle stazioni, posti intermedi e di linea, le relative conferme,
nonché gli avvisi ai treni incrocianti 20 devono essere dati con le stesse norme
prescritte per l'effettuazione dei treni straordinari ad orario prestabilito adottando
le seguenti formule:
FORMULA N. 25 - OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL
...) TRENO ... SOPPRESSO DA ... A ...
19 Per i treni supplementari a seguito:
Al treno inviato per primo: Da .... viaggiate come treno .... normale Al treno inviato per
secondo: Da ... a ... viaggiate come vostro supplementare a seguito.
Per i treni supplementari in precedenza:
Al treno inviato per primo: Da... a... viaggiate come treno... ante, aggiungendo la
prescrizione di cui nota 1 al comma 6 (oppure : non ammesso alcun anticipo).
Al treno inviato per secondo: Da... viaggiate come treno ... normale.
Alle stazioni in ambedue i casi:
Materiale treno...normale viaggia come bis (ter, ante, ecc.) da... a...
20 Treno... soppresso da... a...
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
48
FORMULA N. 26 - INTESO OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE
DAL ... AL ...) SOPPRESSIONE TRENO ... DA ... A ...
3. In caso di impossibilità di trasmettere l'annuncio di soppressione ad una
stazione o bivio incontrato di punta o, nei casi previsti, riceverne conferma, devono
applicarsi al primo treno che segue quello soppresso le disposizioni di cui
all'art. 8 comma 4, con relativa consegna di copia del dispaccio di soppressione
21.
4. Spetta alla stazione termine del tratto di soppressione di regolare gli incroci
e le precedenze ancora da effettuare che erano previsti sul tratto stesso.
5. Quando sia opportuno le stazioni possono fondere due treni, sopprimendone
uno di essi con le norme di cui ai comma precedenti e facendone
proseguire il materiale ed i relativi documenti, nonché eventualmente la locomotiva
e il personale, con altro treno. A quest'ultimo deve farsi opportuna prescrizione
22.
In tal caso le formule 25 e 26 vanno completate come in appresso:
FORMULA N. 25 bis - OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ...
AL ...) TRENO ... SOPPRESSO DA ... A ... - MATERIALE (ed occorrendo:
LOCOMOTIVA, PERSONALE) VIAGGIA STESSO
TRATTO CON TRENO ... (ed occorrendo: CHE FARÁ SERVIZIO
VIAGGIATORI oppure MERCI A...).
FORMULA N. 26 bis - INTESO OGGI .... (DOMANI .... oppure
NOTTE DAL .... AL...) SOPPRESSIONE TRENO ... DA ... A ... -
MATERIALE VIAGGIA CON TRENO ...
6. Quando un treno sia in ritardo tale da causare perturbamento alla circolazione
sulla linea, le stazioni possono sopprimerlo e sostituirlo effettuando un
opportuno straordinario.
In tal caso le formule 25 e 26 vanno completate come in appresso:
FORMULA N. 25 ter - OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ...
AL ...) TRENO ..... SOPPRESSO DA ..... A ..... - EFFETTUASI SUA
VECE STESSO TRATTO STRAORDINARIO ...
21 Marcia a vista in arrivo e fermata a ... per consegna a quel dirigente (o agente del
bivio) del dispaccio di soppressione del treno... da... a...
22 Treno... soppresso da... a... Disimpegnate in sua vece servizio viaggiatori (o
merci) fermando a... (Indicare le stazioni nelle quali il treno deve fermare per disimpegnare il
servizio del treno soppresso).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
49
FORMULA N. 26 ter - INTESO OGGI ... (DOMANI ... oppure
NOTTE DAL... AL...) SOPPRESSIONE TRENO ... DA ... A ... ED
EFFETTUAZIONE STESSO TRATTO STRAORDINARIO....
7. Su determinati tratti fra due stazioni serviti da più linee affiancate a
doppio binario ed esercitate col blocco elettrico, può essere ammesso, in deroga
alle norme comuni in base a disposizioni particolari emanate dalle Unità
periferiche, che treni impostati su una linea vengano all'occorrenza istradati sul
corrispondente binario di altra linea, conservando il proprio numero, senza che
si faccia luogo ad operazioni di soppressione e di effettuazione.
Tali speciali istradamenti dovranno essere concordati fra le stazioni e notificati
ai posti intermedi e di linea.
ARTICOLO 15 - ANTICIPO NELLA CORSA DEI TRENI
1. In relazione alle esigenze del servizio è ammesso che i treni siano inoltrati
in anticipo sul proprio orario.
Quando si possa ridurre o sopprimere la fermata in posti intermedi, deve
provvedervi la stazione precedente nel senso di marcia dei treni.
2. L'anticipo di corsa è sempre vietato:
- In partenza dalle stazioni in cui il treno interessato debba svolgere
servizio viaggiatori, salvo il caso di treno viaggiatori supplementare in
precedenza, nei limiti dell'anticipo notificato a norma dell'art. 13 comma
6 e di quanto stabilito dal successivo comma 2ter;
- quando sul tratto interessato non si sia potuto dare preventivo
avviso ad una stazione, posto intermedio o posti di linea, salva la
deroga di cui al successivo comma 8 e di cui all'art. 20 comma 13 bis.
2 bis. Una stazione sede d'incrocio può, previo spostamento dell'incrocio
stesso, disporre per l'anticipo di corsa di un treno interessato.
In tal caso, sulla proposta di spostamento formula 14 saranno indicati i minuti
di anticipo con cui si intende far avanzare il treno.
2ter. Sulle linee di cui al successivo comma 8, le Unità periferiche
interessate possono disporre che in alcune stazioni determinati treni viaggiatori
possono partire in anticipo rispetto al proprio orario.
I treni interessati al provvedimento devono essere contraddistinti nel
fascicolo orario con apposito simbolo riportato a fianco dell'ora di partenza
della stazione stabilita.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
50
3. Il dirigente che intenda far circolare un treno in anticipo di corsa fino alla
stazione successiva, presi accordi con quest'ultima anche per quanto riguarda
l'eventuale riduzione o soppressione di fermata in posti intermedi, deve trasmetterle
preventivamente il dispaccio:
FORMULA N. 27 - TRENO ... VIAGGERÀ CON ANTICIPO DI MINUTI
... DA ... A ... (ed occorrendo: E DI MINUTI ... DA ... A ... -
SOPPRESSA FERMATA A ... ).
4. Quando siano stati presi preventivi accordi con tutte le stazioni interessate,
anche per la soppressione di fermata nelle stazioni intermedie (art. 6
comma 19), il dirigente può disporre per l'anticipo di corsa del treno su un tratto
corrispondente più stazioni, non oltrepassando mai la prima d'incrocio. In tal
caso egli deve preventivamente estendere a tutte le stazioni interessate il dispaccio
formula 27.
5. Soppresso.
6. Prima dell'inoltro del treno in ciascuna stazione deve avvisare con dispaccio
i posti intermedi nonché i posti di linea (art. 20) fino alla stazione attigua,
precisando l'anticipo previsto sul tratto interessante i posti stessi.
7. Il dirigente della stazione che dispone per l'anticipo di corsa di un treno
deve provvedere per l'opportuna prescrizione fissando il limite massimo
dell'anticipo stesso 23.
8. Su determinate linee indicate nell'Orario di Servizio, nelle quali tutte le
stazioni sono munite di segnalamento di partenza e per tutti i posti di linea è
sempre esclusa la protezione a tempo, si applicano, in deroga ai commi dal 3
al 7, le disposizioni seguenti.
I macchinisti sono tenuti ad attuare d'iniziativa, durante la marcia, ogni
possibile anticipo corsa, viaggiando alla massima velocità consentita.
Nel licenziamento di un treno, o nell'adozione della procedura di cui all'art.
6 comma 20, è implicito l'ordine al macchinista dell'eventuale anticipo corsa in
partenza, che va attuato tutte le volte che risulti possibile.
Se il treno è licenziato dal capotreno, questi (o il macchinista che ne fa le
veci) deve attuare il massimo possibile anticipo di corsa consentito dalla di-
23 Viaggiate con anticipo massimo di minuti ... da .... a .... ed occorrendo: e di minuti
.... da .... a .... Soppressa fermata a .... - Fermate a ....
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
51
sposizione a via libera dei segnali, salva l'osservanza della norma di cui al
primo capoverso del comma 2.
L'anticipo di corsa in partenza o transito da una stazione abilitata va annunciato
alla stessa, con comunicazione non registrata e compatibilmente col
regolare funzionamento delle telecomunicazioni, alla stazione attigua ed ai soli
posti intermedi fino alla stazione attigua, che provvede analogamente.
ARTICOLO 16 - LOCOMOTIVE ISOLATE DI RINFORZO. TRENI
SENZA CAPOTRENO. TRENI AFFIDATI AL SOLO GUIDATORE.
1. Le locomotive isolate viaggiano di regola senza scorta di agenti del movimento
e ai compiti specifici del personale di scorta provvede il personale di
trazione. Sono da considerarsi isolate anche le locomotive ed i gruppi di esse
che circolano trainando o spingendo particolari veicoli (un veicolo in corsa
prova o guasto, carri riscaldatori, carri attrezzi) nonché i treni composti di mezzi
leggeri quando non svolgono servizio viaggiatori.
2. L'effettuazione dei treni straordinari per l'inoltro di locomotive isolate non
è subordinata all'autorizzazione del Capo Reparto Territoriale Movimento.
3. Il dirigente della stazione che aggiunge la locomotiva di rinforzo ad un
treno deve, salve diverse disposizioni locali, darne avviso a quella dove termina
il rinforzo stesso.
4. Il dirigente della stazione che aggiunge la locomotiva di spinta deve avvisare
il macchinista di testa ed il capotreno, salva l'eccezione di cui al comma
8.
5. Le locomotive di spinta devono viaggiare da stazione a stazione agganciate
al treno. Su determinati tratti di linea, indicati nell'Orario di servizio,
l'unione al veicolo di coda può essere fatta con maglia sganciabile 24 ed in tal
caso la spinta può avere termine in un punto determinato della linea, con ricovero
nella stazione precedente.
6. Quando una locomotiva di spinta viaggia con maglia sganciabile ciascuna
stazione del tratto interessato, a partire da quella in cui ha inizio il rinforzo,
deve darne avviso alla stazione successiva prima della partenza del treno.
24 Dispositivo che può essere azionato anche in corsa.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
52
Sulle linee esercitate col blocco telefonico tale avviso viene dato completando
i dispacci di richiesta e di concessione di via libera con le parole CON
SPINTA SGANCIABILE e all'occorrenza FINO AL KM ...
Sulle linee esercitate col blocco elettrico l'avviso, da estendersi anche ai
posti di blocco intermedi, deve essere dato con il dispaccio:
FORMULA N. 28 - TRENO ..... PARTIRÀ CON SPINTA SGANCIABILE
(ed eventualmente : FINO AL KM ....).
Le stazioni e i posti di blocco intermedi devono confermare alla stazione
precedente con il dispaccio:
FORMULA N. 29 - INTESO TRENO ..... CON SPINTA SGANCIABILE
(ed eventualmente : FINO AL KM...).
Il treno rinforzato con locomotiva sganciabile deve portare la doppia segnalazione
di coda prevista dal Regolamento sui Segnali.
7. Non è ammesso l'impiego della maglia sganciabile per la spinta quando,
per interruzione delle telecomunicazioni, non sia stato possibile avvisarne la
stazione successiva od anche uno solo dei posti di blocco intermedi e riceverne
la relativa conferma.
8. Nell'orario di servizio possono essere indicati i treni ordinari normalmente
spinti con locomotiva sganciabile viaggiante da stazione a stazione. Per tali
treni non occorrono gli avvisi di cui al comma 6.
9. Qualora uno dei treni anzidetti dovesse partire senza spinta, la stazione
interessata deve darne avviso al macchinista e capotreno, nonché avvisare la
stazione attigua e gli eventuali posti di blocco interposti con il dispaccio:
FORMULA N. 30 - TRENO... PARTIRÁ SENZA SPINTA.
Se non è possibile trasmettere il dispaccio di cui sopra, al treno stesso deve
essere prescritto fermata in corrispondenza dei posti di blocco non potuti
avvisare e, occorrendo, nella stazione successiva ed il capotreno deve informare
il guardablocco e quel dirigente della mancanza di rinforzo.
10. Quando la spinta abbandona il treno in linea, la stazione in cui rientra
la locomotiva stessa deve comunicare l'avvenuto ricovero alla stazione limitrofa
e agli eventuali posti di blocco intermedi con il dispaccio:
FORMULA N. 31 - SPINTA TRENO... RICOVERATA.
Tale dispaccio non occorre:
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
53
- sulle linee esercitate con il blocco telefonico sulle quali peraltro i
dispacci di via libera per il primo treno che impegna la linea dopo quello
rinforzato devono essere opportunamente completati 25;
- sulle linee esercitate col blocco automatico o conta-assi;
- per i casi particolari autorizzati dalle Unità periferiche interessate in
relazione all'esistenza di appositi dispositivi di sicurezza.
11. Sulle linee esercitate col blocco automatico o conta-assi non è ammesso
che la spinta abbandoni il treno in linea oltre la prima sezione di blocco
attigua alla stazione in cui la locomotiva deve rientrare.
12. Sulle linee esercitate col blocco elettrico manuale, quando è prescritto
il dispaccio formula 31 le stazioni e i posti di blocco intermedi che non possono
riceverlo non devono far uso del blocco. In tal caso la circolazione deve essere
arrestata.
13. Agli effetti degli incroci nella stazione di ricovero, la corsa di ritorno di
una locomotiva di spinta che abbia abbandonato un treno in linea è considerata
come una corsa di straordinario ad orario libero.
14. Sulle linee a doppio binario, quando la locomotiva di spinta abbandoni
il treno in linea e si ricoveri in stazione percorrendo il binario illegale, non occorre
avviso d'incrocio ai treni interessati.
15. Le disposizioni del presente articolo non si applicano per le spinte date
ai fini dell'avviamento nell'ambito di una stazione. Norme particolari potranno
essere impartite dalle Unità periferiche interessate.
16. Determinati treni, in condizioni stabilite dalle Unità Centrali interessate,
possono viaggiare senza capotreno le cui attribuzioni, salvo diverse specifiche
disposizioni, sono devolute al personale di trazione.
Il macchinista e le stazioni del percorso devono essere avvisati della mancanza
del capotreno.
25
a) SEGUITO TRENO ... (che ha avuto il rinforzo) E DOPO RICOVERATA SPINTA
MIA STAZIONE CHIEDO DI INVIARE TRENO ... RICOVERATA VOSTRA STAZIONE
SPINTA TRENO... VIA LIBERA TRENO...
b) DOPO GIUNTO MIA STAZIONE TRENO .... (che ha avuto il rinforzo) E SEGUITO
SPINTA TRENO STESSO CHIEDO INVIARE TRENO ...
Risposta con il dispaccio formula 4.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
54
17. Alle condizioni stabilite dalle Unità Centrali interessate è ammessa la
circolazione di treni affidati ad un solo agente, che è addetto alla guida. La
circolazione di un treno affidato al solo guidatore deve essere preventivamente
notificata alle stazioni del percorso a cura della stazione di origine, salvo che la
circolazione stessa sia prevista in orario o in apposita circolare.
18.Sulle linee esercitate col blocco elettrico, quando fra due stazioni esistano
uno o più posti di blocco intermedi, il treno che segue immediatamente
quello affidato al solo guidatore deve circolare anche col blocco telefonico da
stazione a stazione.
19. Ai treni affidati al solo guidatore non sono applicabili le disposizioni del
Regolamento Segnali per la protezione in caso di arresto in linea quando la
protezione stessa è prescritta. In tali casi, la stazione che non riesca a procurarsi
la via libera per un treno che circoli a seguito deve arrestare la circolazione.
20. Le disposizioni di cui ai comma precedenti si applicano ugualmente alle
locomotive di spinta sganciabili che risultino affidate ad un solo agente di macchina
(guidatore).
ARTICOLO 17 - TRENI MATERIALI CARRELLI E TRADOTTE
1. I treni M.L. circolano sul tratto dove debbono essere eseguiti i lavori, denominato
tratto di lavoro, in regime di interruzione; sugli altri tratti denominati
tratti d'invio, i treni M.L. sono soggetti alle medesime norme che regolano i treni
straordinari.
2. Con la denominazione di carrelli s'intendono particolari veicoli con o
senza motore atti a circolare su binario, utilizzati per esigenze di servizio, circolanti
con specifiche modalità formanti oggetto di apposita Istruzione.
I carrelli, in relazione alla possibilità o meno della loro rimozione dal binario,
si distinguono in rimovibili e non rimovibili.
3. Sui binari interrotti alla normale circolazione i treni materiali ed i carrelli
circolano senza intervento dei dirigenti delle stazioni. Questi devono soltanto
provvedere ad assicurare l'itinerario per la partenza ed il ricevimento dei treni
M.L. e dei carrelli, nonché ad impartire per iscritto all'agente di scorta dei treni
M.L. le norme per il rientro in stazione. Spettano unicamente all'agente di
scorta tutte le incombenze relative al licenziamento dei treni M.L. e dei carrelli,
previo benestare del dirigente, e alla circolazione in linea.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
55
Spetta inoltre all'agente di scorta accertare che il treno M.L. si trovi nelle
condizioni di sicurezza richieste dalle norme comuni dei treni, per quanto riguarda
il computo della frenatura nonché le caratteristiche dei veicoli e del loro
carico.
4. La scorta dei treni M.L. è affidata ad agenti dei lavori od Impianti Elettrici
appositamente abilitati. È consentito che la condotta sia effettuata da agenti
appositamente abilitati, in sostituzione del personale di Trazione.
5. L'addetto alla condotta del treno M.L. dovrà comunque osservare la
marcia a vista in corrispondenza di tutti i passaggi a livello incontrati.
Sui tratti di lavoro con pendenza superiore al 15‰, l'ubicazione della locomotiva
del treno M.L. deve essere stabilita dalle Unità Periferiche interessate
anche in relazione alle contropendenze del tratto stesso, ed indicata nell'orario
di servizio.
Il dimezzamento dei treni M.L. per facilitare il carico e lo scarico sui tratti di
lavoro è di regola vietato, a meno che esista esplicita autorizzazione nell'orario
di servizio.
6. Di regola, le tradotte sono soggette alle medesime norme di circolazione
che regolano i treni.
Se risulta più opportuno ai fini dello svolgimento del servizio, le Unità
Periferiche interessate possono disporre che, in particolari situazioni, le
tradotte circolino in regime di interruzione di servizio per necessità di movimento.
In ogni caso, devono essere rispettate le specifiche norme tecniche previste
dalla Prefazione generale all'orario di servizio ed apposite istruzioni devono
essere impartite dalle Unità Periferiche interessate.
7. Quando la circolazione delle tradotte avviene in regime di interruzione, il
dirigente deve provvedere a tutte le incombenze relative all'uscita, al rientro ed
alla circolazione in linea, impartendo le prescrizioni eventualmente occorrenti.
8. Le tradotte sono, di regola, scortate da agenti del movimento secondo le
norme stabilite nelle Istruzioni di servizio.
Sulle linee a semplice binario, in cui il personale dei treni interviene nel
controllo degli incroci, le tradotte circolanti con le norme dei treni devono essere
sempre scortate dal capotreno.
Alle condizioni stabilite nelle specifiche Istruzioni di servizio è ammesso
che le tradotte siano affidate al solo agente addetto alla condotta.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
56
È consentito che la condotta sia effettuata da agenti appositamente abilitati,
in sostituzione del personale di trazione.
ARTICOLO 18 - INTERRUZIONI DI CIRCOLAZIONE E
INTERVALLI D'ORARIO
1. Su una linea a semplice binario, oppure su uno od entrambi i binari di
una linea a doppio, la circolazione dei treni può essere interrotta:
a) per disposizione prevista dall'orario di servizio (interruzioni
programmate in orario ed intervalli d'orario);
b) per disposizione prevista da apposito programma (interruzioni programmate
non inserite nell'orario di servizio);
c) per cause accidentali (interruzioni accidentali);
d) per necessità di movimento (interruzioni di servizio per motivi diversi da
quelli del punto precedente);
e) per necessità tecniche (interruzioni di servizio per determinate esigenze,
non programmate).
Le interruzioni a) e b) sono delimitate dal transito di determinati treni oppure
da determinate ore. Le interruzioni e) sono sempre delimitate da ore, che
vengono stabilite con la concessione delle interruzioni stesse.
1bis. Nessun treno può essere inoltrato su un tratto interrotto, fatta
eccezione per i treni materiali e per le tradotte, secondo quanto stabilito dal
precedente articolo 17.
2. Salvo i casi successivi, ogni qualvolta la circolazione sia interrotta su un
binario le stazioni e, se presenziati, i bivi devono mantenere esposto sul
binario interrotto un segnale d'arresto oltre lo scambio estremo dal lato
dell'interruzione o, in mancanza dello scambio stesso, a 300 metri dall'asse del
fabbricato viaggiatori. L'avviso ai bivi sarà dato dalle stazioni designate dalle
Unità periferiche interessate.
L'esposizione del segnale di arresto non occorre:
- sulle linee a doppio binario, se il binario interrotto è quello illegale;
- in tutti gli altri casi, se ci si può avvalere di appositi dispositivi agenti sui
segnali di partenza, stabiliti dalle Unità Centrali interessate.
Nelle stazioni presenziate da solo dirigente, per l'esposizione e la
rimozione del segnale di arresto, il dirigente può avvalersi anche di personale
non dipendente, purché debitamente istruito dal dirigente medesimo.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
57
3. Per le interruzioni programmate non inserite nell'orario di servizio
(comma 1. b) il relativo programma viene emanato dalle Unità periferiche
interessate e deve prevedere le modalità per la richiesta dell'interruzione da
parte dell'agente autorizzato dei Lavori od Impianti Elettrici, nonché per la sua
concessione. Per le interruzioni programmate in orario (comma 1.a) devono
osservarsi le disposizioni contenute nell'orario stesso.
4. La stazione designata dal programma, alla quale viene rivolta
dall'agente autorizzato la richiesta di conferma dell'interruzione 26 , prima di
concederla 27 deve avvisare verbalmente tutte le stazioni del tratto da interrompere.
Le stazioni del tratto da interrompere devono confermare con il dispaccio:
FORMULA N. 33 - INTESO OGGI ..... INTERRUZIONE LINEA (O BINARIO
PARI O DISPARI. In caso di linee affiancate specificare sempre la linea
interessata) FRA ... E ... COME DA PROGRAMMA N° ... DEL .... (O COME DA
PROGRAMMA N° ... PREVISTO IN ORARIO), e quelle tra esse che inviano
normalmente treni sul binario da interrompere devono aggiungere la
precisazione: DOPO TRENO .... (ultimo effettivamente inviato o da inviare
prima dell'interruzione), anche quando l'inizio dell'interruzione non è delimitata
da un treno.
5. L'interruzione programmata che prevede il completo arresto della circolazione
su un determinato tratto di linea può avere di fatto inizio, salvo specifiche
disposizioni in contrario inserite nel programma per occorrenze eccezionali,
solo dopo il passaggio dei treni viaggiatori e dei relativi supplementari, dei
treni merci celeri e dei treni derrate il cui transito verrebbe a cadere, per ritardo,
entro i limiti previsti per l'interruzione stessa.
Nel caso in cui il transito del treno in ritardo debba avvenire poco prima del
previsto termine dell'interruzione, questa potrà essere concessa, ma se ne dovrà
anticipare la fine in modo da consentire il passaggio del treno in ritardo.
I treni non compresi fra quelli sopra indicati devono essere trattenuti o soppressi
a cura della stazione limite del tratto interrotto.
26 CONFERMATE INTERRUZIONE LINEA (oppure: BINARIO PARI o DISPARI. In caso
di linee affiancate specificare sempre la linea interessata) FRA .... E .... COME DA
PROGRAMMA N° ... DEL.... (o COME DA PROGRAMMA N° .... PREVISTO IN ORARIO).
27 CONFERMO INTERRUZIONE LINEA (oppure: BINARIO PARI o DISPARI. In caso di
linee affiancate specificare sempre la linea interessata) FRA .... E .... COME DA
PROGRAMMA N°.. DEL ... (o COME DA PROGRAMMA N° .... PREVISTO IN ORARIO), CON
INIZIO DOPO TRANSITO TRENO .... (ultimo effettivamente circolante prima dell'interruzione)
E FINO ALLE ORE .... oppure: CON INIZIO DALLE ORE ... E FINO ALLE ORE ... secondo
che l'inizio dell'interruzione sia, o meno, delimitato per programma da un treno.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
58
6. Il programma d'interruzione di un binario su linea a doppio può prevedere
che determinati treni in orario siano istradati in senso illegale sul binario
rimasto in esercizio. Nel determinare tali istradamenti anormali le Unità
periferiche interessate devono tener conto dell'importanza dei treni stessi.
7. I treni in ritardo devono essere di regola istradati sull'unico binario in
esercizio. Le Unità periferiche interessate possono però stabilire in programma
che l'inizio dell'interruzione sia subordinata al passaggio di determinati treni.
8. Quando è prevista la circolazione a binario unico, oltre alle norme del
presente articolo in quanto pertinenti, devono applicarsi quelle di cui all'art. 19.
9. Quando sono interrotte le telecomunicazioni non può aver luogo alcuna
interruzione programmata.
Quando, per qualsiasi circostanza, l'interruzione debba essere ritardata o
non possa essere concessa, il dirigente deve darne immediata comunicazione
al richiedente.
10. Quando l'agente autorizzato di cui al comma 3 non abbia richiesto di
utilizzare l'interruzione nel termine previsto, o avendone fatta richiesta vi rinunci,
il dirigente può utilizzare per la circolazione il binario che avrebbe dovuto
essere interrotto. L'interruzione, qualora sia stata annunciata alle stazioni
interessate, deve essere annullata.
Un'interruzione già concessa può essere annullata solo previo benestare
registrato dell'agente autorizzato che l'ha richiesta.
11. (soppresso).
12. Gli agenti dei Lavori ed Impianti Elettrici devono avvisare dell'interruzione
tutto il personale dipendente interessato.
Gli agenti degli Impianti Elettrici, che intendano utilizzare un'interruzione
stabilita per esigenze degli agenti dei Lavori o viceversa, devono prendere
specifici diretti accordi con l'agente autorizzato di cui al comma 3, al quale è
stata concessa l'autorizzazione stessa.
13. Quando l'inizio dell'interruzione è delimitato da treno, gli agenti interessati
dei Lavori od Impianti Elettrici devono assicurarsi che il treno menzionato
nella conferma dell'interruzione stessa sia effettivamente transitato, prima
d'iniziare qualsiasi lavoro sulla linea, di togliere tensione o di far circolare treni
materiali o carrelli.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
59
Quando l'inizio dell'interruzione non è delimitato da treno, spetta alla stazione
che concede l'interruzione assicurarsi preventivamente, scambiando
quando occorra i necessari dispacci con le altre stazioni interessate, dell'avvenuto
transito del treno che precede l'inizio dell'interruzione.
14. L'agente autorizzato di cui al comma 3, almeno 5 minuti prima del termine
dell'interruzione, deve trasmettere alla stazione designata dal programma
il nulla osta28 per la ripresa della circolazione. Detta stazione viene così
autorizzata a ripristinare al termine stabilito dal programma la circolazione sul
binario interrotto, previo avviso alle altre stazioni del tratto interessato con il
dispaccio:
FORMULA N. 34 - DALLE ORE.... (o DAL TRENO) RIPRENDESI
SERVIZIO NORMALE FRA .... E ....
L'anzidetto limite di 5 minuti potrà essere maggiorato per particolari esigenze
riconosciute dalle Unità periferiche interessate.
15. Quando eccezionalmente per motivi di forza maggiore il binario non
possa essere restituito al normale esercizio nel termine stabilito, l'agente di cui
al comma 3 deve darne, prima della fine dell'interruzione, avviso per iscritto o
con fonogramma registrato, precisando la presumibile ulteriore durata dell'interruzione
al dirigente della stazione a cui avrebbe dovuto dare il benestare
per la ripresa della circolazione. Non riuscendo possibile dare il suddetto avviso,
gli agenti dei Lavori od Impianti Elettrici devono subito provvedere alla
protezione del tratto interrotto o ingombro nei modi prescritti dal Regolamento
sui Segnali.
Il prolungamento dell'interruzione programmata è da considerarsi a tutti gli
effetti come interruzione accidentale.
16. Quando i lavori siano stati ultimati in anticipo rispetto al termine stabilito,
l'agente di cui al comma 3 deve avvisarne per iscritto o con fonogramma
registrato il dirigente della stazione designata dal programma per la ripresa del
normale servizio. Detto dirigente viene così autorizzato a ripristinare la circolazione
previo avviso alle stazioni interessate con il dispaccio formula 34 preceduto
dalla frase:
«PER ANTICIPATO TERMINE DEI LAVORI … »
28 NULLA OSTA RIPRESA CIRCOLAZIONE LINEA (oppure: BINARIO PARI o DISPARI. In
caso di linee affiancate specificare sempre la linea interessata) FRA … E… DALLE ORE
… (o DAL TRENO …).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
60
17. Nella impostazione degli orari di servizio possono essere Intervalli
previsti appositi periodi liberi da treni ordinari che sono denominati «intervalli
d'orario».
Durante tali intervalli, che sono esplicitamente elencati nell'orario di servizio,
la circolazione può essere interrotta, a richiesta, per esigenze della manutenzione
o per altre occorrenze, sul binario e nei giorni stabiliti dall'orario medesimo.
18. Di regola, e salve le eccezioni per treni in ritardo di cui al comma 19,
punto d), nell'intervallo d'orario interessante un binario su linea a doppio non è
prevista la circolazione nei due sensi sul binario rimasto in esercizio, sul quale
i treni circolano nel solo senso legale e col normale regime. Quando occorra la
circolazione a binario unico, oltre alle norme del presente articolo, in quanto
pertinenti, devono applicarsi quelle di cui all'art. 19.
19. Le modalità per la concessione e utilizzazione degli intervalli d'orario,
nonché per la ripresa della normale circolazione, sono quelle indicate nei precedenti
comma per le interruzioni programmate, con le varianti e norme particolari
di cui in appresso:
a) la richiesta di utilizzazione dell'intervallo deve essere inoltrata,
dall'agente autorizzato indicato nell'orario di servizio, almeno un'ora
prima alla stazione prestabilita; la conferma da parte di quest'ultima
deve essere comunicata appena possibile, e comunque dopo
l'accertamento di cui alla seconda parte del comma 13 quando l'inizio
dell'intervallo non è delimitato da un treno;
b) nei dispacci di richiesta e relativa conferma di cui al comma 4, nonché
in quelli della formula 33, deve essere usata la dizione «INTERVALLO
D'ORARIO SULLA LINEA (o SUL BINARIO PARI o DISPARI; In caso
di linee affiancate specificare sempre la linea interessata) N° .... FRA ..
E ..» in luogo di quella « INTERRUZIONE LINEA FRA ... E ... COME
DA PROGRAMMA N°... DEL...»;
c) Soppresso.
d) per l'effettiva delimitazione degli intervalli di orario devono applicarsi
norme analoghe a quelle previste dal comma 5, ma quando l'intervallo
interessi un binario su linea a doppio, i treni in ritardo di cui all'ultimo
capoverso di detto comma possono essere istradati sul binario rimasto
in esercizio, con le norme di cui all'art. 19.
20. Il dirigente della stazione che per prima viene a conoscenza di un fatto
anormale che imponga l'arresto della circolazione su un tratto di linea deve
immediatamente avvertire verbalmente le stazioni del tratto interrotto.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
61
Le stazioni del tratto interrotto devono confermare con il dispaccio formula
33, omettendo la frase COME DA PROGRAMMA N° .... DEL ....
L'avviso di interruzione deve essere esteso alle rimanenti stazioni della linea,
fino alle capotronco attigue, con comunicazione verbale trasmessa da
stazione a stazione.
21. Le due stazioni estreme del tratto interrotto devono considerarsi quali
stazioni capotronco dei rispettivi tratti rimasti in esercizio fra esse e le capotronco
più vicine e intervenire per tutte le disposizioni di movimento che si rendono
necessarie in dipendenza dell'interruzione accidentale della linea.
In attesa d'interventi superiori, i Capi Reparto Territoriali Movimento ed i
dirigenti delle anzidette stazioni devono prendere accordi fra loro e con le altre
stazioni interessate, nonché con gli altri agenti interessati, per i provvedimenti
indispensabili da adottare in dipendenza della situazione verificatasi.
22. La stazione che per prima viene a conoscenza di un fatto anormale che
imponga l'arresto della circolazione su un binario di linea a doppio, deve immediatamente
informare verbalmente le stazioni del tratto interrotto e riceverne
conferma con la formula 33 nella quale va omessa la dizione: «COME DA
PROGRAMMA N° .... DEL ....».
All'occorrenza detta stazione provvederà ad attivare la circolazione nei due
sensi sul binario rimasto in esercizio (art. 19).
23. La stazione che ha diramato l'annuncio dell'interruzione accidentale,
quando abbia ricevuto dagli agenti interessati avviso per iscritto o con dispaccio
che la circolazione può essere ripresa, deve avvisarne con dispaccio le
stazioni cui era stata notificata l'interruzione stessa, precisando le modalità di
ripresa del servizio normale su entrambi i binari, servizio su un solo binario di
linea a doppio, ecc. ...).
24. In particolari situazioni stabilite dalle Unità Centrali interessate o in altri
casi stabiliti dalle Unità periferiche interessate, se risulta più opportuno ai fini
dello svolgimento del servizio, la circolazione dei treni può essere interrotta, su
una linea a semplice binario oppure su uno od entrambi i binari di una linea a
doppio, d'iniziativa del dirigente di una stazione e fino alla stazione limitrofa
abilitata, previ accordi col dirigente di quest'ultima.
Alle interruzioni di cui sopra si applicano le procedure di cui al comma 20 o
22 con le particolarità seguenti:
- prima di trasmettere l'annuncio, il dirigente interessato deve assicurarsi
che il binario da interrompere sia sgombro da treni;
- l'interruzione va motivata da "necessità di movimento";
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
62
- l'annuncio e la conferma di cui al comma 20 sono limitati alla stazione
attigua interessata;
- i dispacci di conferma vanno completati, all'occorrenza, a norma dell'art.
19 comma 5.
La stazione che ha diramato l'annuncio dell'interruzione, quando ne cessi
la ragione, deve avvisare con dispaccio formula 34 la stazione attigua interessata.
25. Su tutte le linee, a richiesta degli agenti autorizzati dei Lavori od Impianti
Elettrici, in intervalli che di fatto sono liberi da treni, i dirigenti possono
concedere interruzioni per la circolazione di carrelli o di treni materiali sul tratto
di lavoro, per lavori di manutenzione e riparazione degli impianti di
segnalamento e di sicurezza, secondo specifiche norme emanate dalle Unità
periferiche interessate, o per altre esigenze tecniche stabilite dalle Unità
Centrali interessate.
Dette interruzioni, ciascuna delle quali va limitata fra stazioni attigue abilitate,
possono essere richieste, con congruo anticipo, all'una od all'altra di tali
stazioni.
Le modalità per la concessione ed utilizzazione delle interruzioni stesse,
nonché per la ripresa della normale circolazione sono quelle precedentemente
indicate per le interruzioni programmate, con le seguenti particolarità:
- nei dispacci di richiesta e relativa conferma di cui al comma 4, da
completare specificando il binario da interrompere sulle linee a doppio,
nonché in quello della formula 33, la dizione: « COME DA
PROGRAMMA N° ... DEL ... » va sostituita con la seguente: «DA ORE
... A ORE ... PER NECESSITA TECNICHE»;
- l'annuncio e la conferma di cui alla predetta formula 33 sono limitati alla
stazione attigua interessata.
26. Tutti o parte dei dispacci previsti nel presente articolo possono essere
sostituiti con particolari attrezzature tecniche (dispositivi di fuori servizio) in base
a norme specifiche emanate dalle Unità Centrali interessate in relazione ai
tipi di impianto.
ARTICOLO 19 - CIRCOLAZIONE A BINARIO UNICO SU LINEA A
DOPPIO BINARIO
1. La circolazione a binario unico su linea a doppio (circolazione nei due
sensi su un solo binario) viene disposta con programma o attivata di iniziativa
dei dirigenti per necessità di movimento o per fatto accidentale (art. 18).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
63
2. I bivi in linea eventualmente esistenti sul tratto esercitato a binario unico
devono essere presenziati da un dirigente.
Le Unità periferiche interessate devono preventivamente stabilire in
relazione alle situazioni locali le modalità da osservare in attesa di tale presenziamento
per l'evenienza di circolazione a binario unico.
Le stazioni disabilitate nonché le fermate munite di deviatoi, che si trovino
sul tratto ridotto a binario unico, devono essere possibilmente presenziate da
dirigente.
3. Soppresso.
4. Disposizioni in deroga alle norme comuni possono essere impartite dalle
Unità Centrali interessate per determinate linee che siano attrezzate con impianti
di segnalamento e di blocco elettrico per la circolazione nei due sensi su
uno stesso binario.
5. La stazione designata dal programma, o quella interessata a norma
dell'art. 18 per le interruzioni accidentali, o di servizio per necessità di movimento,
deve avvisare verbalmente le stazioni del tratto da esercitare a binario
unico, ottenendone conferma con il dispaccio di cui alla formula prescritta
nell'art. 18, completandola con la frase:
"TUTTI I TRENI PERCORRERANNO BINARIO DISPARI (o PARI)".
Quando, durante un'interruzione nella quale sia stata prevista la circolazione
nel solo senso legale, oppure durante un'intervallo d'orario, occorra attivare
la circolazione nei due sensi sul binario rimasto in esercizio, il dirigente
interessato deve avvisare verbalmente le stazioni del tratto interrotto.
Le stazioni del tratto interrotto devono confermare con il dispaccio:
FORMULA N. 33-bis - INTESO CIRCOLAZIONE A BINARIO
UNICO FRA ... E ... DAL TRENO ... - TUTTI I TRENI PERCORRERANNO
BINARIO DISPARI (o PARI).
6. Le stazioni che inoltrano treni nel senso illegale devono avvisare del
servizio a binario unico, con apposito dispaccio, tutti i posti intermedi fino alla
stazione successiva.
Nel caso in cui non sia stato possibile avvisare un posto intermedio munito
di deviatoi, il posto stesso deve essere considerato impresenziato agli effetti
del comma 12-b) fino a che non si abbia conferma del suo presenziamento e
che l'agente addetto sia a conoscenza del servizio a binario unico.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
64
Quando non sia stato possibile avvisare un posto di blocco intermedio, al
primo treno percorrente il binario nel senso illegale deve essere prescritto di
arrestarsi al posto stesso per la consegna di copia del dispaccio di avviso.
Inoltre ogni stazione deve avvisare della circolazione a binario unico i posti
di linea di cui all'art. 20 con le modalità ivi previste.
7. Su tutte le linee la circolazione dei treni nei due sensi sul binario rimasto
in esercizio deve essere regolata da stazione a stazione col regime del blocco
telefonico.
Per il primo treno percorrente il binario in senso illegale, nel dispaccio di richiesta
e concessione di via libera deve essere precisato: SUL BINARIO
ILLEGALE DEI DISPARI (o DEI PARI).
Sulle linee esercitate col blocco elettrico devono essere anche applicate le
norme particolari contenute nelle apposite Istruzioni.
8. Sul tratto ridotto a binario unico la successione dei treni nei due sensi
sul binario in esercizio è disciplinata unicamente con le norme di cui al comma
7, in deroga alle disposizioni dell'art. 9, dalla stazione che inoltra i treni nel
senso legale. Con ordine superiore può essere invece stabilito che la successione
dei treni sia disciplinata dalla stazione che inoltra i treni nel senso illegale.
9. I segnali fissi della linea e di protezione delle stazioni che comandano ai
treni percorrenti il binario legale, non hanno significato per i treni che percorrono
il binario illegale, salvo esplicito ordine delle stazioni interessate che devono
riceverne conferma.
Il ricorso alla facoltà di avvalersi del segnale di protezione non è ammesso
per le stazioni munite di segnale di chiamata per gli arrivi dal binario illegale.
10. Ai treni circolanti sul tratto esercitato a binario unico devono essere
date le seguenti prescrizioni:
a) ai treni circolanti nel senso illegale, avviso della circolazione a binario
unico;
b) ai treni circolanti sul binario per essi legale, fermata nelle stazioni non
munite di doppio segnalamento di protezione e partenza;
c) ai treni con itinerario di arrivo o partenza sull'illegale, marcia a vista in
arrivo e fermata nelle stazioni interessate;
d) ai treni in arrivo dal binario illegale, fermata prima del deviatoio d'ingresso
delle stazioni interessate;
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
65
e) al primo treno circolante nel senso illegale: esposizione del segnale
previsto dal Regolamento segnali e marcia a vista nell'impegnare e nel
percorrere i tratti di lavoro preceduti da tabella "C" oppure "S".
Le anzidette prescrizioni devono essere date d'iniziativa e a cura delle
stazioni estreme del tratto esercitato a binario unico, alle quali le singole stazioni
interessate del tratto stesso devono tempestivamente fornire gli ulteriori
elementi con apposito dispaccio.
Le stazioni estreme potranno incaricare delle prescrizioni stesse opportuna
precedente stazione, da cui dovranno ricevere conferma.
In mancanza di tale conferma le stazioni estreme devono arrestare il treno
per i necessari avvisi e, se questo deve essere istradato su itinerario illegale,
riceverlo previa fermata al segnale di protezione.
10-bis. In casi eccezionali, per determinati singoli cantieri di lavoro operanti
in particolari situazioni, le Unità Centrali interessate possono autorizzare le
Unità periferiche ad abolire la marcia a vista di cui al comma 10 punto e).
11. Quando siano state realizzate tutte le occorrenti condizioni di sicurezza,
i dirigenti delle singole stazioni interessate del tratto interrotto intervengono
tempestivamente per evitare:
- ai treni in arrivo sul binario illegale, la fermata prima dello scambio d'ingresso
della propria stazione;
- ai treni circolanti su itinerario legale, la fermata nella propria stazione;
- ai treni con itinerario di partenza sul legale comandato da segnale di
partenza, il completo arresto nella propria stazione ricorrendo alla
norma dell'art. 6 comma 20 (fermata ridotta).
12. Le stazioni che immettono i treni sul binario illegale devono provvedere
perché siano praticate le seguenti prescrizioni:
a) ai treni che devono percorrere stazioni disabilitate e presenziate o che
devono incontrare scambi di punta in altri posti intermedi presenziati,
marcia a vista e limitazione di velocità a 30 km/h in corrispondenza dei
posti stessi;
b) ai treni che devono incontrare scambi di punta non presenziati, provvisti
o meno di fermascambi di sicurezza, fermata prima di impegnarli e
ripresa della corsa con cautela dopo accertata la loro regolare
disposizione;
c) ai treni che devono incontrare bivi in linea presenziati da dirigente, fermata
prima di impegnare gli scambi dei bivi stessi.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
66
12-bis. Il dirigente che presenzia un bivio in linea deve far proseguire i treni
circolanti nel senso illegale, con la prescrizione di partire da binario sprovvisto
di segnale di partenza.
13. Soppresso.
14. Per la ripresa della normale circolazione a doppio binario devono essere
osservate le norme stabilite dall'art. 18.
15. Dopo la ripresa del servizio normale su entrambi i binari, anche sulle linee
munite di blocco elettrico deve essere mantenuto il regime del blocco telefonico
per il primo treno in entrambi i sensi. Nei dispacci relativi al primo treno
istradato sul binario precedentemente interrotto deve essere precisato il binario
stesso: SUL BINARIO LEGALE DEI DISPARI (o DEI PARI).
ARTICOLO 20 - RAPPORTI FRA STAZIONI E POSTI DI LINEA
1. I dirigenti delle stazioni sono tenuti a trasmettere gli avvisi relativi alla
circolazione dei treni previsti dal presente Regolamento ai seguenti posti della
linea (art. 2, comma 12):
a) posti fissi di linea (posti di custodia dei passaggi a livello ed altri posti
fissi di vigilanza) collegati telefonicamente con le stazioni limitrofe;
b) cantieri di lavoro che si siano annunciati al dirigente.
Tali avvisi vengono di regola trasmessi dalle stazioni nel senso di marcia
dei treni.
2. I cantieri dotati di telefono atto a ricevere chiamate e permanentemente
presenziato possono annunciarsi al dirigente con il dispaccio:
CAPO STAZIONE ... DALLE ORE ... ALLE ORE ... CANTIERE DI
LAVORO FRA KM ... E KM ... (SUL BINARIO ...) POSTO TELEFONICO
N° ... PRESENZIATO.
Sulle linee a semplice binario, nonché su quelle a doppio quando il cantiere
impegni entrambi i binari, l'annuncio deve essere dato ad entrambe le stazioni
limitrofe abilitate.
Quando invece, sulle linee a doppio, il cantiere lavori su di un solo binario
l'annuncio viene limitato alla stazione che manda i treni verso di esso. In caso
di sopravvenuta circolazione a binario unico il cantiere deve subito annunciarsi
alla stazione che immette i treni sull'illegale.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
67
3. Quando un cantiere operi sui binari di circolazione nell'ambito dei segnali
di protezione di una stazione, è ammesso che ai dispacci di annuncio e di
avviso siano sostituite comunicazioni scritte.
4. Quando eccezionalmente, per guasto al telefono o per altre cause, il
cantiere non possa annunciarsi ad una delle stazioni previste dal comma 2,
l'annuncio può essere rivolto ad altra stazione, dando esplicito avviso della situazione
1.
Il dirigente interessato, previ opportuni accordi con il dirigente della stazione
limitrofa, provvederà a dare al cantiere stesso gli avvisi di competenza di
entrambe le stazioni.
Quando anche le comunicazioni fra le due stazioni fossero interrotte, detto
dirigente deve, prima di ogni altro avviso, informarne il cantiere 2, per l'adozione
delle conseguenti cautele.
5. Al ricevimento dell'annuncio i dirigenti devono, con apposito dispaccio,
dare subito avviso al cantiere della effettuazione di treni straordinari (compresi
i giornalieri) e supplementari, delle soppressioni, degli anticipi di corsa e del
servizio a binario unico sulle linee a doppio (anche se svolgentesi sul binario
non impegnato dal cantiere) che interessino il periodo di lavoro e che siano
previsti al momento dell'annuncio, nonché elencare i treni in ritardo che avrebbero
dovuto essere già passati dalla propria stazione. Diversamente preciseranno
di non avere nulla da notificare 3.
6. Per i successivi avvisi occorrenti durante il periodo di lavoro i dirigenti si
atterranno alle norme dei comma 11 e 12.
7. I cantieri di lavoro che non siano muniti di telefono atto a ricevere chiamate
o non siano in grado di presenziare permanentemente il telefono dal
quale si annunciano possono, nell'imminenza di lavori interessanti la sicurezza
e in altre particolari circostanze, rivolgersi ad una delle stazioni limitrofe al
tratto di lavoro, con il dispaccio:
CAPO STAZIONE ....... - CANTIERE NON MUNITO DI TELEFONO
LAVORA FRA KM ..... E KM ..... (SUL BINARIO ....) - DATE SITUAZIONE
CIRCOLAZIONE DALLE ORE .... ALLE ORE ....
1 QUESTO CANTIERE PER GUASTO (od altra causa da specificarsi) NON COMUNICA
CON LA STAZIONE DI ...
2 QUESTA STAZIONE NON COMUNICA CON LA STAZIONE DI ...
3 SI EFFETTUANO TRENI .... - SOPPRESSI TRENI .... - TRENO .... VIAGGIA CON
ANTICIPO DI MINUTI .... - DAL TRENO .... SERVIZIO SUL BINARIO UNICO DEI .... - TRENI
.... NON ANCORA PARTITI DA QUESTA STAZIONE.
Oppure: NULLA DA NOTIFICARE.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
68
Il dirigente che ha ricevuto l'annuncio, se la stazione limitrofa immette i
treni sul binario impegnato dal cantiere, deve subito notificare a quest'ultima
l'esistenza del cantiere stesso, richiederle all'occorrenza le comunicazioni di
competenza interessanti il periodo lavorativo del cantiere e quindi trasmettere
a questo il dispaccio di risposta di cui al comma 5.
Quando occorrendo lo scambio di comunicazioni fra due stazioni limitrofe
al tratto di lavoro queste siano interrotte, la stazione cui il cantiere si è annunciato
deve subito informarlo per l'adozione delle conseguenti cautele, fornendogli
poi le notizie di sua competenza.
8. Nel caso di cui al comma precedente, il periodo indicato nel dispaccio
non deve di massima superare le due ore, salva diversa autorizzazione fino al
limite di quattro ore da parte delle Unità Periferiche interessate, per linee a
scarso o medio traffico in cui l'effettuazione di treni straordinari o supplementari
non sia frequente.
Disposizioni limitative per il ricorso al sistema previsto nel comma 7 possono
essere stabilite dalle Unità Periferiche interessate , in relazione alle
esigenze del traffico delle linee.
9. Quando si sia inserito un cantiere di lavoro non collegato permanentemente,
deve essere di norma evitata l'effettuazione di altri treni straordinari o
supplementari interessanti il binario impegnato dal cantiere e restano vietati gli
anticipi di corsa, salvi quelli comunicati all'atto dell'annuncio. Per gli eventuali
treni straordinari o supplementari che debbano essere eccezionalmente inoltrati
ci si atterrà alle norme di cui al comma 12.
10. Un cantiere comunque annunciatosi può considerarsi inserito solo
quando abbia ricevuto completo il dispaccio di risposta di cui al comma 5.
10-bis. Su determinate linee o singole stazioni indicate nell'orario di servizio
non è ammesso l'inserimento dei cantieri di lavoro con protezione a tempo
di cui ai commi dal 2 al 10 del presente articolo.
11. Le stazioni devono sempre trasmettere con dispaccio ai posti fissi della
linea nonché, per tutto il periodo di lavoro, ai cantieri annunciatisi di cui al
comma 2, i seguenti avvisi:
- effettuazione di straordinari e supplementari;
- soppressione di treni;
- anticipi corsa;
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
69
- servizio a binario unico su linee a doppio (anche se svolgentisi sul
binario non impegnato dal cantiere).
12. Salvo il caso di cui al comma 13 il dirigente movimento che si trovi
nell'impossibilità di trasmettere a qualche posto di linea gli avvisi sopra descritti,
o non possa ottenere dalla stazione limitrofa la conferma che gli avvisi
sono stati dati, si atterrà alle norme indicate appresso.
a) Ai treni straordinari e supplementari deve prescriversi:
- di segnalare se stessi con l'apposito segnale previsto dal Regola
mento sui Segnali oppure, nel caso particolare in cui tale
segnalazione non può essere impiegata in base a quanto previsto
dal Regolamento sui Segnali, di fermare in corrispondenza dei posti
fissi di linea dei cantieri per la consegna del dispaccio di avviso;
- d'impegnare con marcia a vista i passaggi a livello non avvisati;
- di impegnare con marcia a vista gli altri posti e cantieri non avvisati
fra le progressive precisate dagli agenti dei Lavori;
b) Al primo treno viaggiante sull'illegale deve prescriversi marcia a vista in
corrispondenza dei passaggi a livello e posti fissi di vigilanza della linea
non avvisati.
c) Devono vietarsi gli anticipi di corsa sui tratti comprendenti posti di linea
non preavvisati.
Quando non sia stato possibile dare avviso ai posti della linea della soppressione
dei treni, oppure avviso ai cantieri del servizio a binario unico sulle
linee a doppio, non occorre provvedere a particolari prescrizioni oltre a quella
già prevista per i cantieri di cui dall'art. 19 comma 10 punto e).
13. Quando non sia possibile trasmettere i prescritti avvisi ai passaggi a livello
protetti da segnale nel senso della marcia dei treni interessati, purché i
segnali stessi siano efficienti, deve esclusivamente provvedersi per la segnalazione
di cui al comma 12 punto a) e per il divieto di anticipo corsa, salvi gli
ulteriori obblighi prescritti dal Regolamento segnali e dalle apposite Istruzioni
per il caso di guasti.
13-bis. Le Unità Centrali interessate possono stabilire, in relazione alle
particolari modalità di esercizio di taluni passaggi a livello protetti da segnale,
che per tali passaggi a livello venga permanentemente omessa la trasmissione
di determinati avvisi.
14. Il personale operante in linea può in qualunque momento chiedere ai
dirigenti delle stazioni informazioni verbali sulla situazione della circolazione ai
soli effetti organizzativi. Tali informazioni non hanno carattere determinante ai
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
70
fini della sicurezza e non comportano per il dirigente obblighi di rettifica o d'interventi
in caso di sopravvenute modificazioni nella situazione della circolazione.
15. Il personale dei cantieri protetti a distanza in modo autonomo può richiedere,
al personale delle staziono limitrofe, le informazioni di cui al comma
14.
16. Quando l'agente avvistatore a distanza di un cantiere con protezione
autonoma viene collocato in corrispondenza di una stazione, devono essere
presi preventivi accordi di dettaglio per il collegamento e lo scambio delle occorrenti
comunicazioni verbali fra l'avvisatore stesso e il personale.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
71
ARTICOLO 21 - GUASTI DEL BLOCCO ELETTRICO E DELLE
TELECOMUNICAZIONI. PILOTAGGIO
1. Sulle linee esercitate con il blocco elettrico manuale o conta-assi,
venendone a mancare il funzionamento, la circolazione dei treni deve essere
regolata con il regime del blocco telefonico da stazione a stazione oppure con
dispacci di via libera o di giunto, tra stazione e posto di blocco intermedio o tra
due posti di blocco intermedi.
Sulle linee esercitate con il blocco elettrico automatico, venendone a
mancare il funzionamento, i treni vengono, di regola, distanziati con marcia a
vista, salvo che in determinate situazioni stabilite dall'apposita Istruzione, nelle
quali la circolazione deve essere regolata con il regime del blocco telefonico
da stazione a stazione.
Del mancato funzionamento del blocco elettrico devono essere avvisati i
treni e i posti interessati come stabilito dalle apposite Istruzioni per l'esercizio
con sistemi di blocco.
1-bis. Il dirigente che licenzia un treno in regime di blocco telefonico per
guasto al blocco elettrico, soddisfatti gli obblighi di competenza deve dare al
treno, oltre all'avviso di guasto del blocco, e, quando occorre, alle prescrizioni
inerenti alla partenza con segnale a via impedita (o da binario sprovvisto di segnale
di partenza), le prescrizioni seguenti:
a) su linea con blocco elettrico manuale o conta-assi: eventuale esonero
(in conformità alle Istruzioni sul blocco e al Regolamento sui segnali) dal
rispetto di determinati segnali di blocco, precisando, se del caso, che a
tali segnali è accoppiato avviso da considerare a via impedita;
b) su linea con blocco elettrico automatico: di non tenere conto dei segnali
permissivi; di osservare la marcia a vista specifica in corrispondenza
dei passaggi a livello protetti da segnali permissivi superati a via
impedita; di accertare la regolarità dell'itinerario di corretto tracciato a
valle dei segnali permissivi con indicazione «P lampeggiante»; di non
tener conto del segnale di partenza di una stazione disabilitata,
precisando se del caso, che a tale segnale è stato accoppiato avviso da
considerare a via impedita.
2. I caso di guasto delle telecomunicazioni le stazioni si avvalgono di ogni
più conveniente altro mezzo di comunicazione allo scopo di assicurare per
quanto possibile la regolarità della circolazione dei treni.
In caso di guasto delle telecomunicazioni sulle linee non attrezzate con
blocco elettrico, la circolazione dei treni deve essere arrestata.
Sulle linee esercitate con blocco elettrico i treni possono continuare ad
essere inoltrati con tale regime fino a quando non sia necessario regolare la
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
72
circolazione con la via libera telefonica; in tale evenienza la circolazione deve
essere arrestata. Si fa eccezione per i treni già in circolazione tra due stazioni
abilitate, i quali possono proseguire dai posti intermedi fino alla prima stazione
abilitata, secondo le modalità stabilite dalle apposite Istruzioni.
3. Sulle linee a semplice binario in cui è in funzione il blocco elettrico manuale,
quando le telecomunicazione sono guaste, gli spostamenti di incrocio
possono farsi da stazione a stazione con il solo mezzo della richiesta e concessione
della via libera di blocco, purché lo strumento di blocco venga azionato
dal dirigente e sempre che fra le due stazioni non vi siano posti di blocco
intermedi. La stazione che inoltra il treno verso la nuova sede di incrocio dovrà
prescrivere allo stesso di fermarsi in quest'ultima per la consegna al dirigente
movimento del dispaccio di notifica dello spostamento di incrocio 1.
Qualora non sussistessero le condizioni di cui al primo capoverso, le
stazioni sede d'incrocio devono mantenere gli incroci in esse fissati.
ARTICOLO 22 - SERVIZIO IN TEMPO DI NEVE
1. L'iniziativa per lo sgombro della neve lungo linea è di esclusiva competenza
degli agenti dei Lavori. Lo sgombro della neve sui piazzali delle stazioni
deve invece essere regolato in base a disposizioni locali concordate fra gli Uffici
interessati.
2. I dirigenti delle stazioni, quando la neve abbia raggiunto almeno i 5 centimetri
di altezza sul piano della rotaia, devono darne notizia con dispaccio
all'impianto indicato sull'orario. Quest'ultimo - raggruppate tali notizie - deve
informarne le stazioni ed i depositi, sedi di locomotiva di riserva e di spartineve,
nonché il Capo Reparto Territoriale Movimento.
Analogo avviso deve essere dato alla cessazione della nevicata.
3. L'iniziativa per la richiesta della circolazione del treno spartineve spetta
agli agenti dei Lavori.
Il treno spartineve:
- circola come straordinario ad orario libero, oppure con le norme
previste per i treni materiali sul tratto di lavoro;
- deve essere scortato da un agente dei Lavori;
1 C.S. ... TRENO ... INCROCIA ... TRENO ... NELLA VOSTRA STAZIONE.
SPOSTAMENTO D'INCROCIO EFFETTUATO CON BLOCCO ELETTRICO.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
73
È vietato aggiungere il carro spartineve in testa ad un treno adibito ai trasporti
ordinari.
4. Finché le telecomunicazioni lo rendono possibile, la circolazione del
treno spartineve deve essere regolata in modo che il treno non incontri in linea
altri treni viaggianti su binario affiancato.
L'agente dei Lavori di scorta al treno spartineve qualora accerti che, in
conseguenza del lavoro svolto, un tratto di binario affiancato sia stato ingombrato
in misura da impedirne la circolabilità, deve avvisarne il dirigente della
stazione nella quale si ricovera.
5. Durante le nevicate il Capo Reparto Esercizio Infrastrutture può richiedere
la limitazione o l'annullamento dei periodi di disabilitazione e di sospensione
(art. 25).
ARTICOLO 23 - RITARDI E ANORMALITÀ NELLA CORSA DEI
TRENI
1. Quando un treno è in ritardo il personale ha l'obbligo di ricuperare per
quanto possibile il ritardo stesso, sia accelerando la corsa, sia sollecitando il
servizio in modo da ridurre la durata delle fermate al minimo indispensabile.
In caso di ritardi la velocità di corsa dei treni può essere aumentata rispetto
a quella assegnata all'orario, senza superare i limiti stabiliti dalla Prefazione
Generale all'orario di servizio o imposti da speciali condizioni in cui avviene la
corsa.
2. I dirigenti movimento, in relazione al servizio da espletare, devono tenersi
informati sulla marcia dei treni. In particolare i dirigenti delle stazioni in
cui devono aver luogo incroci o precedenze devono procurarsi le notizie occorrenti
per le decisioni in merito ad eventuali spostamenti.
3. Le Unità Periferiche interessate possono stabilire di comune accordo
l'obbligo per i dirigenti di determinate stazioni sede di deposito di locomotive di
comunicare d'iniziativa al capo deposito, per le esigenze dei turni di servizio, i
ritardi dei treni superiori a 30 minuti.
4. I dirigenti movimento devono evitare per quanto possibile che i treni
sostino ai segnali di protezione, provvedendo opportunamente in caso di
anormalità a trattenerli in stazione precedente.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
74
5. Il macchinista che si accorga di non poter mantenere la velocità d'orario,
deve avvisarne il dirigente della prima stazione che raggiunge. Occorrendo alleggerire
il treno o sussidiarlo con la riserva, il dirigente deve esigerne dal
macchinista la richiesta scritta.
6. Quando si renda necessario l'arresto di un treno in linea, questo deve
effettuarsi possibilmente in prossimità di un posto di linea o di blocco.
Nei casi previsti dal Regolamento Segnali si deve provvedere alla protezione
del treno che per un motivo qualsiasi si fermi in linea, con le modalità
stabilite dal Regolamento stesso.
La protezione, quando è prescritta, deve essere attuata immediatamente se
il treno arrestatosi in linea ha subito, nel tratto fra due stazioni abilitate e rispetto
all'ora reale di partenza o di transito dalla stazione precedente, un ritardo
imprevisto pari alla percorrenza d'orario fra le due stazioni aumentata di 10
minuti.
7. Quando il personale di macchina o quello di scorta noti qualche anormalità
od irregolarità che possa compromettere la sicurezza del proprio o di al tri
treni, salve disposizioni particolari, deve arrestare il treno e provvedere
possibilmente per l'eliminazione delle anormalità.
Se questa non è eliminabile, o se trattasi di attentati interessanti la sicurezza
della circolazione o l'incolumità dei viaggiatori, il capotreno, dopo aver
adottato i provvedimenti e le cautele richiesti dalla situazione, deve al più presto
informare dell'accaduto una delle stazioni limitrofe.
8. Un treno partito da una stazione può eccezionalmente retrocedervi in
seguito ad autorizzazione di quest'ultima, purché il veicolo di coda venga presenziato
o preceduto da un agente, rispettando le norme della frenatura e i
limiti di velocità previsti dalla Prefazione Generale all'orario di servizio.
Il dirigente prima di ordinare la retrocessione deve attenersi alle eventuali
disposizioni locali interessanti punti singolari della linea e dare avviso della retrocessione
a tutti i posti intermedi e di linea. In caso d'impossibilità di avviso, il
dirigente deve disporre che il treno in retrocessione sia fatto precedere a 200
metri da un'agente con segnale d'arresto a mano, nell'avvicinarsi al posto non
avvisato.
9. La retrocessione è vietata nel senso della discesa sulle linee in pendenza
superiore al 15‰ quando la condotta del freno continuo non si estende fino
alla coda, a meno che in coda si trovi una locomotiva attiva, nel qual caso dovranno
osservarsi le specifiche norme stabilite dalle apposite Istruzioni, non
superando comunque la velocità di 30 km/h.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
75
10. Fermo restando il divieto di cui al comma 9, sono ammessi limitati movimenti
di regresso in piena linea, previ accordi fra macchinista e capotreno,
per facilitare l'avviamento di un treno, per portare il treno fuori galleria o in particolari
casi di effettiva necessità, purché il movimento non superi l'estesa di
500 metri, si arresti comunque ad almeno 100 metri dal primo segnale di protezione
e sia preceduto da segnale a mano a 200 metri.
Particolari disposizioni restrittive, da inserirsi nell'orario di servizio, possono
essere emanate dalle Unità Centrali interessate per linee attrezzate con
blocco elettrico manuale o per la esistenza di punti singolari.
11. In casi di imminente pericolo la retrocessione di un treno può essere
effettuata anche in deroga alle disposizioni di cui ai precedenti comma per il
tratto strettamente indispensabile, osservando tutte le cautele che le circostanze
consentono e facendo possibilmente precedere il convoglio da segnale
a mano. Se il treno in retrocessione deve superare un segnale intermedio di
blocco elettrico la protezione di cui sopra sarà portata quanto prima possibile al
limite di 1200 metri ed ivi mantenuta finché permane l'impegno della sezione di
blocco, salva autorizzazione in contrario da parte del guardablocco interessato.
12. È vietato fa discendere per forza di gravità una colonna di veicoli od un
veicolo isolato lungo la linea, regolandone la corsa con la sola manovra dei
freni.
13. Quando un treno si sia fermato in linea per insufficiente forza di trazione,
il capotreno previ accordi con il macchinista può disporre il dimezzamento
e il ricovero nella successiva stazione in più riprese, attenendosi alle norme
stabilite dal Regolamento Segnali.
Il capotreno, assicurata l'immobilizzazione e protezione della parte da lasciare
in linea, deve scortare possibilmente la prima parte del treno che riprende
la marcia. In tal caso egli deve consegnare all'agente che resta di guardia
dell'altra parte del treno l'ordine scritto di attendere sul posto il ritorno della locomotiva,
salva disposizione in contrario di una delle stazioni limitrofe 2.
Il dirigente interessato, prima d'inoltrare la locomotiva sul tratto ingombro
per il ricovero della seconda parte, deve avvisare i posti intermedi e di linea
della circolazione della locomotiva stessa e della seconda parte del treno con
le norme previste per i treni straordinari.
2 Attendete qui ritorno locomotiva. Non muovetevi salvo ordine contrario di una
delle stazioni limitrofe.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
76
14. Quando, per la rottura degli organi di attacco od altra accidentalità, un
treno si spezzi in linea, la seconda parte deve essere fermata con la maggiore
prontezza possibile, mentre la prima deve essere lasciata proseguire fino a che
non si abbia assoluta certezza che non possa essere raggiunta dalla seconda.
15. Il personale di linea che sia avvede dello spezzamento di un treno deve
presentare al personale della seconda parte il segnale di fermata purché sia in
condizione di farlo in modo che il segnale stesso non sia veduto dal personale
di macchina e di scorta della prima parte.
Analogamente deve comportarsi ogni agente della seconda parte del treno.
16. Il personale addetto alla seconda parte del treno, o quello di linea,
quando non sia riuscito a prendere accordi col personale della prima parte, deve
proteggere immediatamente i veicoli come previsto dal Regolamento sui
Segnali per gli ostacoli in linea.
17. Quando possano prendersi accordi col personale della prima parte del
treno e le condizioni degli organi di attacco lo permettano, salvo il divieto di retrocessione
previsto dal comma 9, le due parti del treno devono essere ricongiunte
con le debite cautele. Non potendo effettuarsi il ricongiungimento si
adottano le disposizioni previste per il dimezzamento, procurando, in quanto
possibile, di far proseguire con la prima parte il veicolo con gli apparecchi di
aggancio imperfetti.
18. Se il treno è rinforzato in coda, il ricongiungimento delle due parti è
sempre ammesso. Il movimento sarà effettuato, in quanto possibile, spingendo
il materiale nel senso della salita.
19. Il dirigente che per primo viene a conoscenza del dimezzamento o
spezzamento di un treno deve subito darne avviso con apposito dispaccio alla
limitrofa stazione abilitata.
20. Se lo spezzamento di un treno avviene all'atto della partenza dalla
stazione senza che si possa arrestare tempestivamente la prima parte, il dirigente
deve provvedere a far retrocedere questa o ad inoltrare la seconda,
prendendo con la stazione successiva i necessari accordi per la regolarità della
circolazione.
21. Non riuscendo ad avere notizie di un treno atteso, oltre che a ricorrere
ad altri mezzi (su strada, ecc.), ci si può avvalere di una locomotiva, di un
mezzo di manovra o di un carrello per l'invio in ricognizione del treno stesso.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
77
a) Sulle linee a doppio binario, il mezzo di ricognizione deve essere
inviato, di norma, sul binario non occupato dal treno atteso. In tale
evenienza, il mezzo di ricognizione può essere inoltrato:
- sul binario legale dalla stazione che attende il treno, previa
interruzione di servizio per necessità di movimento, in quanto
possibile;
- sul binario illegale dalla stazione che ha inviato il treno, solo previa
interruzione per necessità di movimento.
In via subordinata, sulle linee a doppio binario, l'invio del mezzo in
ricognizione può essere inviato a seguito del treno atteso.
b) Sulle linee a semplice binario, l'invio del mezzo di ricognizione può
avvenire solo a seguito del treno atteso, previ accordi registrati tra le
stazioni interessate.
c) Se trattasi di carrello, dell'invio del mezzo di ricognizione devono
essere avvisati i posti intermedi e di linea; lo stesso deve circolare in
ogni caso con marcia a vista e segnalazioni acustiche ripetute lungo il
percorso, nonché con le ulteriori cautele previste per i treni straordinari
in corrispondenza dei posti non preavvisati. In luogo delle modalità di
cui al presente punto c), quando la ricognizione è effettuata con un
carrello, devono essere osservate le norme della specifica Istruzione.
22. Soppresso.
23. Quando la corsa di un treno in galleria divenga lenta e stentata, e la
respirazione risulti penosa per deficiente ventilazione, il personale di macchina
e di scorta deve adottare gli opportuni provvedimenti cautelativi consentiti dalle
circostanze, ivi compreso all'occorrenza quello del dimezzamento del convoglio.
24. Il personale in servizio ad un treno che in galleria abbia riscontrato cattive
condizioni di respirabilità deve fermare nella prima stazione ed avvisarne il
dirigente. Questi ne avvertirà la stazione posta al di là della galleria.
In mancanza di disposizioni specifiche, onde non aggravare lo stato di inquinamento
nella galleria, i dirigenti, in accordo con il personale di macchina,
dovranno evitare temporaneamente l'inoltro di treni a vapore o diesel il cui peso
si avvicini alla prestazione massima della locomotiva oppure ridurre opportunamente
il peso stesso.
25. Il personale dei treni, di stazione e di linea, che abbia fondati motivi per
considerare pericolose le condizioni di respirabilità all'interno di una galleria,
deve subito provvedere per l'arresto dei treni che si dirigono verso di essa. La
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
78
circolabilità dei treni nella galleria potrà essere ripristinata solo dopo benestare
degli agenti dei Lavori.
26. L'improvvisa mancanza o il malore del macchinista che non possa essere
sostituito deve considerarsi come caso di guasto di locomotiva per cui occorre
soccorso (art. 24).
Se il fatto avviene in linea, il treno può essere condotto fino alla prossima
stazione dall'aiuto macchinista, purché questi si dichiari capace di farlo, coadiuvato
da un'agente del treno.
27. Nel caso d'improvvisa mancanza o di malore dell'aiuto macchinista e
quando non sia possibile sostituirlo con altro agente di pari qualifica, si può
provvedere, sino alla stazione in cui sia disponibile altro aiuto macchinista, con
un'agente del treno o di stazione purché quest'ultimo:
- sia in possesso di abilitazione che comporti la conoscenza del Regolamento
sui Segnali;
- dimostri in base alle istruzioni dategli dal macchinista di saper
provvedere all'azionamento del fischio ed all'arresto del treno;
- possa coadiuvare il macchinista nelle occorrenti operazioni di fatica.
ARTICOLO 24 - LOCOMOTIVE DI RISERVA. SOCCORSO AI
TRENI
1. In determinati impianti vengono tenute a disposizione una o più locomotive
di riserva, da utilizzarsi di norma per il soccorso ai treni. Le zone d'azione
di tali locomotive sono indicate nell'Orario di servizio.
Mentre circolano treni nella zona d'azione di una locomotiva di riserva
questa deve essere messa a disposizione entro 5 minuti dalla richiesta negli
impianti sede di locomotiva di riserva presenziata e non oltre 15 minuti negli
altri casi, salvo il tempo occorrente per l'eventuale giratura.
2. La locomotiva di riserva può essere utilizzata in sussidio della locomotiva
di un treno viaggiatori, od eccezionalmente di un treno merci importante che
non possa mantenere la velocità d'orario. Il capo deposito può anche eccezionalmente
impiegare la locomotiva di riserva, dandone avviso al dirigente della
stazione sede di riserva, per effettuare un treno straordinario o supplementare.
3. Quando il servizio della riserva non è permanente, la stazione limite
della sua zona d'azione è tenuta a comunicare alla stazione sede di riserva
l'arrivo dell'ultimo treno protetto dalla riserva stessa.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
79
4. Quando il treno è fermo in una stazione, il macchinista richiede per
iscritto direttamente al dirigente il soccorso di cui abbisogni subito o di cui preveda
la necessità in una stazione successiva. Il dirigente può - se lo ritiene
conveniente - provvedere alla soppressione del treno, facendone proseguire il
materiale con altro treno.
5. Quando un treno fermatosi in linea ha bisogno di una locomotiva di soccorso,
la relativa richiesta completa di tutti i dati3, deve essere comunicata dal
macchinista, per iscritto o con dispaccio e previe intese con il capotreno che,
all'occorrenza, deve comunicargli il perso del treno, alla prossima stazione nel
modo più sollecito e, se del caso, anche a mezzo della stessa locomotiva del
treno, adottando le norme per il dimezzamento.
Nei treni con un solo agente di macchina e privi di telefono terra-treno, il
macchinista potrà avvalersi del capotreno per la trasmissione della suddetta
richiesta e delle altre notizie necessarie.
Il personale di macchina deve provvedere per l'esposizione in punto opportuno
di un segnale d'arresto, che servirà di orientamento per la locomotiva di
soccorso. Nei treni con un solo agente di macchina tale incombenza spetta al
capotreno.
6. Fatta la domanda di soccorso, ancorché venisse in seguito a cessarne il
bisogno, il treno fermo in linea non deve più muoversi in nessuna direzione
prima dell'arrivo del soccorso stesso o di uno specifico dispaccio del dirigente
la stazione a cui è stata fatta la richiesta.
Solo in caso di imminente pericolo è ammesso in entrambi i sensi lo spostamento
del treno per il tratto strettamente indispensabile, osservando tutte le
cautele che le circostanze consentano e facendo possibilmente precedere il
convoglio da segnale a mano fino al limite di 1200 metri.
7. La stazione che riceve la domanda di soccorso in linea, quando siano
efficienti le telecomunicazioni deve informarne quella attigua dalla parte del
treno da soccorrere, trasmettendole il dispaccio:
FORMULA N. 37 - TRENO ... FERMO IN LINEA PROSSIMITÁ KM
... - CHIESTO SOCCORSO LOCOMOTIVA (ed occorrendo :
CARRO ATTREZZI, LAVORATORI, MEDICI, CARROZZE PER
TRASBORDO, ecc.).
3 Treno .... (numero) ton. .... (peso) fermo per guasto locomotiva (precisare il guasto
quando possibile) (oppure: sviamento, investimento, ecc.) prossimità km. ...(indicare il casello
più vicino quando il capotreno non abbia più precisi elementi). Occorre soccorso locomotiva
(aggiungendo quando ne sia il caso, carro attrezzi, lavoratori, carrozze per trasbordo,
medici, ecc.)
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
80
e prendere con la stazione stessa gli accordi del caso.
8. La stazione che riceve la domanda di soccorso, se non dispone di idoneo
mezzo di trazione, lo richiede a quella che può provvedere più prontamente.
In quanto opportuno, si potrà utilizzare per il soccorso la locomotiva di altro
treno.
9. L'invio del mezzo in linea sul binario occupato deve farsi soltanto d'iniziativa
o per autorizzazione della stazione alla quale è stata rivolta la richiesta
di soccorso.
Dell'invio del soccorso devono essere avvisati i posti intermedi e di linea
con le norme previste per i treni straordinari.
10. Sul tratto ingombro il mezzo di soccorso deve essere possibilmente
scortato da un dirigente. In caso diverso all'agente di scorta ed al macchinista
devono essere impartite per iscritto le necessarie istruzioni.
Il mezzo di soccorso deve procedere con marcia a vista nell'avvicinarsi al
punto ingombro ed arrestarsi al segnale di cui al comma 5, prima i accostarsi al
treno.
ARTICOLO 25 - DISABILITAZIONE DELLE STAZIONI.
SOSPENSIONE DEL SERVIZIO SULLE LINEE
1. Le stazioni possono essere disabilitate dal servizio movimento per alcuni
periodi della giornata. La disabilitazione può essere disposta con programma
oppure accidentale.
Durante i periodi di disabilitazione le stazioni possono essere impegnate
da treni con o senza fermata, ma non vi si possono effettuare incroci, precedenze
o manovre.
Le Unità periferiche interessate possono emanare disposizioni speciali, in
deroga al presente articolo, per l'effettuazione di manovre con modalità
analoghe a quelle previste per le fermate (art. 26).
2. Perché una stazione possa essere disabilitata, devono essere
soddisfatte, per tutto il periodo della disabilitazione, le condizioni seguenti:
a) I deviatoi allacciati ai binari di corsa e quelli realizzanti l'indipendenza
da essi devono essere assicurati per il libero percorso sui binari stessi,
mediante fermascambi di sicurezza;
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
81
b) sulle linee esercitate con blocco elettrico, gli impianti devono consentire
alla stazione di funzionare come posto di blocco intermedio o di
escludersi dal blocco.
2-bis. I segnali fissi della stazione disabilitata sono disposti normalmente a
via impedita e devono essere, all'occorrenza, manovrati a via libera dall'agente
di guardia.
I segnali suddetti possono essere mantenuti normalmente a via libera
quando si verifichino tutte le seguenti condizioni:
- i segnali stessi non proteggano anche passaggi a livello o esista
comunque un collegamento con le relative barriere;
- la stazione non debba funzionare come posto intermedio di blocco
elettrico;
- non si debbano proteggere attraversamenti a raso da parte dei
viaggiatori.
3. Per la disabilitazione della stazione, prima di lasciare il servizio, il dirigente
deve provvedere per l'osservanza delle condizioni di cui ai precedenti
commi 2 e 2 bis, per la custodia delle chiavi prescritte in base alle disposizioni
locali e deve provvedere ai necessari accertamenti relativi agli itinerari. Egli
deve inoltre trasmettere alle stazioni limitrofe che restano abilitate gli elementi
sulla situazione della circolazione che a queste non siano noti e che
interessino il servizio da svolgere durante il periodo di disabilitazione.
4. Durante la disabilitazione salve eccezioni ammesse al comma 6, le stazioni
sono presenziate da un'agente di guardia, le cui mansioni sono stabilite
dall'Istruzione per il servizio dei deviatori.
La circolazione dei treni deve essere regolata dalle due stazioni limitrofe
abilitate, salvo il caso in cui la stazione disabilitata intervenga nel distanziamento
dei treni come posto di blocco intermedio.
Quando un treno fermo in stazione disabilitata prolunghi la sosta assegnatagli
dall'orario, il personale di scorta deve provvedere, non oltre i 10 minuti
successivi, alla sua protezione per mezzo dei segnali fissi o, in mancanza,
quando la protezione stessa è prescritta, secondo le modalità stabilite dal Regolamento
sui Segnali.
5. Le disabilitazioni programmate per le singole stazioni di ogni linea devono
risultare in apposito quadro dell'orario di servizio o in programma diramato
con circolare, con indicazione dell'ora d'inizio e di termine di ciascun periodo
ed eventualmente quello d'impresenziamento dell'impianto.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
82
Nel programma riguardante la disabilitazione deve essere specificato se
l'avviso deve essere dato a tutti i treni oppure vi devono essere elencati solo i
treni ordinari interessati, secondo i criteri di cui al comma 12.
6. Nelle disabilitazioni programmate la presenza dell'agente di guardia non
è necessaria ai fini della circolazione dei treni quando si verifichino le seguenti
condizioni:
- la stazione non debba funzionare come posto di blocco manuale e non
occorra provvedere alla manovra dei segnali fissi o di barriere di
passaggi a livello;
- non esistano scambi incontrati di punta dai treni oppure questi siano
muniti di dispositivi di controllo permanente di posizione degli aghi e di
efficienza del fermascambio agenti sui segnali;
- i veicoli eventualmente in sosta si trovino su binari indipendenti da
quelli di corsa.
Le Unità periferiche interessate stabiliranno quali stazioni possono
rimanere impresenziate in periodi di disabilitazione, anche in relazione alle
specifiche esigenze di sorveglianza delle merci.
7. La disabilitazione può avvenire all'ora prescritta, anche in caso di ritardo
di treni, purché questi non abbiano nella stazione incroci e precedenze e non
debbano effettuarvi operazioni per le quali sia indispensabile la presenza del
dirigente. Il dirigente non può abbandonare il servizio se non dopo aver presenziato
il passaggio del treno per il quale abbia concesso il consenso ad una
delle stazioni limitrofe.
8. Il dirigente che prolunghi il periodo di abilitazione oltre l'ora prescritta
deve darne avviso alle stazioni limitrofe.
9. In caso di arresto del treno ad un segnale fisso a via impedita di una
stazione disabilitata e impresenziata il capotreno dovrà accertarsi della regolarità
dell'itinerario di stazione e quindi potrà far avanzare il treno, con le cautele
del caso.
10. In evenienza di forza maggiore, un dirigente può disporre per la disabilitazione
accidentale della propria stazione purché sussistano le condizioni
previste dal comma 2.
In tal caso il dirigente deve avvisare verbalmente le stazioni limitrofe abilitate
indicando l'ultimo treno presenziato per ciascun senso, e prima di lasciare
il servizio deve ottenere conferma dalle stazioni limitrofe con il dispaccio:
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
83
FORMULA N. 39 - INTESO ... (stazione) DISABILITATA PER
TRENI SEGUENTI TRENO...
La procedura di cui sopra viene applicata anche per le disabilitazioni di carattere
eccezionale disposte con specifico ordine superiore.
11. Le precedenze che per orario avrebbero dovuto avvenire nella stazione
accidentalmente disabilitata, saranno regolate dalla stazione limitrofa precedente
nel senso della corsa dei treni interessati.
Nel caso che la stazione accidentalmente disabilitata sia sede di incrocio, il
treno meno importante o, a parità di importanza, quello che per orario avrebbe
dovuto giungere in essa per ultimo deve essere soppresso nel tratto fino alla
successiva stazione abilitata, a cura della stazione precedente nel senso di
marcia. Detto treno deve essere sostituito con opportuno straordinario anche
ad orario libero. Finché sussiste il vincolo d'incrocio nella stazione disabilitata,
quelle limitrofe non possono inoltrare verso di essa i treni interessati.
12. Della disabilitazione e dell'eventuale impresenziamento, quando non
siano indicati nell'Orario di Servizio, devono essere avvisati 4 i treni interessati,
secondo i seguenti criteri:
a) se la stazione è disabilitata e impresenziata, l'avviso deve essere dato a
tutti i treni;
b) se la stazione è disabilitata, l'avviso deve essere dato ai treni aventi
fermata, mentre a quelli non aventi fermata l'avviso deve essere dato
solo se nella stazione disabilitata il licenziamento dei treni dai binari di
corsa non è affidato al capotreno in base all'orario di servizio, o se la
stazione disabilitata è interessata da prescrizioni a carattere
occasionale emesse dalle stazioni limitrofe abilitate.
12-bis. L'avviso suddetto deve essere dato:
a) in caso di disabilitazioni programmate, a cura delle stazioni di cui all'art.
3 comma 16;
b) in caso di disabilitazioni accidentali, di regola, a cura delle stazioni
abilitate limitrofe a quella disabilitata nel senso di marcia dei treni
interessati. Si fa eccezione per l'avviso ai treni ordinari, nel caso di
disabilitazioni accidentali di cui sia preventivamente conosciuto il
periodo: per tale avviso la stazione che si deve disabilitare deve
tempestivamente dare incarico alle stazioni di cui all'art.3 comma 16
ricevendone conferma e, prima di lasciare il servizio, deve informare le
4 (Stazione) .... disabilitata (ed eventualmente: e impresenziata) dalle ore .... alle ore
....
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
84
limitrofe abilitate, che nel dispaccio di inteso, formula n. 39, devono
farne esplicito riferimento;
c) in caso di prescrizioni a carattere occasionale emesse dalle stazioni
limitrofe abilitate, a cura delle stazioni medesime.
Qualora venga dato incarico ad una stazione di notificare la disabilitazione,
nel dispaccio deve essere precisato se l'avviso deve essere dato a tutti i treni
oppure vi devono essere elencati quelli interessati.
13. Il dirigente che prende servizio dopo un periodo di disabilitazione programmata
o accidentale, od anche dopo un periodo di sospensione che segua
la disabilitazione, deve informare verbalmente le stazioni limitrofe abilitate.
Le stazioni limitrofe rispondono con il dispaccio:
FORMULA N. 41 - TRENO ... (ultimo arrivato dalla parte della
stazione disabilitata) GIUNTO. TRENO... (ultimo inviato verso la
stazione disabilitata) PARTITO ORE ...
Il dispaccio anzidetto deve essere completato con i necessari avvisi sulle
variazioni della circolazione verificatesi durante il periodo di disabilitazione,
che interessino il servizio ancora da svolgere (spostamenti d'incrocio o di precedenza,
effettuazione treni straordinari, soppressione di treni, ecc.).
14. Il dirigente che ha ripreso servizio, dopo aver scambiato i suddetti dispacci
e dopo aver posto - se necessario - i segnali fissi di protezione a via impedita,
considera la propria stazione riabilitata al servizio movimento.
14 bis. Per eccezionali esigenze d'esercizio, i dirigenti di determinate
stazioni possono temporaneamente assumere a distanza la dirigenza di
stazioni disabilitate, secondo quanto stabilito nelle apposite Istruzioni.
14-ter. Il dirigente, che prolunghi il periodo di abilitazione oltre l'ora
prescritta o che riabiliti sul posto o a distanza una stazione in un periodo non
programmato, deve prendere le misure atte ad evitare che il personale di un
treno, avente fermata o che venga arrestato per esigenze di circolazione,
ritenga erroneamente la stazione disabilitata o impresenziata.
15. Su alcune linee sono previsti in orario determinati periodi di sospensione
durante i quali non circolano treni, le stazioni e i posti intermedi e di linea
sono di regola impresenziati e i passaggi a livello restano in posizione di
apertura.
Il personale può lasciare il servizio dopo il passaggio dell'ultimo treno precedente
il periodo di sospensione.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
85
16. Durante il periodo di sospensione i segnali di protezione delle stazioni
devono essere mantenuti a via impedita, mentre i deviatoi allacciati ai binari di
corsa e quelli realizzanti l'indipendenza da essi devono essere assicurati per il
libero percorso sui binari stessi, mediante fermascambi di sicurezza.
17. Il termine del periodo di sospensione deve essere stabilito in modo che
il dirigente possa concedere tempestivamente la via libera per il primo treno in
circolazione e il personale interessato possa eseguire prima dell'arrivo del
treno stesso la visita di cui al comma 21.
18. Occorrendo riattivare eccezionalmente la circolazione durante un periodo
di sospensione, le stazioni estreme del tratto interessato devono prendere
accordi fra loro, nonché per quanto possibile con quelle interposte, per inoltrare
in precedenza al primo treno una locomotiva isolata od un carrello, allo
scopo di richiamare in servizio il personale di stazione e di linea.
Nel caso venisse deciso d'inoltrare più di un mezzo, le stazioni stesse devono
accordarsi per stabilire il percorso di ciascuno di essi.
19. La locomotiva isolata o il carrello devono essere possibilmente scortati
da un dirigente. Al macchinista o conducente del carrello deve essere prescritto:
a) di procedere con marcia a vista per tutto il percorso;
b) d'impegnare i passaggi a livello con marcia a vista;
c) di non tener conto della disposizione a via impedita dei segnali di protezione
e di arrestarsi prima degli scambi incontrati sul percorso per
accertare la regolarità dell'istradamento;
d) di fermare in ogni stazione ed in corrispondenza dei posti intermedi e di
linea normalmente presenziati, emettendo ripetuti segnali di richiamo.
20. Il preventivo invio del mezzo isolato su un breve tratto sospeso dal
servizio può essere omesso, quando ciò risulti opportuno, semprechè sia possibile
prendere precisi accordi fra le stazioni estreme del tratto stesso. Al primo
treno che viene messo in circolazione devono farsi le stesse prescrizioni previste
dal comma 19.
21. Nelle stazione disabilitate, il deviatore deve eseguire le visite agli
impianti di cui all'art. 5 comma 1, secondo quanto previsto dall'Istruzione per il
servizio dei deviatori.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
86
ARTICOLO 26 - FERMATE GESTITE DA PERSONALE DEL
MOVIMENTO
1. Le fermate (art. 2 comma 9) possono essere gestite da agenti del movimento,
denominati "addetti alla fermata".
Le norme di cui al presente articolo si riferiscono alle fermate di tutte le linee
fatta eccezione per le linee a dirigenza unica.
Per le fermate poste linee a dirigenza unica, valgono le norme stabilite
nelle Disposizioni per il servizio con Dirigente Unico, mentre le mansioni degli
addetti alle fermate delle altre linee sono stabilite nell'Istruzione per il servizio
dei deviatori.
2. Soppresso.
3. Di norma le fermate non intervengono nel distanziamento dei treni, che
viene regolato dalle due stazioni attigue abilitate. Sulle linee col blocco elettrico
la fermata può peraltro funzionare come posto di blocco intermedio.
Salve situazioni specifiche disciplinate da apposite disposizioni (comma
13) nelle fermate non possono effettuarsi incroci o precedenze.
4. I deviatoi allacciati ai binari di corsa e quelli realizzanti l'indipendenza da
essi devono essere assicurati per il libero percorso sui binari stessi, mediante
fermascambi di sicurezza; le chiavi di tali fermascambi possono restare in
custodia all'addetto.
5. Nelle fermate l'addetto deve eseguire la visita agli impianti di cui all'art. 5
comma 1, secondo quanto previsto dall'Istruzione per il servizio dei deviatori.
6. Nelle fermate protette dai segnali fissi, questi sono normalmente disposti
a via impedita e devono essere, all'occorrenza, manovrati a via libera
dall'addetto alla fermata.
I segnali suddetti possono essere mantenuti normalmente a via libera
quando si verifichino tutte le condizioni di cui all'art. 25 comma 2 bis.
7. Quando un treno, in una fermata, prolunghi la sosta assegnatagli
dall'orario, il personale di scorta deve provvedere, non oltre i 10 minuti successivi,
alla sua protezione per mezzo dei segnali fissi o, in mancanza, quando
la protezione stessa è prescritta, secondo le modalità stabilite dal Regolamento
segnali.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
87
In caso di esecuzione di manovre, deve sempre provvedersi preventivamente
alla protezione di cui sopra.
8. Lo stazionamento dei veicoli è vietato sui binari di corsa, nonché, salve
specifiche eccezioni ammesse dalle Unità periferiche interessate, sui binari di
circolazione.
9. Soppresso.
10. Durante la sosta di un treno in una fermata la dirigenza del servizio
spetta al capotreno.
Se occorre eseguire manovre, il capotreno deve ritirare le chiavi dei deviatoi
dall'addetto e per tutte le operazioni inerenti alle manovre stesse può avvalersi,
oltre che del personale del treno, anche di quello della fermata. Al termine
delle manovre egli deve provvedere per l'assicurazione e visita ai deviatoi
interessati dalle manovre stesse, nonché accertare che i veicoli eventualmente
stazionanti sui binari secondari si trovino nelle condizioni previste dall'art. 7
comma 15. Al termine di tali operazioni egli restituirà le chiavi all'addetto.
Salve disposizioni delle Unità periferiche sono vietate le manovre che, sulle
linee a doppio binario, possano impegnare il binario di corsa che non sia quello
del treno che deve effettuarle.
11. Soppresso.
12. Qualora per speciali esigenze occorra abilitare temporaneamente una
fermata al movimento, il dirigente che si reca a presenziarla deve avvisare verbalmente
le stazioni limitrofe abilitate che si regoleranno analogamente a
quanto stabilito dall'art. 25 comma 13.
I treni interessati devono essere avvisati a cura della stazione che si è
abilitata, il cui dirigente deve prendere tempestivamente le misure atte ad evitare
che il personale di un treno avente fermata e non avvisato ritenga la stazione
stessa non abilitata al movimento.
Per la disabilitazione, da attuarsi con le norme dell'art. 25, il dirigente deve
avvisare verbalmente le stazioni limitrofe abilitate indicando l'ultimo treno presenziato
per ciascun senso di marcia e prima di lasciare il servizio deve ottenere
conferma da queste ultime con il dispaccio:
FORMULA N. 43 - INTESO DOPO TRENO .... E TRENO .... SERVIZIO
A ... RIPRISTINATO CON ADDETTO
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
88
13. Previa autorizzazione delle Unità Centrali interessate, in alcune fermate
possono essere affidate ad addetti determinate mansioni di movimento non
previste dai comma precedenti. In tal caso gli addetti devono preventivamente
conseguire le ulteriori abilitazioni occorrenti per le loro specifiche attribuzioni.
ARTICOLO 27 - MARCIA PRIVILEGIATA
1. Allo scopo di meglio garantire il rispetto dell'orario per un determinato
treno, può essere disposto che esso viaggi con marcia privilegiata.
Chi impartisce tale disposizione deve provvedere perché sia trasmesso a
tutte le stazioni del percorso il dispaccio:
FORMULA N. 44 - APPLICATE TRENO ... MARCIA PRIVILEGIATA
DA ... A ...
Le stazioni avviseranno verbalmente i bivi limitrofi e i posti intermedi interessati
e provvederanno per l'opportuna prescrizione al treno 5.
2. Il servizio di un treno che viaggi con marcia privilegiata deve essere particolarmente
curato da tutto il personale, onde evitare ritardi. Nel regolare i
cambi d'incrocio e di precedenza e le priorità di itinerari, il treno stesso deve
essere considerato di maggiore importanza di tutti gli altri.
3. Le Unità centrali e/o periferiche interessate potranno emanare,
all'occorrenza, speciali disposizioni a carattere organizzativo riguardante i treni
viaggianti con a bordo Alte Personalità.
5 Vostro treno viaggia con marcia privilegiata da ... a ...
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
89
ALLEGATO I - DETERMINAZIONE DELLE PRECEDENZE DI
ORARIO
Per la determinazione delle precedenze negli orari dei treni devono osservarsi
le seguenti norme.
I. Precedenze relative ai treni ordinari o straordinari compresi
nell'orario generale di servizio
a) Nella stazione di C il treno 2 cede il passo ed il treno 4 prende il passo.
Quando C è stazione intermedia si indica nell'orario del treno 2 la precedenza
del treno 4 qualunque sia il periodo di sosta dei due treni. Nessuna indicazione
di precedenza nell'orario del treno 4.
Se C è stazione capotronco, di diramazione o di passaggio fra il doppio ed il
semplice binario, non si praticano indicazioni di precedenza negli orari dei treni.
A
B
C
D
E
2
4
FIG. a)
b) Nella stazione di C il treno y prende il passo sul treno 2, modificandone
l'orario.
Nell'orario del treno 2 si indica la precedenza del treno y anche se C è stazione
di origine, capotronco, di diramazione o di passaggio fra il doppio e il
semplice binario. Nessuna indicazione di precedenza nell'orario del treno y.
A
B
C
D
2
y
FIG. b)
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
90
II. - Precedenze relative a treni straordinari non compresi nell'orario
generale di servizio.
Nei due casi di cui al precedente punto I, se il treno 4 (od y) è uno straordinario,
si deve esporre nell'orario del treno stesso l'annotazione:
«Treno 4 (oppure y) precede da C treno 2».
Nel caso I punto a) tale annotazione non si pratica quando C sia stazione
capotronco, di diramazione o di passaggio fra il doppio e il semplice binario.
III. - Treni che modificano l'orario di altri treni - Treni incompatibili.
Il numero dei treni che modificano l'orario di altri treni, oppure richiedono
che questi non abbiano luogo, viene contraddistinto in orario. Per le indicazioni
delle precedenze in orario si applicano, in relazione alle occorrenze, le norme di
cui ai paragrafi I e II.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
91
ALLEGATO II - DETERMINAZIONE DEGLI INCROCI D'ORARIO E
DI FATTO
A) DETERMINAZIONE DEGLI INCROCI D'ORARIO.
Per la determinazione e l'indicazione degli incroci negli orari dei treni devono
osservarsi le seguenti norme.
I. - Incroci relativi a treni ordinari o straordinari compresi nell'orario
generale di servizio.
1. Stazione intermedia del percorso di due treni sul semplice binario (fig.
a).
Nella stazione intermedia C si indica l'incrocio nell'orario dei treni 1 e 2
qualunque sia l'intervallo di tempo esistente fra l'arrivo dell'uno e la partenza o
transito dell'altro.
Se C è stazione capotronco ci si attiene alle norme di cui al punto 2, considerando
ciascun treno originario rispetto all'altro.
A
B
C
D
E
2 1
FIG. a)
2. Stazione origine o termine di corsa di uno dei treni, stazione di diramazione
o di passaggio dal doppio al semplice binario (fig. da b) a g).
Nei casi in appresso precisati si indica nell'orario del treno 2 l'incrocio col
treno 1 quando fra l'ora di arrivo o di passaggio del treno 1 e quella di partenza
o di passaggio del treno 2 intercorre un intervallo di tempo minore od uguale a
60 minuti. Nessuna indicazione d'incrocio nell'orario del treno 1.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
92
«Caso b)» - stazione C di passaggio del treno 1 e di origine del treno 2.
A
B
C
D
E
2
1
FIG. b)
«Caso c)» - stazione C di termine corsa del treno 1 e di passaggio del treno
2.
A
B
C
D
E
2
1
FIG. c)
«Caso d)» - stazione C di termine corsa del treno 1 e di origine del treno 2.
A
B
C
D
E
1 2
FIG. d)
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
93
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
94
«Caso e)» - stazione C di diramazione: il treno 1 prosegue per la linea diramata
e il treno 2 percorre la linea principale (o viceversa).
A
B
C
D
E
1 2
FIG. e)
«Casi f) e g)» - stazione C di passaggio dal doppio al semplice binario: il
treno 1 proviene dal semplice binario ed il treno 2 dal doppio.
A
B
C
D
E
2 1
FIG. f)
A
B
C
D
E
2
1
FIG. g)
3. Unicità della sede d'incrocio.
Quando più tratti di linea a doppio binario sono intercalati in una linea a
semplice o viceversa, l'incrocio fra i treni 1 e 2 si indica una sola volta. Ad
esempio nel caso h) si indica nella stazione D al treno 2 l'incrocio col treno 1
quando l'ora di arrivo del treno 1 e la partenza del treno 2 intercorre un intervallo
minore o uguale a 60 minuti. L'indicazione d'incrocio non va ripetuta nella
stazione B anche quando intercorre, pure in B, un intervallo di tempo inferiore al
limite suddetto.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
95
A
B
C
D
E
1 2
FIG. h)
II. - Incroci relativi a treni straordinari non compresi nell'orario generale
di servizio.
Nel caso di cui al punto 1) del precedente paragrafo I (stazione intermedia
del percorso), l'indicazione d'incrocio esposta nell'orario del treno straordinario
non compreso in orario vale per indicare che anche l'altro treno è soggetto a
vincolo d'incrocio.
Nei rimanenti casi del predetto paragrafo I, se lo straordinario non compreso
in orario è il treno 2 valgono le stesse norme previste per i treni compresi in
orario; se lo straordinario è invece il treno 1, nell'orario del treno stesso si deve
esporre l'annotazione:
«Treno 2 incrocia in C il treno 1».
III. - Treni che modificano l'orario di altri treni . Treni incompatibili.
Il numero dei treni periodici e straordinari che modificano l'orario di altri
treni, oppure richiedono che questi non abbiano luogo, vengono contraddistinti
in orario. Per l'indicazione degli incroci in orario si applicano, in relazione alle
occorrenze, le norme di cui ai paragrafi I e II.
B) DETERMINAZIONE DEGLI INCROCI DI FATTO.
Indipendentemente dagli incroci che vengono indicati in orario, si determina
in una stazione un «incrocio di fatto» quando, per limitazioni di percorso, ritardi
o anticipi di corsa dei treni venga a crearsi nella stazione stessa, nell'intervallo
di 15 minuti, una delle situazioni di circolazione già previste dal precedente paragrafo
I per gli incroci d'orario.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
96
Tali situazioni possono determinarsi:
- nella stazione di origine di un treno per anticipo corsa del medesimo o
per ritardo di treno in senso opposto (figure b-d);
- nella stazione termine di corsa di un treno, per ritardo dello stesso o per
anticipo di treno in senso opposto (figure c-d);
- nella stazione intermedia che, per limitazione di percorso, divenga origine
o termine di corsa di un treno (figure b-c-d);
- nelle stazioni di diramazione, per un treno da inviarsi su tratto comune a
semplice binario rispetto ad altro che ne provenga e sia diretto ad altra
linea, nel caso di anticipo del primo o ritardo del secondo (fig. e);
- nelle stazioni di passaggio dal doppio al semplice binario, per un treno
da inoltrarsi sul semplice rispetto ad altro che ne provenga e che per
orario avrebbe dovuto essere incrociato sul doppio nel caso di anticipo
del primo o ritardo del secondo (fig. g).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
97
ALLEGATO III - PRINCIPALI DOCUMENTI INTERESSANTI LA
CIRCOLAZIONE DEI TRENI
PARTE A - REGISTRI, PROSPETTI ED AVVISI interessanti le stazioni
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
98
Modulo M.42 - RAPPORTO SUL MOVIMENTO DEI TRENI (art. 3/3)
Sul modulo M.42 devono essere indicati in ordine cronologico, all'inizio
della giornata, tutti i treni ordinari, periodici e giornalieri; i treni straordinari vi
saranno riportati a seguito dei precedenti.
Nel lasciare il servizio il dirigente deve apporre la propria firma in corrispondenza
dell'ultimo treno arrivato o licenziato.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
99
Modulo M.55 - REGISTRO DI CONSEGNA FRA DIRIGENTI (art. 3/3):
Del registro modulo M.55 esistono tipi di diverso formato ed impaginazione
in relazione alle diverse categorie di stazioni.
Nella prima pagina del registro è riportata la seguente « AVVERTENZA »:
« Le consegne devono essere compilate in forma chiara, succinta ed inequivocabile,
in modo che il dirigente subentrante possa rendersi conto senza
incertezze della situazione del servizio per assicurarne prontamente la continuità
(treni in ritardo, spostamenti di incrocio o precedenza, fermate soppresse,
chiavi dei fermascambi F.S. o chiave dell'armadietto relativo, cambiamento del
binario normale dei treni, binari di circolazione ingombri, circolazione carrelli,
anormalità di servizio, guasti alla linea od ai meccanismi e segnali, trasporti
esplosivi, ordini di ripartizione, lettere o telegrammi in sospeso o da vistare,
ecc.). Le consegne, con l'indicazione dell'ora, devono essere firmate dai dirigenti
interessati anche quando non avvengono in contraddittorio.
Il dirigente cessante risponde delle conseguenze di consegne inesatte od
incomplete. Deve però rispondere delle conseguenze anche il subentrante
quando risulti che avrebbe potuto, nell'espletamento delle sue mansioni, avvedersi
delle irregolarità di consegna e provvedere a riguardo. »
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
100
In caso di variazione nelle disposizioni di carattere permanente o di qualche
durata si deve fare annotazione esplicita aggiungendo poi le parole: « Vedi
disposizioni permanenti a pag. ... ».
Nelle ultime pagine del registro sono riportati alcuni quadri riepilogativi
delle disposizioni di carattere permanente o di qualche durata riguardanti l'orario.
Essi sono nove ed intestati come segue:
I - Treni straordinari resi giornalieri.
II - Treni ordinari soppressi definitivamente.
III - Treni ordinari da sopprimere in determinati giorni della settimana.
IV - Treni straordinari da effettuarsi in determinati giorni della settimana.
V - Variazione nei giorni di effettuazione dei treni periodici.
VI - Treni incompatibili.
VII - Fermate di treni non comprese in orario.
VIII - Rallentamenti.
IX - Treni senza capotreno.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
101
Modulo M.53 - PROSPETTO DEI BINARI D'ARRIVO E DI PARTENZA DEI
TRENI (art. 5/2).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
102
Modulo M.50 - AVVISO DI ATTIVAZIONE O CESSAZIONE DI RALLENTAMENTO
(art. 6/23):
Serve al Capo Reparto Territoriale Movimento per comunicare l'attivazione
o la cessazione di un solo rallentamento alle stazioni capotronco, a quelle
origine di treni ordinari o che effettuano con frequenza treni straordinari, a
quelle ove si cambia foglio di corsa, nonché alle stazioni attigue al tratto
interessato.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
103
Modulo M.50/a - AVVISTO DI SPOSTAMENTO DI RALLENTAMENTO
(art. 6/23):
Viene utilizzato quando si debba comunicare lo spostamento di un rallentamento
già istituito.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
104
PARTE B - MODULI DI PRESCRIZIONE
DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE
1. Ciascun modulo è contenuto in un bollettario a fogli, numerati progressivamente
tre a tre da 1 a 50, da compilarsi a decalco.
Le Unità periferiche interessate possono autorizzare determinati impianti a
predisporre con sistemi di riproduzione multipla, che garantiscono la leggibilità
e la chiarezza del testo, le prescrizioni a carattere permanente o di lunga
durata utilizzando sia i moduli dei bollettari, sia fac-simili dei moduli stessi, da
numerare progressivamente di tre in tre.
Un modulo (quello originale se di bollettario) resta al macchinista che firma
le altre due copie; di queste una copia, salvo quanto previsto per le locomotive
ubicate in coda intercalate, deve essere consegnata al capotreno e l'altra,
controfirmata dal capotreno, resta alla stazione. Nei treni senza capotreno la
copia per quest'ultimo deve essere ritirata dal macchinista ed allegata al foglio
di corsa.
Nei casi in cui vengono utilizzati moduli non compilati a decalco la
uniformità delle tre copie è garantita dalla firma autografa del dirigente movimento
che questi deve apporre in calce a ciascuna copia.
2. Quando il treno ha una locomotiva (attiva o trainante se stessa) in coda
o intercalata, la stazione deve provvedere per le prescrizioni anche al macchinista
di questa locomotiva; in tal caso al capotreno sarà sufficiente consegnare
solo la copia dei moduli di prescrizione firmata dal macchinista di testa. Allo
scopo inoltre di confermare al capotreno l'avvenuta consegna delle prescrizioni
al macchinista di coda (o intercalata), il dirigente dovrà apportare in calce ai
moduli predisposti per il macchinista di testa l'annotazione: « Compilata copia
per il macchinista della locomotiva di coda » (o « intercalata »).
Se il treno ha in coda due locomotive, le prescrizioni sono date al macchinista
della locomotiva contigua al treno; questi deve comunicarle all'altro.
3. La firma sui moduli deve essere apposta in modo da rendere sempre
inequivocabile l'identificazione di chi ha firmato.
I suddetti moduli sono riprodotti come modello
dalla pagina 135 alla pagina 140-ter del Regolamento Circolazione Treni
(Ediz. 1962 - ristampa 1995).
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
105
Si riportano di seguito solo le note in calce alle suddette pagine relative all'utilizzo
dei suddetti moduli.
Modulo M.40 - MODULO DI PRESCRIZIONE AI TRENI (art. 3/15):
Serve per comunicare al macchinista ed al capotreno le prescrizioni per le
quali non sia previsto un altro particolare modulo.
Modulo M. 7 - ORDINE DI PARTENZA CON SEGNALE DISPOSTO A VIA IMPEDITA
(art. 5/18 R.C.T.) O DA BINARIO SPROVVISTO DI SEGNALE DI
PARTENZA (art. 49/6bis R.S.):
Serve, negli impianti muniti di segnalamento di partenza, per comunicare al
macchinista ed al capotreno:
- l'ordine di partire con segnale disposto a via impedita, quando l'impossibilità
di disporre il segnale medesimo a via libera non sia dovuta a
mancato funzionamento del blocco elettrico;
- l'ordine di partire, eccezionalmente, da binario sprovvisto di segnale di
partenza.
Modulo M.3 - ORDINE DI RALLENTAMENTO (art. 6/23):
Serve per comunicare al macchinista ed al capotreno le prescrizioni di rallentamento.
Modulo M.4 - ORDINE DI INCROCIO (art. 9/2):
Serve per comunicare al macchinista ed al capotreno le prescrizioni per incroci
normali con treni straordinari, supplementari, periodici, giornalieri oppure
gli incroci di fatto che il treno viene ad assumere in base all'art. 9 comma 2 del
Regolamento per la circolazione dei treni.
REGOLAMENTO CIRCOLAZIONE TRENI
106
Modulo M.1 - ORDINE DI SPOSTAMENTO DI INCROCIO (art. 9/15 e 18):
Serve esclusivamente per ordinare al macchinista ed al capotreno gli spostamenti
di incrocio con altri treni.
Modulo M.6 - AVVISO AI TRENI CIRCOLANTI SUL BINARIO ILLEGALE
DELLA RIDUZIONE DEL SERVIZIO A BINARIO UNICO SULLE LINEE A
DOPPIO BINARIO (art. 19/10):
Serve per comunicare al macchinista ed al capotreno dei treni circolanti sul
binario illegale le prescrizioni relative alla circolazione a binario unico sulle linee
a doppio.
Modulo M.5 - AVVISO DI MANCATO FUNZIONAMENTO DEL BLOCCO
ELETTRICO MANUALE E DEL BLOCCO ELETTRICO CONTA-ASSI
(art. 21/1bis):
Serve per comunicare al macchinista ed al capotreno le prescrizioni relative
ai tratti sui quali non funziona il blocco elettrico manuale o conta-assi.
Modulo M.5/BA - AVVISO DI GUASTI AL BLOCCO ELETTRICO AUTOMATICO
(art. 21/1bis):
Serve per comunicare al macchinista ed al capotreno le prescrizioni relative
ai tratti sui quali non funziona il blocco elettrico automatico.
ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO
IN TELECOMANDO
107
FORMULE DEI DISPACCI DI MOVIMENTO
Via libera
(1) - SEGUITO TRENO ... CHIEDO INVIARE TRENO ...
(2) - DOPO GIUNTO MIA STAZIONE TRENO ... CHIEDO INVIARE TRENO ...
(3) - VIA LIBERA TRENO ...
(4) - GIUNTO VOSTRA STAZIONE TRENO ... VIA LIBERA TRENO ...
(Art. 3.7).
Marcia a vista
(5) - PRESCRIVETE TRENO ... MARCIA A VISTA SUL BINARIO DI RICEVIMENTO
DI ... (oppure IN ARRIVO A ... oppure IN USCITA DA ... oppure
NELLA STAZIONE DI ...) PER ... (motivo).
(6) - TRENO ... AVVISATO MARCIA A VISTA ... (precisare il tratto come da
ordine ricevuto con formula n. 5).
(Art. 6.12).
Soppressione di fermata
(7) - SOPPRIMETE FERMATA TRENO ... A ...
(Art. 6.19).
Per ritardare la partenza da una precedente stazione
(8) - SOPPRESSA.
ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO
IN TELECOMANDO
108
(9) - PER ... (motivo) INTESO DIVIETO DI INVIO TRENO ... (oppure: TRENI
SEGUENTI TRENO ...).
(10) - INVIATE LIBERAMENTE TRENO ... (oppure: TRENI).
(Art. 6.22).
Giunto
(11) - TRENO ... GIUNTO.
(Art. 6.26).
Partenza
(12) - TRENO ... ORARIO (oppure: PARTITO o TRANSITATO ORE ... ore effettive
di partenza o di transito).
(Art. 6.27).
Precedenze anormali
(13) - TRENO ... PRECEDE TRENO ... DA ...
(Art. 8.3).
Incroci anormali
(14) - TRATTENETE A ... TRENO ... PER INCROCIARE TRENO ... ORARIO
(oppure CON ... MINUTI RITARDO).
(15) - RIFIUTO AL N° ...
ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO
IN TELECOMANDO
109
(16) - AL N° ... TRATTERRÒ A ... TRENO ... PER INCROCIARE TRENO ...
(Art. 9.4).
(17) - TRENO ... INCROCIA TRENO ... A ...
(Art. 9.8).
(19) - PRESCRIVETE TRENO ... INCROCIARE A ... TRENO ...
(20) - TRENO ... AVVISATO INCROCIARE A ... TRENO ...
(Art. 9.15).
Libero transito
(18) - PRESCRIVETE TRENO ... LIBERO TRANSITO A ... RISPETTO TRENO
... (o TRENI ...) (e all'occorrenza PERCORRENDO BINARIO DEVIATO A ...
KM/H).
(Art. 9.12).
Effettuazione treni straordinari ad orario prestabilito
(21) - OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL ...) EFFETTUASI
TRENO ... STRAORDINARIO ... (stazione di origine) ... (stazione termine di
corsa) PER ... (qualità del trasporto).
(Art. 11.4).
(22) - INTESO OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL ...) TRENO ...
STRAORDINARIO ... (stazione di origine) ... (stazione termine di corsa).
(Art. 11.9-10).
(23) - PRESCRIVETE TRENO ... INCROCIARE A ... TRENO ... STRAORDINARIO
... (stazione di origine) ... (stazione termine di corsa).
(Art. 11.19).
(24) - TRENO ... AVVISATO INCROCIARE A ... TRENO ... STRAORDINARIO.
ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO
IN TELECOMANDO
110
(Art. 11.20).
Soppressione, fusione e sostituzione di treni
(25) - OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL ...) TRENO ... SOPPRESSO
DA ... A ...
(26) - INTESO OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL ...) SOPPRESSIONE
TRENO ... DA ... A ...
(Art. 14.2).
(25 bis) - OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL ...) TRENO ... SOPPRESSO
DA ... A ... - MATERIALE (ed occorrendo: LOCOMOTIVA, PERSONALE)
VIAGGIA STESSO TRATTO CON TRENO ... (ed occorrendo: CHE FARÁ
SERVIZIO VIAGGIATORI oppure MERCI A ...).
(26 bis) - INTESO OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL ...) SOPPRESSIONE
TRENO ... DA ... A ... - MATERIALE VIAGGIA CON TRENO ...
(Art. 14.5).
(25 ter) - OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL ...) TRENO ... SOPPRESSO
DA ... A ... - EFFETTUASI SUA VECE STESSO TRATTO STRAORDINARIO
...
(26 ter) - INTESO OGGI ... (DOMANI ... oppure NOTTE DAL ... AL ...) SOPPRESSIONE
TRENO ... DA ... A ... ED EFFETTUAZIONE STESSO TRATTO
STRAORDINARIO ...
(Art. 14.6).
Anticipo nella corsa treni
(27) - TRENO ... VIAGGERÁ CON ANTICIPO DI MINUTI ... DA ... A ... (ed occorrendo:
E DI MINUTI ... DA ... A ... SOPPRESSA FERMATA A ...).
(Art. 15.3).
ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO
IN TELECOMANDO
111
ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO
IN TELECOMANDO
112
Locomotiva di spinta
(28) - TRENO ... PARTIRÁ CON SPINTA SGANCIABILE (ed eventualmente:
FINO AL KM ...).
(29) - INTESO TRENO ... CON SPINTA SGANCIABILE (ed eventualmente: FINO
AL KM ...).
(Art. 16.6).
(30) - TRENO ... PARTIRÁ SENZA SPINTA.
(Art. 16.9).
(31) - SPINTA TRENO ... RICOVERATA.
(Art. 16.10).
Interruzione programmata della circolazione
(32) - SOPPRESSA.
(33) - INTESO OGGI ... INTERRUZIONE LINEA (o BINARIO PARI o DISPARI.
In caso di linee affiancate specificare sempre la linea interessata) FRA ... E ...
COME DA PROGRAMMA N. ... DEL ... (o COME DA PROGRAMMA N. ...
PREVISTO IN ORARIO (ed occorrendo: DOPO TRENO ...).
(Art. 18.4, 19.5).
(32 bis) - SOPPRESSA.
(33 bis) - INTESO CIRCOLAZIONE A BINARIO UNICO FRA ... E ... DAL
TRENO ... - TUTTI I TRENI PERCORRERANNO BINARIO DISPARI (o PARI).
(Art. 19.5).
(34) - DALLE ORE ... (o DAL TRENO ...) RIPRENDESI SERVIZIO NORMALE
FRA ... E ...
(Art. 18.14).
ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO
IN TELECOMANDO
113
Interruzione accidentale della circolazione
(35) - SOPPRESSA.
(36) - SOPPRESSA.
Locomotiva di soccorso
(37) - TRENO ... FERMO IN LINEA PROSSIMITÁ KM ... - CHIESTO SOCCORSO
LOCOMOTIVA (ed occorrendo: CARRO ATTREZZI, LAVORATORI,
MEDICI, CARROZZA PER TRASBORDO, etc.).
(Art. 24.7).
Disabilitazione
(38) - SOPPRESSA.
(39) - INTESO ... (stazione) DISABILITATA PER TRENI SEGUENTI TRENO ...
(Art. 25.10).
(40) - SOPPRESSA.
(41) - TRENO ... (ultimo arrivato dalla parte della stazione disabilitata) GIUNTO.
TRENO ... (ultimo inviato verso la stazione disabilitata) PARTITO ORE ...
(Art. 25.13).
ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO
IN TELECOMANDO
114
Fermate
(42) - SOPPRESSA.
(43) - INTESO DOPO TRENO ... E TRENO ... SERVIZIO A ... RIPRISTINATO
CON ADDETTO.
(Art. 26.12).
Marcia privilegiata
(44) - APPLICATE TRENO ... MARCIA PRIVILEGIATA DA ... A ...
(Art. 27.1)


Rubrica
LEGGI E REGOLAMENTI

Sottocategoria
LEGGI E REGOLAMENTI CHE ALFIO CRISAFULLI HA LETTO E STUDIATO

LEGGI E REGOLAMENTI
LEGGI E REGOLAMENTI CHE ALFIO CRISAFULLI HA LETTO E STUDIATO
..Altri articoli

lunedì 22 gennaio 2007
1.CODICE DI PROCEDURA PENALE
TEST
domenica 21 gennaio 2007
2.CODICE PENALE
mercoledì 17 gennaio 2007
3.REGOLAMENTO SEGNALI
mercoledì 17 gennaio 2007
4.LEGGE 1958-03-28 n. 425 (GU n. 103 del 29/04/1958) STATO GIURIDICO DEL PERSONALE DELLE FERROVIE DELLO STATO. (PUBBLICATA NEL SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 29 APRILE 1958)
mercoledì 17 gennaio 2007
5.DISPOSIZIONI PER IL SERVIZIO CON DIRIGENTE UNICO
mercoledì 17 gennaio 2007
6.LEGGE 1970-05-20 N. 300
mercoledì 17 gennaio 2007
7.D.P.R. 1955-04-27 NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO
mercoledì 17 gennaio 2007
8.PREFAZIONE GENERALE ALL'ORARIO DI SERVIZIO
mercoledì 17 gennaio 2007
9.LEGGE 1985-05-17 ISTITUZIONE DELL'ENTE FERROVIE DELLO STATO
mercoledì 17 gennaio 2007
10.R Circolazione dei Treni Edizione 1962

Archivio Articoli in:
 LEGGI E REGOLAMENTI CHE ALFIO CRISAFULLI HA LETTO E STUDIATO..

 

 
 

Nuova pagina 1

 

Restando sempre in tema della categoria..

Leggi e regolamenti che alfio crisafulli.. [17]



 

 

 


© Periodico libero di Informazione Diretto da Crisafulli Alfio, Tutti i diritti riservati. www.crisafullialfio.it